Renzi, autogol sull'Imu. I proprietari di case: hai stangato il ceto medio

Il leader Pd si vanta: l'imposta l'ho abolita io. Confedilizia: l'ipertassazione ha fatto danni

Un bel tacer non fu mai scritto. È proprio vero. Infatti ieri il segretario del Pd, Matteo Renzi, ha intasato i social rivendicando l'abolizione dell'Imu sulla prima casa, esempio che anche la Francia sta seguendo. «Il Presidente della Repubblica francese, Macron, ha annunciato in queste ore l'abolizione della tassa sulla prima casa. Provvedimento che aiuterà soprattutto il ceto medio», ha chiosato su Facebook ricordando che «quando noi abbiamo abolito l'Imu prima casa, nel 2015, le polemiche in Italia sono state enormi e le opposizioni hanno votato contro. Se vinceranno grillini o leghisti, rimetteranno la tassa sulla prima casa o manterranno anche questa misura voluta e votata dai governi Pd?»

A prescindere dall'errore storiografico (come ha ricordato l'ex ministro Mara Carfagna, «l'abolizione dell'Imu sulla prima casa è un impegno realizzato nel 2008 dal governo di centrodestra con l'opposizione del Pd»), Renzi è riuscito ancora ad attirare le critiche della proprietà immobiliare rappresentata da Confedilizia. «Renzi scrive che chi ha la casa di lusso o la seconda casa paga l'Imu, anche se le prime case ancora soggette a tassazione sono di lusso solo nella fantasia del legislatore», ha replicato il presidente Giorgio Spaziani Testa evidenziando «la mancata comprensione dei danni che da ben sei anni sta producendo l'ipertassazione patrimoniale su tutti gli immobili diversi dalla prima casa, anch'essi, per usare le parole di Renzi, beni rifugio del ceto medio».

Le conseguenze prodotte dalla fiscalità esagerata che, sommata a quella sui redditi immobiliari e sulle compravendite, «porta a 50 miliardi il carico annuale sul settore», aggiunge Spaziani Testa, «sono evidenti per chiunque voglia vederle: valori crollati, risparmio delle famiglie distrutto, imprese costrette alla chiusura, posti di lavoro perduti, negozi sfitti in continuo aumento, consumi limitati». La sollecitazione non è complicata: la politica deve comprendere che vanno pensate misure per il settore immobiliare nel suo complesso, in modo da consentirgli di tornare a essere motore di sviluppo».

Insomma, come sempre più spesso accade a Renzi ultimamente, ogni sua sortita si trasforma in un boomerang. Anche se va dato atto all'ex premier di aver abolito il balzello sulle prime case, non si può trascurare come il prelievo fiscale sul possesso sia raddoppiato negli ultimi sei anni a causa della stretta decisa dal governo Monti (parzialmente intervallata dallo stop all'Imu prima casa nel 2014 a opera del governo Letta). Gli esecutivi di centrosinistra sono stati sempre troppo timidi sulla materia. Di qui il rilancio deciso dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi che ha sempre invocato non solo la cancellazione totale dell'imposizione sulla prima casa, ma anche un sollievo fiscale per i trasferimenti di proprietà (successione in primis). Su questo campo tanto M5s quanto il Pd non possono spingersi oltre perché nel loro dna è iscritta una valutazione negativa dell'accumulazione di patrimonio.

Come ha sottolineato il senatore azzurro Andrea Mandelli, «le prime case, ma anche gli immobili commerciali e le abitazioni acquistate con fatica dalle famiglie per poter contare su una piccola fonte di reddito, non possono più essere considerate un bancomat dello Stato». Non a caso Fi si era battuta per l'introduzione in manovra della cedolare secca sulle locazioni commerciali. «È paradossale che si spengano le luci sulla enorme tassazione rimasta sugli altri immobili», ha chiosato Daniele Capezzone (Noi con l'Italia).

Commenti
Ritratto di giuliano lodola

giuliano lodola

Mer, 03/01/2018 - 09:05

Dice un vecchio proverbio " hai mangiato l'uovo in cxxo alla gallina " , si riferisce al governo Renzi e suoi ministri precedenti stesso partito, hanno fatto cassetta per un anno inventando nuove tasse per poi non incassare più nxxla e aver distrutto gli Italiani, ora non resta più nxxla.

GUARDACOMEDONDOLI

Mer, 03/01/2018 - 10:17

Vorrei suggerire a tutte quelle cape frekate che ci governano di dirade ossigeno al ceto medio non facendo crollare le quotazioni immobiliari. La casa è sempre stata considerata come un bene rifugio. Oggi, invece, è stata presa di mira dagli appetiti del fisco che non mollano la presa sapendo che non si scappa. ALlora, viva qualche altra forma di evasione, per la sopravvivenza. Tanto i loro appannaggi e vitalizi vanno decisamente oltre ogni limite e decenza.

tangarone

Mer, 03/01/2018 - 10:33

Ad esempio, uno che ha un bell'appartamento in centro da 150mq non paga l'IMU, ma uno che ha 2 miseri appartamenti in periferia, per un totale di 100-120 metri quadri deve pagare una imu altissima sulla seconda casa, che magari ha ereditato. Se proprio occorre far pagare, deve essere una cosa equa, far pagare l'imu al di sopra di una certa rendita catastale.

Ritratto di ...debborah...

...debborah...

Mer, 03/01/2018 - 10:56

grazie al sgoverno di mario mortis e grazie ai compari di merenda pdpdl che lo hanno appoggiato

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 03/01/2018 - 11:11

L'imu è un'imposta patrimoniale. L'essenza del furto fiscale. Confedilizia è troppo filogovernativa. Non è coerente coi principi liberali cui, pare, si ispira. Se lo stato ti deruba non ci si può piegare dietro un teorico rispetto delle leggi statali, limitandosi al mugugno. Se le leggi sono ingiuste, liberticide, limitative della proprietà privata, vanno semplicemente ignorate. In un mondo di gente libera opporsi non è un'opzione, ma un obbligo. Opporsi, nel caso specifico, significa buttare via i modelli f24, e tenersi i soldi in tasca.

tosco1

Mer, 03/01/2018 - 11:20

Se guardate in faccia il Renzi gongolante, e' facile capire che lui ha in programma, nel caso di improbabile vittoria, un ulteriore incremento sulla tassazione della casa. I soldi del ceto medio gli sono serviti, e vorrebbe che gli servissero ancora ,per dare dei contributi personalizzati, i bonus. Una detassazione percentuale generalizzata e' una legge dello stato, contributi e bonus mirati e personalizzati, sono delle elargizioni in denaro date da Renzi. Era questo il suo programma. Poi, gli italiani,dopo le europee, hanno capito chi e'.

Marcello.508

Mer, 03/01/2018 - 11:37

Non è una novità: il ceto medio è da sempre inviso a quella genia di politici che fanno i duri con i deboli, salvo poi calare le braghe con chi è più forte di loro. E ci sono, certo che ci sono quest'ultimi..

LUCATRAMIL

Mer, 03/01/2018 - 11:55

E cosa si aspettavano i proprietari di case? chi è di sinistra considera il proprietario di casa come un magnate cattivo che odia i poveri; figuriamoci chi con fatica si è fatto la seconda casa al mare. Non dovevate votarlo. Pensateci meglio questa volta, sperando che anche la Destra si ricordi del ceto medio, di cui si era dimenticata le volte precedenti.

Duka

Mer, 03/01/2018 - 12:43

La stessa cosa la può dire per gli 80 Euro diventati una barzelletta ma peggio un danno per le tasche dei cittadini moltiplicato per 3 volte. La regola applicata dal bullo al contrario è la stessa del supermarket paghi 1 e prendi tre , lui da 1 e prende tre. Il bello che si crede un furbo.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 03/01/2018 - 13:07

Grazie a ue, governi tecnici e pd le case non valgono più nulla. A parte quelle per i ricchi amici del pd.

luna serra

Mer, 03/01/2018 - 13:20

L'ICI adesso imu fu abolita da Berlusconi e rimessa da Monti con i Voti di FI - PD poi abolita in parte da Renzi

Raoul Pontalti

Mer, 03/01/2018 - 13:32

Basta essere destricoli per palesarsi quali somari, falsari, bugiardi... La ministra con le zinne al vento sui calendari per camionisti afferma che fu Silvio ad abolire l'IMU sulla prima casa già nel 2008? Tre anni prima dell'istituzione dell'IMU (da parte del solito Silvio nel 2011, poi ce la applicò Monti...)? Ma per favore torna o Mara sui calendari e senza veli...

silvano45

Mer, 03/01/2018 - 13:46

Imbecillita'della politica è evidente hanno fatto crollare le vendite delle case con perdita di posti di lavoro edilizia e nel settore senza contare IVA incassata e le tasse per ogni vendita

Massimo Bernieri

Mer, 03/01/2018 - 17:42

I pensionati si lamentano per le pensioni che 3 volte il minimo non hanno aumenti,chi ha una abitazione di proprietà si lamenta,chi dovrà lavorare sino a 67 anni si lamenta,chi fa la spesa si lamenta del costo sacchetti bio...se è così che quasi tutti sono arrabbiati con il PD sarà già molto se arriverà al 10% ma non ci credo.Starà sempre attorno ad un 25%.