Renzi fa il finto tonto per non irritare i partner commerciali

Bergoglio rompe il silenzio sullo sterminio armeno del 1915. L'ira della Turchia. Il premier italiano sta zitto Sostieni il reportage

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi

Roma - Matteo Renzi ha preferito la ragion di Stato alla solidarietà cristiana. Non si può spiegare altrimenti l'ostinazione con cui il premier e il governo hanno evitato di spendere una parola per denunciare il «genocidio armeno» nel suo centenario e, soprattutto, nel giorno in cui Papa Francesco, assieme al Katholikos Karekin II (il patriarca degli armeni cristiani), ha condannato il primo massacro del XX secolo, perpetrato dagli ottomani nel 1915, definendo «martiri» le vittime dell'intolleranza religiosa.

Esporsi a favore dell'Armenia avrebbe significato irritare importanti partner commerciali come la Turchia (che ha richiamato l'ambasciatore in Vaticano) e l'Azerbaigian, da sempre contrari a catalogare gli eccidi di massa come «genocidio». Dall'Azerbaigian partirà il costruendo gasdotto Tap, alternativa agli approvvigionamenti russi e algerini. Con la Turchia, «recuperata» proprio da Renzi alla causa di Expo 2015, sono in ballo circa 20 miliardi di dollari di interscambio commerciale annuo.

Il governo italiano, perciò, ha preferito tacere. Non una parola del premier. Non un sibilo dal ministro degli Esteri Gentiloni. Sin dalla scorsa settimana si era compreso che l'Italia non avrebbe compiuto nessuna mossa che avrebbe potuto attirarle antipatie islamiche in questo momento delicato. Proprio in vista dell'importante appuntamento in Vaticano, sin dai giorni scorsi è presente in Italia una delegazione guidata dal presidente armeno Serzh Sargsyan. A fare gli onori di casa sono stati prima il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha ricevuto l'omologo al Quirinale, e poi il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, che ha ricordato la collaborazione militare nella missione di pace in Libano. In entrambi i casi zero riferimenti al genocidio.

Il presidente Sargsyan avrebbe voluto essere ricevuto anche dal presidente del Consiglio, ma proprio giovedì scorso, in occasione di una cena del gruppo parlamentare di amicizia italo-armena, si è saputo che Palazzo Chigi non avrebbe aperto le proprie porte. D'altronde, l'unico esponente più noto del Pd che vi ha preso parte è stata la deputata civatiana Sandra Zampa, l'ex portavoce di Prodi storicamente non «allineata» a Renzi. La maggioranza era rappresentata da Fabrizio Cicchitto e Pier Ferdinando Casini di Area Popolare, presidenti delle commissioni Esteri di Camera e Senato rispettivamente. Un esito diverso era altamente improbabile considerato che nessun esponente del governo (nemmeno il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini) ha presenziato a un'occasione «innocua» come la mostra «Il Paese dell'Arca», inaugurata a marzo al Vittoriano, una kermesse tutta dedicata all'Armenia e alla sua storia.

E non è un caso che una mozione del deputato azzurro Antonio Palmieri sull'inserimento del «genocidio armeno» nei programmi scolastici sia stata sistematicamente boicottata dal Pd. Troppo rischioso far conoscere ai ragazzi la realtà storica. Troppo rischioso irritare Turchia e Azerbaigian.

Annunci

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Lun, 13/04/2015 - 08:24

Chi non fiata? Il pupazzo cacciaballe? Ma se questo lavorasse in un azienda privata gli farebbero spazzare i cessi, forse.

grandeoceano

Lun, 13/04/2015 - 08:34

Ma quale "finto"? Ha semplicemente scelto di essere come Don Abbondio, codardo e pusillamine!!! D'altronde se sei vaso di coccio, non ti mettere tra i vasi di ferro...

misereremeidomine

Lun, 13/04/2015 - 08:35

Ergo... dovremmo rompere con l'America per il genocidio degli indiani (XVI secolo)? Chi è senza peccato...

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 13/04/2015 - 08:49

l'Italia ha sempre un motivo per essere governata da cacasotto, ha sempre un motivo per fare compromessi con la dignita', ha sempre un motivo per "prostituirsi" ha sempre un motivo per vendere i propri figli..alle "ragioni" di stato, renzie e' l'ennesimo prodotto politico calabraghe, parolaio, cerchiobottista, infamotto...niente, li produciamo in quantita' industriale

Ritratto di V_for_Vendetta

V_for_Vendetta

Lun, 13/04/2015 - 08:51

questo e' il peggior politico di tutti i tempi, e' la reincarnazione della romanita', bugie, sotterfugi, corruzione, promesse e falsita'. dall'epoca romana ad oggi lui incarna in se stesso tutto il peggio.

paspas

Lun, 13/04/2015 - 08:52

RENZI CHE MI ERA ANCHE SIMPATICO ORA STA DIVENTANDOMI ANTIPATICISSIMO. SENZA IL CORAGGIO DI DENUNCIARE LA VERITA' CI SI DIVENTA MEZZE CREATURE. TANTO CORAGGIO NEL ROTTAMIZZARE MA POI DI FROTE AD UN GENOCIDIO GLI CADONO LE BRACHE. QUESTO NON LO POSSO ACCETTARE. AMMIRO IL PAPA CHE CON LA SUA SEMPLICITA' HA DENUNCIATO NERGICAMENTE CHIAMANDOLO COL SUO VERO NOME IL GENOCIDIO DEGLI ARMENI.

linoalo1

Lun, 13/04/2015 - 08:56

Una volta tanto,dò ragione a Renzi!Altrimenti,perchè non commemorare anche i Cristiani perseguitati nelle Catacombe?E' vero!Sono io che sbaglio!Dal fatto in questione,sono passati solo 100 anni ed il suo ricordo è ancora vivo in tutti!

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Lun, 13/04/2015 - 09:03

Gian Maria De Francesco avrebbe quindi preferito mettere a rischio il gas kazako. Così se poi non ci arrivava più il gas poteva dare la colpa a Renzi. Complimenti.

Sylviothebest

Lun, 13/04/2015 - 09:03

Renzi fa bene: che senso ha riprendere da soli oggi una polemica contro un partner islamico moderato come la Turchia, che potrebbe oltretutto avere un ruolo determinante nella lotta contro l'ISIS. L'Italia ha già riconosciuto lo sterminio e la diaspora degli Armeni. Punto. Non vedo perchè debba fare altri passi. Li facessero quei paesi ( e sono tanti)che lo sterminio ancora non l'hanno riconosciuto!!!

abacon

Lun, 13/04/2015 - 09:12

Ma questo è un Premier ?

gesmund@

Lun, 13/04/2015 - 09:15

Nessuno pretende niente da uno come Renzi che, come tutti i comunisti, ragiona solo in base al dio denaro.

Ernestinho

Lun, 13/04/2015 - 09:17

Il "renzi, "dilettante allo sbaraglio", fa comodo a tutti, nemici (!!!) inclusi. E' lui che, espondendosi in prima persona, fa da caprio espiatorio di tutte le demenziali iniziative da lui prese: aumento di tasse ecc.

amedeov

Lun, 13/04/2015 - 09:18

X abacon: no è un burattino

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 13/04/2015 - 09:18

ora penso che i scemi di sinistra capiranno che la sinistra e renzi si sono completamente sputtanati dagli islamici, i quali per un tozzo di pane hanno piegato l'intera italia a 90 gradi, e impongono le loro leggi al posto di quelle nostre.... contenti scemi di sinistra? :-) ora vedremo se la dignità italiana vale più dei soldi che ci danno!!!

SCHIZZO

Lun, 13/04/2015 - 09:23

Mischiare la religione con la politica hummm sento già la puzza!

Klotz1960

Lun, 13/04/2015 - 09:35

Non vedo perche' l'Italia dovrebbe seguire il Papa e rovinarsi i rapporti con la Turchia. Che Bergoglio pensasse a riformare la dottrina cattolica, dato che i cattolici calano ogni giorno, ad esempio su sesso controllo nascite celibato dei preti, invece di chiacchierare.

Ernestinho

Lun, 13/04/2015 - 09:46

Io non sono pro-renzi. Ma che senso ha ricordare oggi atrocità vecchie di secoli? Dovremmo fare lo stesso con la Germania (nazisti), l'Austria, la Francia ecc. Meno male che sono passati tanti anni!

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Lun, 13/04/2015 - 09:52

NEPPURE UNA TWITTERATINA?

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 13/04/2015 - 10:23

linoalo ciompi, e voi da cittadini Italiani, da MARO', da soldati, vi fidereste di questo stato, governo..che pensa a questa maniera?? che mette sempre gli interessi..pochi o molti prima della dignita' nazionale, e dei suoi valori?? SEMPRE?

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 13/04/2015 - 10:24

Papa Francesco a volte parla a ruota libera. Nel caso di specie ha detto una verità, ma ormai lontana e da dimenticare. Quanto alla Turchia, di cui pare imminente l'ingresso nella UE, preferirei che se ne restasse per i fatti suoi. Amici, ma ognuno a casa sua. Ci siamo già allargati troppo e la Romania mi sembra già un peso notevole, dato che "ospitiamo" la sua delinquenza, libera di muoversi come vuole, mentre a casa loro li terrebbero in galera.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 13/04/2015 - 10:26

Renzi fa il finto tonto? È proprio una finta?

Rossana Rossi

Lun, 13/04/2015 - 10:32

E' ben il TERZO governo abusivo. Prima lo si manda a casa meglio è per tutti.........

marcomasiero

Lun, 13/04/2015 - 10:35

renzi è inutile che fai finta di niente !!! lo sterminio degli armeni fu perpetrato dai turchi ! sarebbe come dire che i crucchi non riconoscessero i campi di sterminio nazisti ! TU e i tuoi soci in affari (vedi EU) dovete sparire poichè NON in grado di difendere la nostra identità ! personalmente di affari con gli arabi di qualsiasi natura siano e nazionalità NON ne faccio !!! non collaboro con chi ci stermina o ci discrimina e VORREI vedere che il mio Paese facesse lo stesso !!! il commercio NON può avere la meglio sui PRINCIPI !!! ma sappiamo che VOI SIETE VENDUTI COME LE MEGLIO PROSTITUTE VISTO CHE ANCORA DOPO 4 ANNI I NOSTRI MARO' SONO NELLE MANI DI UNO STATO CANAGLIA !!!

Fradi

Lun, 13/04/2015 - 10:39

Non confondiamo i ruoli. Il Papa ha fatto bene perchè è un dovere morale ricordare il genocidio. Renzi, del quale non ho la minima stima, in questo caso ha fatto bene pure lui, perchè rappresenta il potere civile. Lo stato deve poter dialogare senza pregiudizi con tutti quelli che non sono direttamente responsabili di ingiustizie. Il fatto è accaduto 100 anni fa e perciò è giustificata la diplomatica prudenza con i governanti turchi attuali, a tutela dei nostri interessi.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 13/04/2015 - 10:42

La questione del genocidio degli armeni è storica ma anche politica. L’Italia ha già condannato il genocidio degli armeni con una risoluzione del 17 novembre 2000, invitando la Turchia a fare i conti con la propria storia. L’Unione Europea si è spinta anche molto oltre, dopo la risoluzione del Parlamento del 1987, in cui ha chiesto al governo turco di riconoscere la realtà storica del genocidio del 1915, ha fatto seguire ben 20 risoluzioni (nell’ambito delle relazioni UE-Turchia) sistematicamente rinnovando tale richiesta al governo turco. È risaputo che il mancato riconoscimento del genocidio degli armeni da parte della Turchia costituisca un impedimento al suo ingresso nell’UE. È paradossale che mentre per la Turchia parlare di genocidio degli armeni è considerato un reato ("vilipendio dell'identità nazionale"), per la Francia è considerato reato negarlo.

avallerosa

Lun, 13/04/2015 - 10:44

renzi non fa il finto tonto fa solo ciò che vogliono i suoi amici e che serve a lui per restarre al potere.La dittatura è quasi completa che gliene grega a lui di genocidi.VOTATELI CODARDI IPOCRITI. CI SONO LE REGIONALI E COME SEMPRE LE PROMESSE VI FANNO CALARE LE BRAGHE.

Ritratto di makisenefrega

makisenefrega

Lun, 13/04/2015 - 10:45

@misereremeidomine c'è la piccola differenza che l'America non nega i suoi "peccati".

fabiotiziano

Lun, 13/04/2015 - 10:51

Le ragioni di stato hanno sempre il sopravvento su quelle umanitarie. In qualsiasi governo in qualsiasi tempo. Soprattutto per uno stato non autosufficiente come il nostro. Vogliamo per esempio dimenticarci come lo scorso anno lo stesso Papa Francesco per non irritare i cinesi non concesse udienza al Dalai Lama? come diceva Gesù, chi è senza peccato...

lupo1963

Lun, 13/04/2015 - 11:07

Renzi fa il finto tonto anche sull'immigrazione clandestina.O non ne parla o lancia quei fantomatici appelli all'Europa,ente mitologico che si fa sentire solo quando ci deve romper i cxxxxxxi.

apostata

Lun, 13/04/2015 - 11:11

Beh! Mi sembra che questa volta renzi abbia ragione. Tutti ci portiamo dentro la ferita del genocidio degli armenti, l’amore verso questo popolo, ma ci sono livelli diversi di partecipazione ai quali bisogna attenersi. Il dovere della gente è ricordare, quello dei mezzi di comunicazione è mantener vivo e documentato il ricordo. Gli esponenti di vertice debbono invece agire per le vie proprie delle diplomazie, incidere sulle politiche. Scaricare sull’opinione pubblica tensioni e rancori che l’opinione pubblica non può risolvere, è segno d’impotenza, di demagogia, d’incultura, d’inconsapevolezza del proprio ruolo, di rozza improvvisazione, è incentivo gratuito all’odio.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 13/04/2015 - 11:12

Ernestinho - Un fatto accaduto nel 1915 vecchio di secoli? Al massimo ne è passato uno! Pensi che solo trent'anni dopo c'è stato lo sterminio degli ebrei da parte dei nazisti. Perché, in questo caso, tutti i momenti vanno bene per ricordarlo? Di certo la Germania non se la prende con le nazioni che lo ricordano, non richiama tutte le volte i suoi ambasciatori e i rapporti commerciali non vengono interrotti! E' poi sicuro che Renzi sulle stragi naziste non dica la sua pubblicamente? Perché invece, secondo lei, dovrebbe tacere in questo caso? Renzi, però, non ha taciuto, visto che si è rifiutato di ricevere il presidente Sargsyan e ha tenuto chiuse le porte di Palazzo Chigi. Non lo ha detto apertamente...lo ha fatto capire. E' più che sufficiente.

Ernestinho

Lun, 13/04/2015 - 14:06

X "abraxasso". Dica lei quanto tempo deve passare perché sterminii possano passare non nel dimenticatoio (non deve mai avvenire) ma che non vengano tirati in ballo quando si vuole. Anche noi Italiani abbiamo le nostre colpe: in Libia (non per niente Gheddafi pretendeva i "danni di guerra") come in altri Paesi. Allora che facciamo? Sono cose successe fortunatamente molto tempo fa. Perfino l'America e Cuba si sono riavvicinati per una "guerra fredda" avvenuta pochi decenni fa! Forse, secondo lei, non dovevano farlo? Di questo passo dovremmo tirare in ballo anche le "Guerre Crociate"

Ritratto di alejob

alejob

Lun, 13/04/2015 - 14:29

Questo pirla non era nemmeno nato e non può parlare su qualcosa che non sa. Comunque, anche il Papa deve fare attenzione ed essere PIU' PRUDENTE a parlare su certi argomenti, che possono portare a CONFLITTI non RELIGIOSI, ma tra STATI. Sono passati cento anni, da quel massacro, rivangare il passato non porta bene NONNA diceva : (CHI VIVE NEL PASSATO NON HA FUTURO). Nessuno dice di dimenticare, ma se si vuole andare AVANTI bisogna mettere una PIETRA sul passato innalzando su QUESTA IL FUTURO.

Ritratto di Scassa

Scassa

Lun, 13/04/2015 - 14:49

scassa lunedì 13 aprile 2015 Non stimo per niente il cacciaballe para comunista ,ma per una volta ha ragione ,anche in totale mancanza di classe ! Ricordatevi il Concordato e il principio fondante della Democrazia : libera Chiesa in libero stato . Per quanto riguarda la fornitura di metano ,mi piacerebbe risentire quelli che ora deprecano ,cosa farebbero a -10 ,con il computer a pedali ,i pinguini in giro per le strade e alle prese con i surgelati e niente fuoco per cuocerli ! Mi piacerebbe proprio !!!!!!!!!scassa.

Ernestinho

Lun, 13/04/2015 - 14:49

Il renzi ha preferito non accennarlo, altrimenti, alterando la realtà come lui ben sa, avrebbe detto che gli Armeni sterminarono i Turchi!

Libertà75

Lun, 13/04/2015 - 14:54

@liberopensiero77, invece per lei la questione armena come va considerata?

Libertà75

Lun, 13/04/2015 - 14:55

@alejob, mi dica, considera anche la shoa una cosa di poco conto da dimenticare e seppellire? Attendo di vedere lo spessore intellettuale suo e la sua coerenza. Per me chi vive senza storia è come chi vive senza cibo, senza cultura non si vive, quindi non sono d'accordo con lei!

bleumoon

Lun, 13/04/2015 - 15:09

.......il grande statista Renzi parla solo quando spara caxxxte

marcomasiero

Lun, 13/04/2015 - 15:15

la storia la fa chi agisce per principio e non chi agisce per "convenienza" come purtroppo leggo molti auspicano ! davvero triste constatarlo !!!

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 13/04/2015 - 15:27

@Libertà75, a mio modesto avviso, senza addentrarmi nella questione storica e sul significato del termine "genocidio" (su cui ci sarebbe molto da dire), a livello politico mi sento in linea con l'UE. L'Italia si è fermata alla risoluzione del 2000, che non era nemmeno di tutto il Parlamento, ma solo della Camera dei deputati. L'impostazione dell'UE ha il pregio di mettere la Turchia alle corde, mette in crisi il suo nazionalismo e il suo integralismo religioso (e su quest'ultimo aspetto adesso anche il Papa sta facendo la sua parte). Se la Turchia vuole entrare nell'UE, deve abbandonare un nazionalismo intransigente e posizioni confessionali integraliste. Se questa è la situazione, penso che ci vorranno molti anni prima che il processo si compia.

APG

Lun, 13/04/2015 - 16:16

Finto tonto? Questo è un Vero Furbo che vuole stare ben attaccato alla poltrona, al pari di alf-ano e di tutta la cricca di governo! Un governo del ca…o per un paese di m…a!

Ritratto di alejob

alejob

Lun, 13/04/2015 - 16:19

çLibertà75, La shoa, l'abbiamo vissuta e la possiamo commentare ed anche approfondire, senza smentita. Non possiamo invece inoltrarsi i cose non VISSUTE e contraddette da molti. Noi sappiamo benissimo che la STORIA ha molte PAGINE, come le SONO le STRADE che conducono a ROMA, tutte queste conducono SI a ROMA ma NON SONO UGUALI.

@ollel63

Lun, 13/04/2015 - 16:59

perché "finto tonxx"? E' vermente TONXX.

Libertà75

Lun, 13/04/2015 - 17:40

@alejob, a quindi lei si dichiara solo anticristiano e non antisemita! Io non ho vissuto la shoah, allora potrei negarla? Posso capire che lei sia intellettualmente privo di cultura e pigro da non volersi informare, ma se risultano mancare 1,5milioni di armeni cristiani, la cosa non è opinabile, non è che uno storico si inventa che mancano e l'altro si inventa che ci sono. Si faccia una cultura, che vivere senza è sempre sinonimo di ignoranza e razzismo.

ClaudioSaggini

Lun, 13/04/2015 - 19:54

Questa volta bisogna dare atto a Renzi di essersi comportato benissimo, in considerazione della sua provenienza cellina. Occorre prendere atto che nell'era della globalizzazione le tre religioni gemelle monoteiste sono deleterie al raggiungimento di una reciproca convivenza. Gai seri sarebbe ri-cadere nelle guerre di religione. I "tre gemelli" sono teologicamente incompatibili tra loro, basta dire che ciascuno è nato per essere contro ed eretico dell'altro. Bene ha fatto il Primo Ministro turco a bacchettare uno dei tre capi religiosi che vorrebbe rinvangare un triste già vangato passato..

dietelmo

Lun, 13/04/2015 - 21:08

Per non irritare la Turchia? E non ci ha messo niente ad irritare la Russia con le coglionazze sanzioni . E cosi la Russia ce lo sta mettendo nel c..e noi teniamoci la Turchia!