Renzi se ne va dal Pd: ecco cosa succede ora

L'ex premier è a un passo dall'ufficializzare il divorzio dal Pd: tutte le conseguenze del suo addio

Non è ancora ufficiale, ma Matteo Renzi è ormai a un passo dall'addio al Partito Democratico. Una storia, quella tra l'ex premier e il Pd, fatta di (pochi) alti e (tanti) bassi. In attesa che il senatore prenda la decisione e la comunichi – forse già domani da Bruno Vespa a Porta a Porta, più che il 20 ottobre alla Leopolda di Firenze – ecco tutte le conseguenze del divorzio.

In primis, una curiosità. Renzi sarebbe il terzo "big" dem ad andarsene per creare un'altra formazione politica. Prima di lui, andando a ritroso, Pier Luigi Bersani, che nel febbraio 2017 se ne va e fonda Articolo 1 – Movimento democratico e progressista, senza troppi successi e tanti voti nelle urne. Prima ancora fu il turno di Francesco Rutelli, che nell'ottobre 2009 perde le Primarie e decide di fare un passo di lato, dando vita ad ApI, Alleanza per l'Italia. Anche in questo caso, non un "successone".

Ad ogni modo, importante è capire quanti saranno i parlamentari "democratici" che seguiranno l'ex sindaco di Firenze: ci sono i 48 deputati e i 28 senatori di "Base Riformista" che al congresso non hanno votato Nicola Zingaretti, ma che non per questo seguiranno sicuramente Renzi. Che può invece contare di una quindicina di deputati e di cinque senatori. In entrambi i casi, numeri insufficienti per creare gruppi autonomi a Montecitorio (dove ne servono almeno 20) e a Palazzo Madama (dove il minimo è 10). L’ipotesi è quindi quella di aderire a gruppi già esistenti o confluire nel "Misto". Fondamentale, dunque, conoscere il numero degli scissionisti.

In ogni caso, la maggioranza giallorossa non dovrebbe correre rischi, visto che Renzi è stato fautore dell'inciucio e non vuole tornare al voto. O, per lo meno, non tornarci a breve. Perché il piano dell'ex premier è quello di dare tempo al suo nuovo partito (il cui nome rimane ancora un mistero) per crescere e ottenere consenso, così da non temere il voto degli italiani.

Uno scisma che è un vero e proprio terremoto per il centrosinistra italiano, che si ritroverà diviso tra il Pd zingarettiamo, la sinistra di Leu, un partito più centrista di Renzi appunto e, molto probabilmente, anche una realtà riformista e liberale di centro di Carlo Calenda (già seguito da Matteo Richetti). Un rebus che mette a rischio anche le alleanza locali: un eventuale asso Pd-M5s (in Umbria e a seguire, chissà, in tutt'Italia) basterà ai due partiti per vincere, visto che verranno meno (forse) i voti di Renzi? Un interrogativo, questo, che rimane senza risposta e che tormenterà le notti dei vertici Pd e M5s.

Commenti

Stefanojeep

Lun, 16/09/2019 - 18:05

Ottima operazione quella di Zingaretti; poteva andare al voto (come voleva) con un partito ( almeno sulla carta unito ), invece a breve sarà costretto ada andare al voto con un partito dimezzato avendo dato al buon Renzi la possibilità di organizzare le truppe. .... e dicono che ha sbagliato Salvini ???

bernardo47

Lun, 16/09/2019 - 18:19

e vada pure e si tolga dagli zibidei....finalmente! 20 milioni di NO lo aspettano nuovamente!

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Lun, 16/09/2019 - 18:31

Chissà se ha già detto a Zingaretti "Nicola stai sereno" ah ah ah

tiromancino

Lun, 16/09/2019 - 18:44

Echissenefrega!

Ettore41

Lun, 16/09/2019 - 19:01

@STEFANOJEEP...... Ma perche',ti sembra che Zingaretti brilli di luce propria, o che sia un faro di intelligenza?

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 16/09/2019 - 19:04

Che peccato...speravo se ne andasse dall'Italia.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 16/09/2019 - 19:07

i tormenti di una sinistra violenta e allo sbando. mi ricordano gli sbandati della werhmacht in ritirata....

jaguar

Lun, 16/09/2019 - 19:14

Non succederà un bel nulla, fonderà un nuovo partito che comunque puntellerà il governo giallorosso.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 16/09/2019 - 19:38

Mahhh, secondo me si unira con Berlusconi in una nuova FARSA Italiaaa!!! AUGH

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 16/09/2019 - 19:46

Credo che la separazione sia solo una tattica,uno specchietto per le allodole o gli allocchi che abboccheranno:portandosi verso il centro creerà scissioni anche nei partiti di centro;ci potrebbero essere alleanze che potrebbero contrastare l'avanzata di Salvini. Non credo affatto che Renzi stacchi la spina al governo,anzi ,in modo subdolo,farà in modo di ottenere la fiducia verso quei partiti scettici verso la sinistra Zingarettiana. Comunque sia non lo sopporto proprio...

Ritratto di moonbase

moonbase

Lun, 16/09/2019 - 19:52

E se la nuova formazione politica attirasse anche qualche deputato di Forza Italia?

Ritratto di Spiderman59

Spiderman59

Lun, 16/09/2019 - 20:11

Un tizio che disse testuale "Se io perdo [il Referendum costituzioale con che faccia rimango? Ma non è che vado a casa, smetto proprio di fare politica.“ quale nome potrebbe dare alla nuova formazione politica, sicuaramente Circus; laddove, pagliacci leccacxxx ed affini possono trovar spazio fino a sparire una buona volta e per sempre.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 16/09/2019 - 20:27

moonbase Lun, 16/09/2019 - 19:52 E'proprio quello che mi preoccupa...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 16/09/2019 - 20:27

forse alla sinistra conviene unirsi a berlusconi, se vogliono. e se accettano le condizioni . ma di certo berlusconi non si unirà alla sinistra :-) ma perchè continuate a credere che destra e sinistra sono uguali? ma cosa avete nel cervello? no non sono uguali! per niente proprio! a partire dal fatto che la sinistra ha permesso bibbiano, e stanno cercando di nascondere le conclamate prove di colpevolezza! la destra invece non ha nulla da nascondere, e se vengono accusati di simili nefandezze, non ci sono prove e pertanto innocenti :-)

bernardo47

Lun, 16/09/2019 - 21:02

i 20 milioni di NO lo aspettano di nuovo! si faccia sotto!

bernardo47

Lun, 16/09/2019 - 21:04

moobase....ce ne faremo una ragione, ma sara' strada che porta poco lontano! lui crede di essere macron, ma e' solo una maccaron e pure di campagna, tra l'altro...

Renadan

Lun, 16/09/2019 - 21:33

IL NOME DEL PARTITO PUO ESSERE "I.D." IDIOTA ITALIANO - POSSONO ESSERE DI AIUTO GIANFRANCO FINI E MARIO MONTI.

Ritratto di Sniper

Sniper

Lun, 16/09/2019 - 21:51

bernardo47 - Concordo. Fuori i corpi estranei, boyscout democristiano buono solo a parlare, come Salvini. ECCO! Confluisca nella Lega. Si meritano a vicenda.

PRALBOINO

Lun, 16/09/2019 - 22:53

Siamo giunti veramente alle comiche finali infatti quanti lavoratori volontari sono rimasti per le feste dell'unità forse si sono trasformati in renziani di supporto????????????

uberalles

Lun, 16/09/2019 - 23:12

x spiderman59: Per quello, ha anche detto a Letta "stai sereno"...E si sa, nel PD la parola è una sola: la bugia!

nunavut

Lun, 16/09/2019 - 23:15

bella la frase e non tornarci a breve,penso che zingaretti,abbia commesso un errore(il futuro ce lo confermerà oppure ho ragionato male,già ho una speranza d'aver visto giusto) se fosse andato al voto si sarebbe sbarazzato,forse per sempre, di renzi avendo il compito di scegliere le liste del suo partito (escludendo i fedelissimi renziani)per le nuove elezioni.

Ritratto di pinox

pinox

Lun, 16/09/2019 - 23:16

potrebbe trovare molti poltronari delusi da altri partiti che lo seguono, ma altra cosa è avere il consenso dal popolo....li la vedo molto piu' dura.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Lun, 16/09/2019 - 23:17

Ed ora tiene per le palle governo e Pd.

Divoll

Lun, 16/09/2019 - 23:59

Ma Renzi davvero pensa di poter "non temere" gli italiani alle urne???

Alain#

Mar, 17/09/2019 - 00:57

Se Renzi (ottima la notizia del suo addio) dovesse far cadere il governo, alle elezioni non arriva al 5%. A meno che non abbracci - dopo Berlusconi - anche Salvini, con il quale ha molti punti di contatto.

Ritratto di serpico1954

serpico1954

Mar, 17/09/2019 - 05:03

A questo punto se Zingaretti fosse intelligente, staccherebbe la spina per andare a elezioni e in un colpo solo farebbe fuori Renzi e le 5 fave!!!!

Ritratto di tangarone

tangarone

Mar, 17/09/2019 - 06:54

Chi fra PD e M5¥s ha paura di renzi è il momento buono per tornare al voto e toglierlo di mezzo

amicomuffo

Mar, 17/09/2019 - 08:04

se Rrenzi, con il suo egocentrismo, fà cadere il governo, rido fino all'indomani dalla sua caduta!

Calmapiatta

Mar, 17/09/2019 - 08:08

La notizia che non è una notizia...tutti lo sapevano, stavamo solo aspettando il quando. Così, mentre tutti sono intenti a farsi i cXXXi propri, i cittadini dovranno ancora pagare in soldoni una classe poltiica mediocre e dedita unicamente a perseguire il proprio interesse personale. PS grazie a Grillo per aver riportato al governo Renzi.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mar, 17/09/2019 - 08:18

In questo governo hanno fatto entrare cani e porci,è normale che poi qualcosa di diverso si trova sempre.

Fjr

Mar, 17/09/2019 - 08:37

Moonbase19,52,visti i salti e le giravolte dei 5S tutto può essere,buona giornata Com.Straker;)

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Mar, 17/09/2019 - 09:18

Da tempo, soprattutto a sinistra, non si procede per "partiti" ma per "bande" al soldo di capetti che simboleggiano la "consistenza ideale" delle "bande medesime. L'ideale ovviamente è il potere, l'occupazione di posti strategici, non certo il bene dei cittadini, che non capiscono sti giochetti e si allontanano sempre più dalla politica attiva.

Gionny280350

Mar, 17/09/2019 - 09:38

Un Paese che riesce a dare potere politico a un Renzi, non è un Grande Paese...

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mar, 17/09/2019 - 09:44

in pratica il PD passa dall'essere un rebus a un puzzle... patetici, non riescono a mettersi d'accordo nemmeno sulla marca della minerale a tavola