Ricorso sul dl Sicurezza, l'Avvocatura: "Attacco di matrice politica"

Il dl Salvini è stato impugnato da 5 Regioni "rosse" davanti alla Consulta. Giudici in camera di consiglio: verdetto entro venerdì

L'Avvocatura dello Stato ha le idee chiare: "I ricorsi delle Regioni contro il dl Sicurezza hanno una matrice politica". Come è noto il dl Salvini è stato impugnato da alcune Regioni "rosse" davanti alla Consulta. Nel dibattimento, prima della Camera di consiglio della Corte, Giuseppe Albenzio, rappresentante dell’Avvocatura dello Stato, ha difeso così il decreto immigrazione e sicurezza fortemente voluto dal Viminale. "La volontà di bloccare questa riforma ha una matrice politica, che in quanto tale comporta l’inammissibilità dei ricorsi", ha affermato Albenzio. Poi il rappresentante dell'Avvocatura dello Stato ha aggiunto: "Che fosse urgente intervenire in materia - ha detto preliminarmente - è dimostrato dalla drammaticità del fenomeno migratorio, esploso in questi ultimi tempi, e dalla necessità di evitare possibili tragedie: lo stesso vale per le norme in tema di lotta alla mafia e per quelle a tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico". Albenzio sottolinea la regolarità delle procedure: "Ci si è mossi nel rispetto delle normative Ue, e nella consapevolezza che per gli Stati membri non esiste un obbligo generale di accoglimento dei migranti al di fuori dei casi di tutela internazionale. Pensiamo ai migranti economici: non è umano respingere persone alla frontiera, ma non lo è nemmeno accogliere persone alle quali non si possono garantire un lavoro e condizioni di vita dignitose".

In fase di dibattimento è inetrevnuto anche l'atro legale dell'Avvocatura dello Stato, Illia Massarelli: "La riforma va letta alla luce della situazione emergenziale e del contenzioso statificatosi negli ultimi tre anni. L’obiettivo non è cacciare le persone o privarle dei loro diritti ma garantire effettiva tutela a chi presenta reali situazioni di vulnerabilità, sgomberando il campo da tutte le altre". I giudici della Corte Costituzionale adesso sono in camera di Consiglio. Il verdetto è atteso per venerdi. A impugnare il provvedimento sono state 5 Regioni: Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Umbria e Calabria.

Commenti

Giorgio5819

Mer, 19/06/2019 - 19:15

Galera per chi istiga a non rispettare le leggi dello stato e per chi non le rispetta. Istigazione a delinquere e apologia di reato.

lawless

Mer, 19/06/2019 - 19:38

il canto del cigno, la sinistra scomparirà perché ideologicamente fuori dal tempo. Non danno retta al volere dei cittadini, avevano fatto affidamento sui clandestini ma sono stati battuti sul tempo per cui adesso annaspano, si agitano in modo scomposto perché non accettano la democrazia. Così non va bene, riflettete e salvate il salvabile avrete tutto da guadagnare per lo meno da quanti, per decenni, vi hanno dato fiducia.

roberto zanella

Mer, 19/06/2019 - 20:57

QUESTO FA CAPIRE COME IL SOVIETISMO DEGRADATO E' L'IDEOLOGIA DEL PD

bernardo47

Mer, 19/06/2019 - 21:01

eventuali problemi costituzionali, sono tali e basta...ove vi siano naturalmente!

carlottacharlie

Mer, 19/06/2019 - 21:05

Finalmente! La mafia rossa viene messa all’angolo. Ci voleva tanto tempo per capire il marcio che alligna tra le fila sinistre? Gentaglie che hanno a cuore delinquenti e degrado morale, senza contare il degrado delle cose e città intere. Finalmente l’avvocatura si è svegliata ed ha ripreso dignità.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 19/06/2019 - 21:23

Speriamo che lo scossone che stanno prendendo le toghe serva ad "illuminare" la Cassazione. Qualche segnale si comincia finalmente a vedere, speriamo che siano rose, e che fioriscano anche se Maggio e' gia' passato...

dredd

Mer, 19/06/2019 - 21:44

La cosa preoccupante è che ci siano personaggi che non vogliono tutelare i cittadini e che ci siano cittadini che li votano.

Blueray

Mer, 19/06/2019 - 22:18

Le 5 Regioni nemiche dell'Italia e degli Italiani. Tagliate loro i fondi e i riversamenti in denaro da parte dello Stato.

Giorgio5819

Mer, 19/06/2019 - 23:24

@dredd, ottimo, condivido.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 19/06/2019 - 23:49

La Sinistra fa politica sotto tutte la bandiere, purché rosse. Ora sono terrorizzati da Salvini, troppo apprezzato dalla gente non politicizzata, favorevole alla sua azione volta a bloccare l'invasione afro islamica. Basta con le chiacchiere! A settembre si faccia decidere il Popolo, non le "strutture" sinistre, come certa magistratura.

Ritratto di akamai66

akamai66

Gio, 20/06/2019 - 00:29

Il comunismo italiano è in effetto bolscevismo puro, dopo la morte di Togliatti e con la nomina a segretario del partigiano Longo, il partito comunista divenne un partito di LOTTA, con TRE obiettivi: annientare se del caso materialmente qualsiasi formazione di destra, scardinare ogni forma di imprenditoria statalizzando tutto, impiegare ogni PRETESTO per arrivare allo scopo. Ieri cavalcarono la guerra di Corea, poi quella di Indocina, per passare alle rivoluzioni: Cuba, il Congo e via così, oggi l’ideologia su cui coagulare tutte le loro diaboliche menti è l’immigrazione: a loro non può fregare dimeno dell’energumeno africano ma è qualcosa che destabilizza, Lenin ad un certo punto amava la guerra perché comunque destabilizzava! A loro i terroristi andavano bene! Così come oggi vanno benissimo i katanga che spaccano le dita ai poliziotti. Non comprendere questo significa non capire con quale mostruosa creatura si debba combattere: niente dialogo o noi o loro!

oracolodidelfo

Gio, 20/06/2019 - 07:12

dredd 21,44 - la cosa preoccupante è che non siano tutelati i 5 milioni di poveri italiani dei quali 1,9 sono bambini e che ci siano cittadini che votano a favore della filiera del traffico di esseri umani......