Riforme, Renzi minaccia: "Dopo di me, la Troika". Ma è il Pd a scoppiargli in mano

Alta tensione nel partito. Il sottosegretario: "Noi vogliamo continuare, se vogliono il voto lo dicano". D'Alema sbotta: "Non minacci"

"Dopo di me, c'è solo la Troika". La minaccia di Matteo Renzi si schianta contro il Pd stesso. È la minoranza dem ad agitare gli animi e far scricchiolare il governo. Adesso sì che le elezioni anticipate sono più vicine. L'iter parlamentare delle riforme è, infatti, andato a schiantarsi contro il muro dei ribelli piddini. Ieri, in commissione Affari costituzionali alla Camera, il governo è andato sotto sui due emendamenti che eliminano i cinque senatori a vita. Portano entrambi la firma del fuoco amico dei dissidenti dem e del Sel di Nichi Vendola. "Se la minoranza del Pd vuole andare a votare lo dica - ha sbottato oggi il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio - noi vogliamo continuare e arrivare fino al 2018".

"Gli incidenti parlamentari possono anche capitare, ma quello che è successo ieri non esiste". Delrio non è disposto a concedere troppo spazio al dialogo. La misura è colma. E Renzi vuole chiudere al più presto il capitolo delle riforme strutturali per far vedere all'Unione europea che sta facendo i compiti a casa. "C'è un accordo - ha ricordato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio - il governo è impegnato ad andare avanti con il programma, basta segnali di vecchia politica". Il dato politico resta. E i nodi pure. Nodi che, sottolinea una fonte della minoranza Dem, derivano anche dall'atteggiamento del governo incapace di ascoltare i dubbi degli esponenti della sinistra piddì. Alla fine si è voluti arrivare al voto, e i ribelli hanno dare un segnale sul fatto che, su certi punti "non centrali" della riforma, il confronto non può essere eluso. Insomma, dopo giorni di sospensione, il clima sembra surriscaldarsi in vista del rush finale. E se la minoranza non abdica, il governo non ammette certo rallentamenti. "Nessun timore, il dato politico è in Aula", ha sottolineato il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi laddove il premier ha rincarato scagliandosi contro "giochetti parlamentari" e ribadendo: "Avanti, c’è un Paese da cambiare".

Le rassicurazioni di facciata del duo Renzi-Boschi non reggono la notte. L'assalto è iniziato. Enzo Lattucca, intervistato da Agorà, ha ricordato al premier che quello di ieri è stato solo un segnale. "Le riforme vanno trattate coi guanti - ha detto - bisogna fare attenzione ai dettagli...". Lo stesso tono di minaccia è stato usato da Rosi Bindi. Nel frattempo all'Italicum sono stati appioppati altri otto emendamenti della minoranza piddì. E altri otto arriveranno nelle prossime ore. Tutte trappole nell'accidentato percorso delle riforme. Tanto da far sbottare Delrio: "Se vogliono le elezioni anticipate...". Il clima è tesissimo. E a metterci il carico da novanta è Massimo D'Alema: "È stupefacente che una persona ragionevole come Delrio, nel giorno in cui escono i dati della produzione industriale con l’ennesimo segno meno a conferma della gravità della crisi del nostro paese, non trovi di meglio che minacciare i parlamentari".

"A parte il fatto che non è nel potere delle minoranze - ha commentato Vannino Chiti - faccio notare che fino ad ora sono stati esponenti che si dichiarano di assoluta fede renziana ad invocare il voto". D'altra parte, ieri sera, è stato proprio Roberto Giachetti a raccogliere ira dell’intera ala renziana. Che senza mezzi termini ha chiesto "elezioni subito".

Commenti

scipione

Gio, 11/12/2014 - 18:19

Renzi,il tuo peccato mortale che ti distuggera' e' l'aver tradito il patto del nazareno e l'aver voluto fare il furbo e l'arrogante con Berlusconi.Ora hai quasi TUTTI contro.Sei finito.

unosolo

Gio, 11/12/2014 - 18:24

Renzi , Boschi , le uscite per super stipendi e vitalizi quelle sono da fermare come i troppi parassiti insediati per amicizie da anni con stipendi al di fuori dei controlli come Manager privati , ricordino i signori che il privato creando lavoro versa soldi allo Stato mentre lo Stato pagando quei stipendi sopra la normalità spreca e fa aumentare le uscite superando di gran lunga le entrate , l'abbattimento ad una aliquota sotto o intorno al 20% potrebbe incentivare imprese e imprenditori ad investire e restare in ITALIA , devono ascoltare imprenditori.

celuk

Gio, 11/12/2014 - 18:29

e questo per difendere i senatori (raccomandati) amici del presidente? VERGOGNA! in una democrazia parlamentare non si capisce perché il presidente, cittadino come tutti gli italiani, deve avere questo privilegio di nominare 10 suoi amici! Visto che confrontano con i paesi europei: i quale paese il capo dello stato anche monarca ha questo privilegio? VERGOGNA! Abilmente da furbo renzi non fa sapere quale cosa è stata bocciata perché sa che il 99,999% dei cittadini sono contrari ai senatori di nomina presidenziale e naturalmente appoggiato da giornali e tv che parlano solo del patto del nazareno! VERGOGNA!

Anonimo (non verificato)

TruthWarrior1

Gio, 11/12/2014 - 18:42

Renzi, dopo di te, ci saranno i cappi al colo!! Lascia stare la troika!

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Gio, 11/12/2014 - 18:51

Basta non se ne può più. Con tutti questi giochetti per mantenere il cuxo attaccato allo scanno del potere in questo paese non si riesce a riformare un caxxo. Fate almeno una legge elettorale per garantire la governabilità e poi tutti a casa per ripartire da zero punto. Altrimenti gettate la spugna e tutti a casa ugualmente per nuove elezioni. E' mai possibile che passano i mesi e gli anni e si è sempre al punto di partenza. Basta.........

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Gio, 11/12/2014 - 19:29

Ma non si vergogna, di fronte alle evidenze di quanti ladri ci sono nel suo partito, continuare a coprire i ladri? Ovvio che ha buttato tutto il suo ascendente ora può andarsene e forse peggio degli altri.

Ritratto di combirio

combirio

Gio, 11/12/2014 - 19:36

@Jiusmel ottima osservazione ! Aggiungerei che sono passati due anni tragici e uno drammatico e non siamo ancora stati capaci di abolire un Senato inutile, improduttivo, costoso, dannoso, che è una palla al piede per l' Italia ed inoltre non abbiamo ancora una legge elettorale. Un governo serio sarebbe la prima cosa che dovrebbe fare.

Ritratto di Amsul Parazveri

Amsul Parazveri

Gio, 11/12/2014 - 19:42

Reinz Babbit ha quasi finito di contare gli stuzzicadenti.

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Gio, 11/12/2014 - 19:48

capirai che ci frega se arriva una troika in più...con tutte le troike appena scoperte in comune a roma...

scipione

Gio, 11/12/2014 - 20:03

E quello parla di antipolitica.

Duka

Gio, 11/12/2014 - 20:08

Sarà pure così ma il fallito sei tu. Ora STAI SERENO

forbot

Gio, 11/12/2014 - 21:00

Siamo spiacenti non sono ammessi commenti duplicati........ Quanto rimpiango i tempi quando c'era a quel posto il caro Giordano.

beppazzo

Gio, 11/12/2014 - 23:03

E' cotto.

Nonlisopporto

Gio, 11/12/2014 - 23:13

questi soliti ricatti meglio la troika che distrugge i legami mafiosi nelle PA, in magistrati democratica, spazza via questo marciume compreso Renzi

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 12/12/2014 - 00:16

Non ci sarà la troika caro bulletto fiorentino. Ci saranno elezioni che le diranno quanto eravamo stufi delle sue chiacchiere. SOPRATTUTTO EVITI DI MINACCIARE. Lasci quel compito ai delinquenti della mafia che hanno ridotto Roma a una latrina.

gillette

Ven, 12/12/2014 - 04:32

I nodi sono arrivati al pettine. Oramai è evidente che la spesa pubblica non potrà essere diminuita per il semplice motivo che andrebbero a toccare il bacino di voti del PD. Il Renzocchio vorrebbe o vivere di rendita sino al 2018 o andare subito a elezioni, altrimenti sa già che le perderà, e questa rendita a scapito degli italiani sempre più tartassati! Che fine ha fatto la Spending Review (chiamiamola revisione della spesa per favore), gli ultimi dati parlano dello sfondamento dei 2000 miliardi di €!!

Iacobellig

Ven, 12/12/2014 - 06:33

deve andare via subito questo buffone politico incompetente indirme a napolitano che con le sue scelte "prerogative" che gli appartengono ha portato il paese allo sfascio. prerogative che non significano doverle utilizzarle comunque, poteva anche evitare la nomiba di Monti e degli altri quattro senatori a vita a spese degli italiani tsnto più che il senato doveva essere smantellato!!!

vince50_19

Ven, 12/12/2014 - 08:55

"Dopo di me, la Troika" A me pare che questo ragionare assomigli al gioco delle tre scimmiette, quando dicono una cosa e poi fanno il contrario: basta vedere, oltre promesse non mantenute, tutte le tassazioni da 8 mesi in qua e quelle che entreranno in vigore a Gennaio 2015! La Troika c'è, eccome e comanda in casa nostra per "interposta persona". Visto che questa è una Ue di oscuri burocrati-affaristi, che non ha una costituzione comune per tutti i paesi membri, chi può fa il suo comodo. Renzino, pensa che il voto potrebbe toglierti di torno gente del tuo partito che ti fa lo sgambetto continuamente, che non se ne esce ma sta lì solo per cercare di screditarti? Vedi un po' tu: oltre la naturale opposizione parlamentare ti stai inimicando gente in casa tua e permetti loro di restarvi? Allora sei un masochista at state of art.

vince50_19

Ven, 12/12/2014 - 08:58

"Dopo di me, la Troika" A me pare che questo ragionare assomigli al gioco delle tre scimmiette. dicono una cosa e poi fanno il contrario! Basta vedere, oltre promesse non mantenute, tutte le tassazioni da 8 mesi in qua e quelle che entreranno in vigore a Gennaio p.v.! La Troika c'è, eccome e comanda in casa nostra per "interposta persona". Visto che questa è una Ue di oscuri burocrati-affaristi, che non ha una costituzione comune per tutti i paesi membri, chi può fa il suo comodo. Renzino, pensa che il voto potrebbe toglierti di torno gente del tuo partito che ti fa lo sgambetto continuamente, che non se ne esce ma sta lì solo per cercare di screditarti? Oltre la naturale opposizione parlamentare ti stai inimicando gente in casa tua e permetti loro di restarvi? Allora sei un masochista at state of art.

cesaresg

Ven, 12/12/2014 - 09:01

Signor Renzi come si permette di dire che dopo di lei c'e' la troica? Secondo me anche lei dovrebbe andarsene a casa perche' non e' stato votato da nessuno. Si ricordi bene che lei e' il presidente di un governo italiano e dovrebbe, dico dovrebbe difendere gli interessi degli italiani e non della Merkel o della UE. Comunque sia la troica dovra' passare sul mio corpo.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Ven, 12/12/2014 - 09:08

Questo bischero camuffato da Premier avrebbe dovuto dire: "Se fallisco (e fallirà) arriva il Popolo, e allora SI che per ME ed il mio PD saranno cazzi amari"!!!!

Ritratto di vkt.svetlansky

vkt.svetlansky

Ven, 12/12/2014 - 09:50

RENZI NON RAPPRESENTA NESSUNO .... EST STATO UN FALLIMENTO COME SINDACO. UN INTRALLAZONE APPROFITTATORE CHE SI FA PAGARE I CONTRIBUTI DAL POPOLO METTENDOSI IN ASPETTATIVA COME DIRIGENTE DELLA S.R.L. DI FAMIGLIA VERSO LA QUALE HA VENDUTO LE SUE QUOTE FACENDOSI ASSUMERE DA DIRIGENTE.. VADA IN TV A FARE LE TELEVENDITE DI PENTOLE, MATERASSI, BICICLETTE. SERVO DELLA MERKEL, CHI EST COSTUI CHE DOPO DI LUI VUOLE LA TROIKA? CON I VOTI DI CHI EST DIVENTATO PREMIER, SOLO UNA RIUNIONE DEL SUO ORA PRONTO AD IMPLODERE PD.

Beaufou

Ven, 12/12/2014 - 09:54

Non ho ben capito di che "Troika" parla, il pinocchietto. L'Europa? il trio Lescano? Solenghi-Marchesini-Lopez? Monti-Napolitano-Nannarella? Qualcuno mi spieghi.