"Rischio di chiudere, per il governo non esistiamo"

Il panettiere Francesco Rizzo: "A Castelvetrano nell'ultimo anno hanno mollato in 10. Le imposte arrivano al 60 per cento"

«Ogni sera penso di chiudere e ogni mattina mi ripeto che non devo. In questo paese sono ormai più gli incentivi per chi non lavora che quelli per chi a lavorare invece continua». Dal 1956 la panetteria di Francesco Rizzo è tra le più celebrate di Castelvetrano, paese in provincia di Trapani. Qui è speciale la cottura, («cotto con le foglie di ulivo») e per materia («grano duro»). Francesco ha 32 anni ed è un «panettiere di ritorno». Da ragazzo ha lasciato la Sicilia, studiato economia e turismo. Si è laureato. Viaggiato. «Poi mi sono trasferito in Svizzera. Dalla Svizzera in Emilia Romagna. A Rimini». Da quattro anni ha deciso di tornare in paese, «perché si sa come va. Ti prende la voglia di lasciare tutto e venirti a riprendere questo sole».

Ma forse ha perso uno stipendio.

«Uno stipendio ottimo. A Rimini percepivo 2 mila euro al mese. Lavoravo nel settore alberghiero. Chi sceglie di fare l'artigiano ha sempre una ragione familiare. Una storia dietro».

E lei la ha dal 1956. La panetteria si chiama La bottega del pane. Rizzo e sforna alla vecchia maniera.

«È un panificio da tre generazioni. Mio nonno, poi mia madre, mio padre e adesso io. Ho sentito l'odore del pane caldo sin da ragazzo. È per loro che ho scelto di tornare a occuparmi del forno ma mai avrei creduto che fosse cosi difficile. Potrei rischiare di essere io quello che lo chiude».

Quanti ne ha visti sparire?

«A Castelvetrano siamo circa 29 mila abitanti e solo nell'ultimo anno ne ho visti chiudere 10. In silenzio. Moltiplichi per il resto d'Italia».

Non fate rumore e non indossate gilet.

«È forse per questa ragione che per il governo non esistiamo. La mattina mi capita ormai di vedere le saracinesche abbassate dei colleghi ed è allora che capisco. Oggi ha gettato la spugna un altro. Ho un'attività piccolissima. Panifico 200 kg di pane al giorno. Più piccolo sei e più pericoloso è sopravvivere».

Numero di dipendenti?

«Quattro e tutti regolari. Ci tengo a dirlo. La sofferenza si deve anche questo. Alla precisa scelta di rimanere nella legalità».

Ha mai fatto i conti?

«Nel nostro settore la tassazione arriva ormai al 60 per cento. Per tenere in regola un dipendente occorrono quasi 5 mila euro al mese. Non voglio ripetere che al Sud fare impresa è già un'impresa, ma voglio solo dire che oltre alle tasse dobbiamo fare i conti con la concorrenza sleale, con la mancata vigilanza dello Stato. Non mi sembra che nessun governo e neppure questo del cambiamento abbia mai cambiato in questo senso».

Quante ore lavora?

«Dalle 12 alle 18 ore. Mi sveglio ancora di notte e come vede sto rispondendo anche adesso al telefono. È sera».

In Italia si ragiona di Alta velocità e immigrati ma si lasciano lentissimamente scomparire i vecchi mestieri.

«Si parla di immigrazione, di Tav e ora al Sud si aspetta il reddito di cittadinanza. Anche qui è atteso e può immaginare come la penso».

Non ti piace?

«Sento operai che parlano come economisti. Sta passando l'idea che sarà come mettersi in vacanza. Si fa fatica ormai a trovare ragazzi che abbiano voglia di imparare un lavoro. Io non li trovo più. Me lo lasci dire. Non è così che un'economia cresce».

Commenti
Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 03/02/2019 - 08:46

Detto da uno che ha girato un po' di mondo le sue conclusioni sono più azzeccate che di un "trattato di economia".

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 03/02/2019 - 08:49

In compenso l'economia italiota cresce alla grande con le imprese gestite da stranieri il che è tutto da dimostrare visto e considerato che il fisco è una bestia sempre più affamata ... sì de sordi a spese del contribuente italiota cornuto e mazziato.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 03/02/2019 - 09:01

Chieda al pd, ue fmi.....

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 03/02/2019 - 09:18

Son osempre state così, da almeno 8 anni. Ma anche prima, non era da meno.

fenix1655

Dom, 03/02/2019 - 09:24

Questo governo, più dei precedenti, sta difendendo e foraggiando evasori, lavoratori in nero ecc. La vera priorità italiana è recuperare tutto il sommerso che uccide l'economia reale ed onesta. Ma vedendo da dove provengono i loro rappresentanti e le loro storie si capisce perchè. E dichiarano beatamente che "non si erano accorti".

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Dom, 03/02/2019 - 09:38

FATTO É CHE DA QUANDO I COMUNISTI IN ITALIA SONO ARRIVATI AL POTERE IN ITALIA SI VIVE SEMPRE PEGGIO!É NON SOLO LE PANETTERIE MA TUTTI I CITTADINI SONO STATI PRIVATI DELLA VOGLIA DI VIVERE DA UNA IDEOLOGIA CHE DOVE É ARRIVATA AL POTERE HA PORTATO SOLO MISERIA!FAME! DISOCCUPAZIONE!É CATASTROFI SOCIALI!.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Dom, 03/02/2019 - 10:13

Io da piccolo artiginano con la Flat tax sono passato dal pagare 34-44% di tasse al 10% considerando l'abbattimento del nuovo regime forfettario. Il panettiere in questione se fa 200 kg al giorno incassa circa 500 euro, cioè 150.000 anno fatturato annuo come fa ad avere 4 dipendenti è un mistero...

maurizio-macold

Dom, 03/02/2019 - 11:34

Signor STENOS (9:01), chi ha votato M5S o Lega sperava nel cambiamento, che invece non c'e' stato. Perche' invece di stare a perdere tempo su TAV SI/NO e su qualche decina di immigrati irregolari si doveva invertire la rotta e passare da uno stato assistenziale ad uno che incentiva l'artigianato, le piccole imprese, la libera professione, ecc. Invece l'unico provvedimento preso e' quello del reddito di cittadinanza, di cui beneficeranno evasori fiscali, lavoratori al nero, fannulloni e rom. E per pagare questo scempio non si tutelano le piccole aziende diminuendo loro le tasse. Roba da pazzi.

maurizio-macold

Dom, 03/02/2019 - 11:39

Signor PASQUALE.ESPOSITO (9:38), voglio essere buono con VOI ed allora vi informo che in Italia i comunisti non sono MAI stati al potere, e che l'attuale governo e' formato da Lega (destra) e M5S (ibrido). Termino con un consiglio: ripassi un pochino la grammatica italiana ed in particolare l'uso del verbo ausiliare "essere". Altrimenti passa per un ignorante.

stefano751

Dom, 03/02/2019 - 11:50

Le multinazionali hanno distrutto l'economia. Le multinazionali foraggiano i partiti per continuare a distruggere artigiani e piccoli imprenditori. Soprattutto comunisti e grillini appoggiano le multinazionali. L'unico partito che si interessava delle piccole imprese e degli artigiani era la DC.

maurizio-macold

Dom, 03/02/2019 - 12:25

Signor MAXIMILIEN 1791 (10:13), la flat tax entra in vigore dal 1 gennaio 2019, e sara' del 15% ques'annoe del 20% l'anno prossimo. Quindi lei ha scritto un post zeppo di menzogne.

Ritratto di navigatore

navigatore

Dom, 03/02/2019 - 13:07

caro direttore noto che sie peggio di un comunista, per pubblicare le verità italiote che secondo lecca cxxo sei dipendente, comportamento di servi e bastardi, vi leggo semplicemente per capire che razza di gente infame siete amen