Un risparmio da 23 miliardi se l'Italia fosse la Lombardia

Lo studio di Confcommercio su spesa pubblica e servizi incorona la Regione del Nord. Con il modello replicato su scala nazionale il governo si troverebbe in tasca un tesoretto

S e tutte le regioni italiane fornissero servizi della qualità della Lombardia e, soprattutto, al costo della Lombardia, il governo di turno si ritroverebbe ogni anno con un tesoretto da 23 miliardi. Una cifra che corrisponde a un terzo degli interessi che paghiamo sul nostro debito monstre, che basterebbe a garantire un taglio serio delle tasse sul lavoro o, a scelta, la diminuzione della prima aliquota Irpef di circa tre punti percentuali. Uno studio della Confcommercio sulla spesa pubblica presentato al convegno «Meno tasse, meno spesa», ha calcolato che quella locale, cioè di Regioni, Province e Comuni, ammonta complessivamente a 176,4 miliardi. Ma le autonomie locali potrebbero tranquillamente mettersi a dieta. Potrebbero spendere 102 miliardi, senza compromettere i servizi. Anzi, per quella cifra, un bel pezzo di paese potrebbe addirittura migliorarli e portarli su standard più europei.

Il metodo utilizzato dal centro studi della confederazione guidata da Carlo Sangalli consiste nel calcolare la spesa pubblica pro capite delle Regioni. Quella media in Italia è di 2.963 euro. Si va da un massimo di 6.943 della Val D'Aosta ai 2.475 della Puglia. Risalendo a ritroso la classifica partendo dalle Regioni con la spesa inferiore per abitante, gli economisti di Confcommercio sono andati a pescare quella con un livello di servizi più alto. E non hanno dovuto cercare troppo lontano, visto che la Regione dove si spende meno dopo la Puglia è proprio la Lombardia. Se i servizi pubblici costassero in tutta italia come la Regione settentrionale, si risparmierebbero ben 74,1 miliardi euro. Confcommercio ha calcolato che bisognerebbe comunque investire 51,2 miliardi per rendere efficienti le Regioni che non lo sono. Resterebbero quei 23 miliardi di spesa locale che sono «del tutto ingiustificati».

A favore della Lombardia gioca anche il numero di abitanti. Più facile fare economie di scala rispetto alle piccole, che infatti registrano spese pro capite in media superiori: 3.137 euro all'anno contro le 2.779 delle grandi. Fuori scala, le Regioni a statuto speciale. Oltre alla Val d'Aosta c'è il Trentino-Alto Adige con 6.273 euro pro capite. Segue a distanza la Sardegna con 3.702 euro.

Spazi per tagliare, ci sono. Sangalli chiede al governo più coraggio sulla riduzione delle tasse e tagli mirati. «Solo così si troveranno le risorse necessarie per ridurre tasse a famiglie e imprese e accelerare l'irrobustimento della crescita».

Temi che in questi giorni sono al centro dell'attività di governo, alle prese con il taglio delle tasse promesso da Matteo Renzi. Da registrare una strana divergenza tra il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan e Yoram Gutgeld, commissario alla Spending review. Quest'ultimo, vicino al premier, ha detto che la spesa pubblica in Italia è già «tra le più basse d'Europa». Padoan ha invece parlato di un «enorme potenziale di miglioramento della spesa». Solo con risparmi stabili si potranno tagliare le tasse. Un messaggio in vista della legge di Stabilità.

Commenti

rokko

Gio, 23/07/2015 - 09:29

Ho visto lo studio; non parla di "Italia settentrionale" ma di "Lombardia". Scriviamo le cose correttamente, please.

Ritratto di scandalo

scandalo

Gio, 23/07/2015 - 09:29

ma guarda un pò che strano !! io credevo che le regioni più virtuose fossero quelle che appartengono allo stato della TERRONIA !!

Mechwarrior

Gio, 23/07/2015 - 09:38

A parte il fatto che l'italia E' la lombardia e tutte le altre regioni vanno a rimorchio.....;-P visto che sono cosi' bravi e virtuaosi perchè non mi tolgono l'addizionale regionale (42 euro al mese!!!!!) dallo stipendio?

Ritratto di gianky53

gianky53

Gio, 23/07/2015 - 10:06

Pensavo che la regione più virtuosa fosse la Sicilia, con il suo Parlamento autonomo, la mafia e l'antimafia.

Ritratto di OKprezzogiusto

OKprezzogiusto

Gio, 23/07/2015 - 11:03

Ci sono costi fissi e costi variabili. Quelli fissi, sono indipendenti dalla quantità di "prodotto" finale. Un solo esempio: se riscaldo un capannone di produzione, spendo la stessa cifra se dalla catena escono 100 pezzi o 1000 pezzi. Ovvio che se i pezzi sono 1000, l'incidenza su ciascuno è minore che se ne produco 100. I costi variabili, dipendono proprio dalla quantità prodotta: la materia prima per 1000 pezzi è certamente superiore a quella per 100. In un bilancio regionale, la ripartizione pro-capite fa sì che i costi fissi vengano ripartiti su un maggiore o minore numero di individui. Questo spiega, almeno in parte, il divario tra l'apparentemente spendacciona Valle d'Aosta e la parsimoniosa Lombardia. Che poi si possano effettuare risparmi, lo credo possibile.

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 23/07/2015 - 11:38

Questo fà capire che la corruzzione viene dal SUD e DAL CENTRO ITALIA. Perciò dividiamo il paese in due, come con le Coree, SI FÀ LA PADANIA PER IL NORD, E IL NORD AFRICA PER IL SUD. L`ITALIA, NON ESESTE PIÙ E MOLTI DI NOI "ITALIANI", CI VERGOGNAMO DI ESSERO, VEDENDO QUEI FASCISTI AL GOVERNO E IL LORO COMPORTAMENTO VERSO LA POPOLAZIONE!!! FACCIAMO COME VORREBBE L`EUROPA UNITA, CON LA GRECIA(O ALMENO, COME VORREBBE LA MERKEL, DIJSSELBLOEM E IL RESTO DEI PAPPONI, CHE HANNO PRESO IL POTERE A BRUSSEL), PER 5 ANNI DOVREBBERO DARE CON LA LORO CORRUZZIONE, UNA STABILITÀ AL sud e centro del PAESE E FARLO PROSPERARE!!!

unosolo

Gio, 23/07/2015 - 14:25

confrontate la Lombardia con la Toscana se potete , sai che sorpresa . da come stiamo andando , visto che il governo ha portato a Roma quasi tutti i nobili della Toscana , praticamente come dire mi servono per proseguire in quella direzione che vivevo prima di arrivare ad essere PCM , sbagliato o no stiamo perdendo miliardi solo per mantenere quello staff , che oggi ci carica ancora di un'altra tassa.

REVANGEL666

Gio, 23/07/2015 - 15:17

eh cari signori la LOMBARDIA,è nata e creata da grandi IMPRENDITORI,LAVORATORI,MOLTI VENUTI ANCHE DAL SUD,DOVE NON HANNO POTUTO SVILUPPARE LA LORO GENIALITA'