"Sì al Terzo Valico". Ma Toninelli secreta l'atto per evitare la rivolta nei 5S

Il ministro Toninelli secreta il sì al Terzo Valico da parte della Commissione per evitare un nuovo caso Tap e la rivolta della base in Liguria

Il Terzo valico? Non solo si può, ma si deve fare. Perché i costi che deriverebbero uno stop all'opera supererebbero i benefici che il Paese ne trarrebbe a realizzarla.

Il sì della commissione che ha analizzato la questione è arrivata - racconta il Messaggero - ben tre settimane fa. Eppure Danilo Toninelli si è ben guardato dal divulgare la notizia. Eppure è il super esperto Marco Ponti da lui ingaggiato per "revisionare" le Grandi opere ha dato il suo benestare da tempo sulla nuova linea ferroviaria che dovrà collegare i porti della Liguria con Tortona (e Milano). Si tratta di un tracciato formato da 53 chilometri di binari e 37 gallerie che - per un costo complessivo di 6,2 miliardi di euro - dovrebbe esser terminato nel 2021.

Ma il Movimento 5 Stelle - Beppe Grillo in primis - da sempre conducono una battaglia contro la realizzazione dell'opera. Così il ministro per i Trasporti e le Infrastrutture sarebbe arrivato persino a secretare l'atto con cui la commisione guidata da Ponti ha dato il suo benestare. Proprio per evitare la rivolta della base e un nuovo "caso Tap". Nel ministero le bocche sono cucite. E il viceministro Edoardo Rixi svicola: "Chiedete a Toninelli", dice a chi gli chiede un commento in merito.

Il rischio per i Cinque Stelle è che il Terzo valico si riveli l'ennesima promessa elettorale che non si può mantenere. Proprio mentre torna caldo il fronte Tav. Proprio ieri, infatti, l'omologo di Toninelli in Francia, Elisabeth Borne, ha incalzato il governo italiano perché decida "in modo rapido" sulla questione e non faccia interrompere i lavori. "Possiamo solo rispettare la posizione del governo che vuole prendersi il tempo per fare nuove valutazioni", ha detto il ministro francese. Ma il grillino dovrà presto fare i conti anche con questo dossier.

Commenti

Rossana Rossi

Mar, 27/11/2018 - 11:12

no no no no , ni ni ni ni ,si si si si........questi 5stalle sono proprio dei buffoni loro e tutti quelli che ancora li sostengono.......

ulio1974

Mar, 27/11/2018 - 11:37

secondo me, il toninelli a scuola era il classico compagno cui si faceva il classico coppino e poi si scappava...e lui che si chiedeva chi fosse stato.senza, peraltro, mai scoprirlo.

ulio1974

Mar, 27/11/2018 - 11:38

il toninello era quello che a scuola copiava sempre, sbagliando, però, l'ordine delle risposte.

ulio1974

Mar, 27/11/2018 - 11:40

il toninelli era quello che a scuola bigiava il giorno del compito in classe di mate.solo che il compito in classe era il giorno dopo.

ulio1974

Mar, 27/11/2018 - 11:42

il toninelli era quello che a scuola quando bigiava portava una giustificazione falsa dei genitori con scritto "Mio figlio...". solo che firmava con la propria firma.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 27/11/2018 - 11:59

Segreto di pulcinella..

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mar, 27/11/2018 - 12:27

Povero Conte! Si è lasciato mettere a capo di una manica di bamboccioni!