Sala sotto inchiesta per Expo. "Mi autosospendo da sindaco"

Il primo cittadino di Milano indagato per il maxiappalto di un'opera: "Non ho idea delle accuse ma lascio"

Ad oltre un anno dalla fine di Expo, la lunga moratoria che ha permesso che l'esposizione si svolgesse senza dover fare i conti con la giustizia si sgretola. L'inchiesta sul più ricco e discusso appalto di Expo, quello per la piastra, avocata dalla Procura generale per porre rimedio alle inerzie della Procura della Repubblica, riparte a pieno regime. Altri nomi finiscono nel registro degli indagati, nomi che finora erano stati tenuti al riparo dalle asprezze degli avvisi di garanzia. E tra questi nomi c'è il più importante di tutti: quello di Beppe Sala, commissario straordinario di Expo, e oggi sindaco di Milano. La mossa della Procura generale ha conseguenze pesantissime, in nottata il sindaco decide di fare un passo indietro: «Apprendo da fonti giornalistiche che sarei iscritto nel registro degli indagati nell'ambito dell'inchiesta sulla piastra Expo. Pur non avendo la benché minima idea delle ipotesi investigative, ho deciso di autosospendermi dalla carica di Sindaco, determinazione che formalizzerò domani mattina nelle mani del Prefetto di Milano».

A decidere di iscrivere Sala nel registro degli indagati è stato Felice Isnardi, il procuratore generale che si è impadronito dei ventuno faldoni di inchiesta che la Procura della Repubblica aveva chiesto nel febbraio scorso di archiviare. La richiesta della Procura era stata respinta dal giudice preliminare Andrea Ghinetti. E un mese fa la Procura generale, cui per legge spetta intervenire quando la Procura della Repubblica si mostra inerte, era scesa in campo avocando il fascicolo. L'altro giorno, Isnardi chiede altri sei mesi di proroga delle indagini. E ora si scopre che nel mirino c'è Sala.

Al sindaco gli inquirenti contestano il ruolo diretto che avrebbe avuto nel garantire una lunga serie di aumenti di spesa concessi alla Mantovani, l'azienda che si era aggiudicata i lavori per la piastra con un ribasso clamoroso, il 42 per cento sulla base d'asta fissata in 149 milioni di euro. Subito dopo avere ottenuto i lavori, l'azienda aveva cominciato a protestare sostenendo che il ribasso da lei stessa praticato non le consentiva di rientrare nei costi. E dai vertici di Expo le era arrivata la garanzia di altri soldi, senza gare e senza appalto. Nelle carte dell'inchiesta, quella che la Procura voleva archiviare con un nulla di fatto, il nome di Sala compariva varie volte come il più alto in grado tra i personaggi che avevano autorizzato la pratica di «rialzo concordato» del contratto con Mantovani. Ma ai pm che allora gestivano l'inchiesta non era parso sufficiente per metterlo sotto accusa.

Ora, invece, lo scenario cambia bruscamente. Forse sulla base di nuovi elementi scovati in queste settimane, con le nuove perquisizione disposte da Isnardi negli uffici di Expo, e forse anche su una nuova valutazione delle vecchie frasi che chiamavano apertamente in ballo Sala. C'era un funzionario di Expo, che attribuiva a Sala la decisione, in nome della velocità dei lavori, di non verificare la congruità dell'offerta Mantovani. E c'era la testimonianza del direttore generale Rognoni: «Sono stato testimone del fatto che Sala ha intrattenuto rapporti con il figlio di Chiarotto (proprietario dell'azienda) e con il presidente di Mantovani, in cui Sala gli ripeteva che in questo contesto l'unica cosa che non manca sono i soldi, facendo chiaramente capire che vi era disponibilità della stazione appaltante a deliberare risorse in favore dell'appaltatore». Quando si era appreso che la Procura generale aveva riaperto l'inchiesta a suo carico, Sala aveva cercato di minimizzare la portata della sua frase, «sono cose che è normale dire».

La Procura generale, a quanto pare, è di diverso avviso.

Commenti

un_infiltrato

Ven, 16/12/2016 - 08:35

Oggi, Milano si sveglia schizzata di fango. Dice ma... fino al terzo grado di giudizio etc. etc... E chi dice il contrario? Sta di fatto che in questo momento il primo cittadino risulta, non solo avvisato, ma indagato. Poi ok, finisce tutto a tarallucci e vino. E, anche in questo caso, chi dice il contrario?

un_infiltrato

Ven, 16/12/2016 - 08:43

"Non ho idea delle accuse ma lascio". Delle due, l'una: o ha ragione lui, o quelli della Procura generale sono dei pazzi. Non si scappa. Ma.. a ben pensarci, si può anche scappare. Tanto, ce semo bituati a scappà.

paolonardi

Ven, 16/12/2016 - 08:59

Tranquillo Sala, la sua appartenenza politica la mette al riparo da qualsiasi problema: sara' assolto per non aver commesso il fatto, come gia' anticipato dalla Procura, con le scuse per l'incomodo, risarcimenti vari e il bacio accademico.

Boxster65

Ven, 16/12/2016 - 09:04

Mettetelo dentro, fategli pagare i danni, e buttate via le chiavi!!

ilbarzo

Ven, 16/12/2016 - 09:07

Forse era meglio se non ti eri neppure candidato!conoscendoti....

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 16/12/2016 - 09:13

Io mi rendo conto che il più pulito ha la rogna.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 16/12/2016 - 09:15

Queste persone si autosospendono dalla carica ma non credo dallo stipendio.

Fjr

Ven, 16/12/2016 - 09:21

Dio esiste ne abbiamo la prova, e comunque era prevedibile visto gli intortamenti dell'Expo ,un'altra pietra miliare fra i successi del governo Renzi/Gentiloni

Ritratto di ItalyAbroad

ItalyAbroad

Ven, 16/12/2016 - 09:22

Di bene in meglip PD...

Giorgino_Riccardino

Ven, 16/12/2016 - 09:23

Prima si è scoperto che era indagato,ma nessuno lo sapeva. Poi si è scoperta la casa di Sant Moritz, ma quella se l'era dimenticata... Adesso cosa significa "mi autosospendo"? Che così governa ancora lui per interposta persona? O rimani in carica o dai le dimissioni!!

diesonne

Ven, 16/12/2016 - 09:28

diesonne l'italia è immersa nella melma della corruzione-SIGNORE LIBERACI DA QUESTO MARCIUME AMMINISTRATIVO ALTRIMENTI SIAMO PERDUTI

linoalo1

Ven, 16/12/2016 - 09:45

Cosa fare,da parte dei Sinistrati,per diminuire le voci di Accanimento contro la Raggi e soci,del Comune di Roma???Indagare un Sinistrato VIP,ovviamente!!!Ed è capitato a Sala,che era già nel mirino dei Magistrati,ma che nessuno osava toccare,per Ordini Superiori!!Infatti,è da più di un anno che il Fascicilo Expo,continua ad essere insabbiato,più o meno,come la vicenda MPS!!E pesare che,i Magistrati,volevano intervenire ancora prima dell'apertura dell'Expo!!!Noi Cittadini Ingenui,ci domandiamo a cosa sia dovuto questo Ritardo!!Se fossimo maliziosi,penseremmo sicuramente,che il motivo è dovuto alla Fede Politica del Sindaco Sala!!!!Che brutti pensieri,abbiamo!!!!Vero????

bernaisi

Ven, 16/12/2016 - 09:49

il più sano ha la rogna come dicono a Brescia

Eraitalia

Ven, 16/12/2016 - 09:53

INUTILE SPREGO DI DENARO PUBBLICO. TRA QUALCHE TEMPO SARA' TUTTO ARCHIVIATO. LA SINISTRA NON SI TOCCA!

baronemanfredri...

Ven, 16/12/2016 - 10:00

42%? SE TROVO UNA DITTA CHE MI AGGIUSTA LA CASA CON LAVORI ONESTI E PERFETTI, ANCHE SE NON MI FACCIO FREGARE, A QUEL RIBASSO LI CHIAMO IMMEDIATAMENTE. MA, ESSENDO IMPOSSIBILE UN RIBASSO DEL GENERE, RESTANO SOGNI.

Ritratto di panteranera

panteranera

Ven, 16/12/2016 - 10:07

Dimissioni no, eh?

Marzio00

Ven, 16/12/2016 - 10:18

Ammetto la mia ignoranza ma come è possibile che questa Mantovani vinca una gara d'appalto con un ribasso al 42% poi "scopre" che non ci sta dentro con i costi e concorda gli aumenti da coloro che hanno indetto la gara d'appalto iniziale??? Ma anche un bambino sente puzza di bruciato o che c'è qualcosa che non va..... Comunque altra prova che queste manifestazioni non servono a nulla, sono un DANNO per la collettività che spende soldi e sono solo un MAGNA MAGNA per i furbetti...... Che siano PROIBITE!!!!!

schiacciarayban

Ven, 16/12/2016 - 10:24

E' la solita storia di imprese che si aggiudicano gli appalti al ribasso e poi aumantano il costo in corso d'opera. L'amministrazione viene praticamente ricattata altrimenti l'opera non si conclude ed è costratta a calar le braghe. Secondo me l'errore sta a monte, cioè non bisogna assolutamente consentire alle imprese di aumentare i costi. Sinceramente non credo che Sala potesse fare altrimenti.

Ernestinho

Ven, 16/12/2016 - 10:26

Ci riprovo. E ti pareva! Mi sarei meravigliato del contrario. Una chiarissima risposta a tutti coloro che affermano che questi "imbrogli" accadono solo al Sud!

OrsoOrso

Ven, 16/12/2016 - 10:30

E' semplicemente pazzesco fare un ribasso d'asta del 42% e poi lamentarsi di non stare nei costi e chiedere altri soldi. Ma è pazzesco il fatto che qualcuno, chiunque sia, possa decidere di riconoscere altri soldi dopo che l'assegnazione è avvenuta con una gara pubblica. Se qualcuno si permette di fare una cosa del genere, oltre a pagare gli aumenti concessi DI TASCA SUA, (altro che AUTOSOSPENDERSI O DIMETTERSI) deve (e non dovrebbe) essere perseguito dalla legge. Ecco cari colleghi imprenditori perché ci sono tanti furbetti che sono capaci in sede di gare d'appalto di fare i fenomeni. Questo modo di fare che, NON DEVE ESSERE ASSOLUTAMENTE POSSIBILE, può generare poi tentativi di corruzione supportati dall'eventuale ricatto in caso di diniego sui tempi di consegna, che in casi come questo aveva un impatto formidabile. Io penso inoltre che le altre società che hanno concorso alla gara e l'hanno persa, abbiamo non solo il diritto ma il dovere chiedere i danni. Buona giornata

lawless

Ven, 16/12/2016 - 10:41

l'ho sempre visto come persona indisponente e presuntuosa un classico uomo di sinistra, il sesto senso ci azzecca sempre.

Ritratto di Loudness

Loudness

Ven, 16/12/2016 - 10:45

E pensare che il PD-OaP ovvero Partito Democratico-Onesti a Prescindere... era nato per... vabbeh... non ho più voglia di scrivere...

piazzapulita52

Ven, 16/12/2016 - 10:52

Sala è un furbone! Lui non si è autosospeso da Sindaco solo x Expo ma, principalmente, perchè sa di non avere più il controllo di una città ormai in mano ai clandestini vagabondi parassiti africani. CHE SCHIFO!!!!

coccolino

Ven, 16/12/2016 - 10:59

ENNESIMA FIGURACCIA DI renzi...sapevamo, e lo avete più volte scritto che sala non era candidabile...possibile che nel pd non ce ne sia uno pulito???

Edmond Dantes

Ven, 16/12/2016 - 11:07

L'iscrizione tra gli indagati avrebbe dovuto ragionevolmente avvenire a febbraio, prima delle comunali. Sala si sarebbe ritirato e Parisi avrebbe vinto alla grande. Perdendo anche a Milano Renzi con tutta probabilità si sarebbe dimesso dopo l'esito delle comunali, la sua riforma costituzionale sarebbe finita nel cesso in anticipo e ci saremmo risparmiati il referendum. Avremmo già una nuova legge elettorale e magari già fissata la data delle elezioni. Può un paese farsi dettare l'agenda politica da magistrati o incapaci o dichiaratamente partigiani della sinistra come quelli della Procura della Repubblica di Milano ? La priorità dell'Italia, più della politica, è quella di "rivoltare come un calzino" proprio la magistratura, con buona pace di Davigo.

Ritratto di abj14

abj14

Ven, 16/12/2016 - 11:08

Sala dixit : "Non ho idea delle accuse ma lascio". Mah, mi lascia alquanto perplesso una simile dichiarazione in funzione, per ora e apparentemente, soltanto di notizie giornalistiche. Certo che questo è proprio un Bel Paese.

Cheyenne

Ven, 16/12/2016 - 11:09

VATTENE SPARISCI INETTO

baio57

Ven, 16/12/2016 - 11:10

Cocomeriotas/sinistrati un commento please !

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 16/12/2016 - 11:15

MAHHH IL BILANCIO CONTABILE DEFINITIVO DEL FAMIGERATO EXPO,QUANDO SARA' RESO PUBBLICO???

meverix

Ven, 16/12/2016 - 11:21

Dimissioni ed elezioni!

g-perri

Ven, 16/12/2016 - 11:23

La giustizia di "rito ambrosiano consolidato" non ha tempi e modalità di indagini uguali per tutti. Quindi, se il sindaco è di centrosinistra, nessuno si aspetti grandi sconvolgimenti.

il sorpasso

Ven, 16/12/2016 - 11:30

Si dimette ma percepirà lo stipendio ugualmente?

Fermantiport

Ven, 16/12/2016 - 11:32

DIMISSIONI! E subito al voto.

giancristi

Ven, 16/12/2016 - 11:38

Una splendida notizia! Così i piddini avranno cose più importanti a cui pensare che lo spostamento del barcone in piazza Duomo. Lo vogliono capire che i milanesi sono inferociti per l'invasione di clandestini che sta portando insicurezza e degrado? Questo sindaco è il degno compare di Pisapia. Se è stato colto con le mani nel sacco siamo tutti felicissimi.

Una-mattina-mi-...

Ven, 16/12/2016 - 12:14

NON MI STUPISCO PER NIENTE

Ritratto di 02121940

Anonimo (non verificato)

Duka

Ven, 16/12/2016 - 13:03

I PALADINI DEL BULLO FIORENTINO UNO ALLA VOLTA VENGONO SORPRESI CON LE MANI NEL SACCO. Eppure questo soggetto, non ostante dimenticò di possedere una villa a S.Moritz, fu presentato come il migliore in campo internazionale.

apostata

Ven, 16/12/2016 - 13:22

L’autosospensione è una cosetta pasticciata, lo fa figurare eroe. Meglio le dimissioni irrevocabili.

nonna.mi

Ven, 16/12/2016 - 13:31

Altra vergognosa Condotta dagli inquirenti: l'inchiesta doveva essere fatta prima della Gara per diventare Sindaco di Milano e non adesso...Gli Interrogativi sulla Figura di Sala c'erano già allora ma è stato utile ,provocarne lo Slittamento...vero Renzi e C....Myriam

saderr

Ven, 16/12/2016 - 13:34

un paese malato terminale

OttavioM.

Ven, 16/12/2016 - 13:37

Questa mattina vedevo in tv esponenti del PD che si scagliavano sul caso Marra a Roma che cmq è un tecnico che c'era pure nelle giunte precedenti e i fatti contestati risalgono al 2013 quando la Raggi non era sindaco. Ma poi gli stessi nicchiano sui guai delle loro giunte di centro-sinistra. Ognuno guardi in casa sua che è meglio.

ludovik

Ven, 16/12/2016 - 13:40

oltre ai politici dovrebbero arrestare anche gli elettori che nonostante sapessero hanno cmq votato

Malacappa

Ven, 16/12/2016 - 13:41

Un altro della stessa banda,milanesi l'avete votato adesso ve lo tenete.