Trento, Salvini: "Dopo vent'anni la sinistra va a casa"

Il leader leghista carica i suoi elettori a Trento in vista del voto di domenica: "Chi sceglie la Lega sceglie un'idea chiara, i soldi e i contributi prima agli italiani, ai trentini, e poi al resto del mondo"

Matteo Salvini interviene a Trento in chiusura di campagna elettorale, nella stessa città dove di recente è stata messa una bomba proprio contro la sede della Lega. "Domenica voi fate la storia, sono contento di essere partecipe del fatto che domenica il Trentino cambia la storia e finalmente dopo venti anni la sinistra va a casa".

Il ministro dell'Interno carica i suoi in vista del voto di domenica per la presidenza della provincia autonoma: "Dimostreremo come l'autonomia potrà funzionare ancora meglio, gli ospedali e i punti nascita invece di chiuderli li apriamo. Vi chiedo domenica di scegliere in tanti il simbolo della Lega, innanzi tutto per i vostri interessi del Trentino, alla Provincia, e soprattutto chi sceglie la Lega sceglie un'idea chiara, i soldi e i contributi prima agli italiani, ai trentini, e poi al resto del mondo".

Il vice premier è tornato poi sulle sanzioni alla Russia. Il leader leghista è stato in questi giorni a Mosca dove ha incontrato la rappresentanza degli imprenditori italiani. Salvini ha ribadito quanto già detto altre volte: "penso siano una follia, stanno togliendo mercato ai trentini, agli italiani".