​Salvini: "Senza voto ci si risiede al tavolo e si lavora"

Matteo Salvini dice no a un esecutivo Pd-M5S: "Se non c'è un governo la via maestra sono le elezioni, altrimenti si ci risiede al tavolo e si lavora. Renzi e Boschi sono il passato perché lo hanno detto gli italiani"

"Se non c'è un governo la via maestra sono le elezioni, altrimenti si ci risiede al tavolo e si lavora. Renzi e Boschi sono il passato perché lo hanno detto gli italiani". Matteo Salvini, in una lunga diretta Facebook, prende apertamente posizione contro eventuali "ribaltoni o inciucioni" che potrebbero portare alla nascita di un governo Pd-M5S.

Secondo il vicepremier leghista, il ritorno della sinistra al governo "sarebbe una vergogna", un tradimento del voto popolare, compiuto "per riesumare mummie alla Renzi e alla Boschi". "Non darò mai la soddisfazione di aprire i portoni a Renzi e ai signori del Partito democratico", chiarisce il leader del Carroccio che vede un possibile governo "giallorosso" come fumo negli occhi. Salvini, pertanto, promette battaglia in vista del discorso che terrà martedì in Senato in occasione delle comunicazioni del premier Giuseppe Conte. Ancora non è chiaro se vi sarà un voto su una qualche mozione oppure se il premier si dimetterà spontaneamente subito dopo, ma di una cosa è sicuro il vicepremier: Le trattative sottobanco che si facevano nel buio delle stanze, ora - spiega - si fanno alla luce. Renzi e Prodi, e la Boschi, e Lotti, pensano ad un governo Pd-Cinquestelle, un governo con porti aperti, che cancelli il dl Sicurezza. Ma gli italiani non si meritano il ritorno di un Renzi qualunque...". Salvini dice, quindi, no a "ipotetici governi di sinistra" che "riaprirebbero i porti e aumenterebbero le tasse" e aggiunge:"Faccio il ministro con orgoglio, non darò la soddisfazione di togliere il dusturbo". L'esito della crisi, perciò, è nelle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella "che fortunatamente ha tutti gli elementi per valutare qual è il percorso più utile per rilanciare questo splendido paese che è l'Italia".

Per quanto riguarda il tema immigrazione, Salvini saluta come una "bella notizia" l'apertura dei porti della Spagna, dove ora potrebbe attraccare l'imbarcazione dell'Ong Open Arms."Chi la dura la vince", prosegue il ministro dell'Interno che, di fronte agli insulti ricevuti, replica: "Spero stiate apprezzando la mia modalità zen". E aggiunge: "Ne abbiamo viste di tutti i colori da questa nave, una vergogna mondiale. Finti malati che visitati non erano malati, minorenni che non eranno minorenni, e non c'è nessuna emergenza igienico-sanitaria a bordo. Sono stato solo contro tutti", ha detto ricordando i dissidi col premier Conte e con i ministri Toninelli e Trenta, definendo quest'ultima un po' distratta dal momento che è stato lui a far scendere gli unici due neonati presenti sull'Open Arms. "Buoni sì, fessi no. Devo finire in galera perchè ho difeso i confini e la sicurezza del nostro Paese? Lo farò", chiosa Salvini pensando alla Procura di Agrigento che ha aperto un fascicolo contro ignoti per sequestro di persona.

Commenti
Ritratto di Sniper

Sniper

Dom, 18/08/2019 - 16:33

Salvini:”Il ritorno della sinistra al governo sarebbe una vergogna, un tradimento del voto popolare“. Buffo il Padano, qualcuno lo informi, con le dovute cautele, che la Lega è il terzo partito in parlamento. Fategli indovinare chi lo ha preceduto. Quanto poi al concetto di tradimento, gli si ricordi Berlusconi&Meloni. (Ha veramente la faccia ‘in quel modo’).

VittorioMar

Dom, 18/08/2019 - 16:35

...se si dovesse continuare, ci sarebbero alcuni Ministri da SOSTITUIRE. ESTERI..DIFESA..GIUSTIZIA..ECOLOGIA... almeno...!!

Ritratto di mavalala

mavalala

Dom, 18/08/2019 - 16:36

Siamo alla follia pura...questo signore ha bisogno di cure immediate. O cade il governo e si va al voto o facciamo finta di niente e continuiamo a lavorare!! Non si ascolta neanche quando dice queste castronerie...ma credo che i suoi pifferati lo seguiranno comunque nel burrone dove si sta dirigendo....

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 18/08/2019 - 16:43

Salvini non venderti ai traditori. Intorno ad un tavolo si ragiona, ma non con loro. Già fatto e ti hanno contrastato in ogni dove, mettendoti semper i bastoni fra le ruote, volutamnete, senza contare la valanga di insulti presi anche dai loro ministri e capoccioni. Ministro Trenta, lei si lamenta e promette migliaia di querele, ma non ha mai speso una parola contro gli insulti a Salvini che è stato suo fedele alleato per 16 mesi e ne ha subiti migliaia di volte più di lei. Quantomeno strano questo comportamento. Se vi era così avverso questo galantuomo, perchè avete formato con lui un governo già abortito e morto prima ancora di nascere?

rokko

Dom, 18/08/2019 - 16:44

mavalala, non nel burrone dove si sta dirigendo, ma dove ci sta portando tutti.

gigi0000

Dom, 18/08/2019 - 16:51

Dopo queste sceneggiate, qualcuno gli affiderebbe un pesciolino rosso da gestire?

Duka

Dom, 18/08/2019 - 16:56

Ri-Sedersi ad un nuovo tavolo equivale al CALAR DI BRAGHE. Ma il Salvini c'è abituato.

stefi84

Dom, 18/08/2019 - 23:52

Le recenti elezioni europee hanno dimostrato che il quadro in Italia è drasticamente cambiato e il parlamento eletto un anno fa non rappresentata più correttamente l'elettorato. I grillini sono dimezzati, la lega ha raddoppiato i voti. Questo rovesciamento richiede nuove elezioni, tantopiù che la litigiosità fra i gialloverdi ha raggiunto punti di non ritorno.