Salvini smonta il piano Di Maio. E la Lega rilancia i voucher

Il ministro dell'Interno invade le competenze dell'alleato: non metta vincoli all'economia. Le imprese applaudono

Bagno di folla in una platea amica, a base di standing ovations e di quaranta minuti a farsi i selfie in una ressa indescrivibile («Tranquilli, non ho fretta»). Ma per Matteo Salvini la mattinata milanese al Festival del Lavoro - la convention dei consulenti aziendali - è anche l'occasione per lanciare una stoccata esplicita all'alleato di governo, su un tema che oltretutto rientra pienamente nelle competenze del vicepremier grillino, Luigi Di Maio. Il ministro del Lavoro e dello sviluppo, come è noto, sarebbe proprio Di Maio. Ma Salvini ne invade senza riguardi il terreno d'azione contestando il «Decreto Dignità», la controriforma del mercato del lavoro che negli annunci di Di Maio dovrebbe soppiantare il Jobs Act del governo Renzi.

«Con gli amici dei Cinque Stelle - premette il ministro dell'Interno - lavoriamo bene perché sono gente onesta, concreta, e positiva. Su alcuni dossier abbiamo visioni diverse come sulle infrastrutture: per me c'è bisogno di correre, lavorare, commerciare». Poi la stoccata: «Capisco la voglia di Di Maio, ben fondata, di limitare il lavoro precario. Ma attenzione che nel nome della lotta al precariato non si danneggino gli interessi dei lavoratori e delle imprese costringendoli al nero perché subissati da troppi vincoli. I voucher, lo dico spassionatamente, sono stati cancellati ipocritamente per scelta politica».

La platea di consulenti del lavoro si spella le mani, «questo non è un professore come Monti». Ma intanto le parole di Salvini hanno già fatto irruzione nel dibattito politico, perché sembrano aprire un nuovo fronte interno al governo «gialloverde»: oltretutto, riabilitando una delle creature del governo di Renzi più invise ai grillini, quei voucher poi aboliti per paura del referendum della Cgil.

Che il tema sia caldo, lo dimostra la rapidità con cui l'assist di Salvini viene raccolto da un altro ministro leghista, il titolare dell'Agricoltura Gian Marco Centinaio: «Bene ha fatto il ministro Salvini a toccare il tema dei voucher. Al ministero abbiamo studiato e siamo pronti per reintrodurli perché utili per combattere il lavoro in nero e rendere più efficaci i controlli. Il datore di lavoro potrà beneficiare di prestazioni lavorative in piena legalità e con coperture assicurative in caso di eventuali incidenti mentre il lavoratore riceverà non solo un compenso esente da tasse ma potrà accumulare i contributi finalizzati ai trattamenti pensionistici». E subito dopo arriva il plauso a Matteo Salvini delle associazioni imprenditoriali più coinvolte dai voucher, la Coldiretti e la Confesercenti.

«In campagna sono iniziate le raccolte e presto ci sarà la vendemmia - dice il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo - con i voucher circa 50mila posti di lavoro occasionali possono essere recuperati con trasparenza»: e ricorda che secondo i sondaggi il 68 per cento dei giovani italiani sarebbe pronto a partecipare alla stagione del raccolto. «L'abolizione improvvisa dei voucher ha cancellato occasioni di lavoro per circa 400 mila persone», fa eco Confesercenti, che attacca apertamente i vincoli del «Decreto Dignità».

Insomma, se Salvini ha fatto una invasione di campo, dagli spalti sono arrivati per adesso solo applausi. E diventa interessante ascoltare oggi cosa replicherà Luigi Di Maio, atteso sullo stesso palco da cui il collega di governo gli ha lanciato ieri il guanto di sfida.

Commenti
Ritratto di ateius

ateius

Sab, 30/06/2018 - 08:54

se finalmente si parla di Economia e Lavoro.. finalmente la destra e la sinistra fanno le loro scelte. contrapposte.- il liberismo della Destra e a quanto pare della Lega mal si concilia coi lacciuoli garantisti che la sinistra 5stelle auspicherebbe nel mondo del Lavoro. finalmente la contraddizione del Governo esplode.. e si farà Chiarezza.

Ritratto di filospinato

filospinato

Sab, 30/06/2018 - 09:41

Salvini vuole e dovrebbe guidare l'Italia! Le prossime elezioni non gli servirà lavorare alla campagna elettorale perché gli italiani hanno già visto come intende rimettere in piedi il paese.

Giorgio1952

Sab, 30/06/2018 - 09:52

La coalizione di governo è come la coalizione di Cdx, ovvero virtuale perché il programma è comune ma ognuno la pensa a modo suo; Salvini invade la competenza dell’alleato e smonta il piano Di Maio sul lavoro davanti una platea amica, in un bagno di folla a base di standing ovations e di quaranta minuti a farsi i selfie dice «Tranquilli, non ho fretta» forte dei sondaggi. Centinaio gli fa subito eco «Bene ha fatto Salvini a toccare il tema dei voucher. Abbiamo studiato e siamo pronti per reintrodurli perché utili per combattere il lavoro in nero e rendere efficaci i controlli”, ma li avevano aboliti proprio perché dicevano che favoriva il lavoro nero, con un voucher di due ore facevano lavorare la gente per l’intera giornata. il presidente Coldiretti ha detto poi una cazzata colossale “Secondo i sondaggi il 68% dei giovani italiani sarebbe pronto a partecipare alla stagione del raccolto”, non c’è un giovane disposto a lavorare nell’agricoltura.

steacanessa

Sab, 30/06/2018 - 10:28

L’abolizione dei voucher è stata un disastro degno dei sinistri di merenda. Disastro economico (fine delle entrate previdenziali) disastro umano (ritorno al nero e diminuzione degli occupati). Maledetto comunismo di accatto!

Duka

Sab, 30/06/2018 - 11:03

Tuttavia nessuno di questi cosi detti politici in realtà politicanti di mestiere ha MAI capito quale sia il VERO problema. Nel Ns. paese non ci sono difficoltà nel produrre qualunque articolo che sia richiesto dal mercato, le difficoltà sorgono con l'impatto commerciale al quale le nostre piccole aziende non sono in grado di presentarsi ai mercati internazionali. Ciò è dovuto principalmente alla più totale incapacità e disorganizzazione degli enti preposti allo scopo. Camere di Commercio, ICE, Banche ecc. Un esempio per tutti molto semplice e pratico. Come può un artigiano che pur avendo un ottimo prodotto non è economicamente in grado di presentarsi all'internazionalizzazione. Se chiede agli uffici ICE di partecipare ad una fiera collettiva, nel più economico dei casi il costo è di circa 8/10000 euro. Un piccolo artigiano non lo farà mai.

Anonimo (non verificato)

Una-mattina-mi-...

Sab, 30/06/2018 - 13:26

BRAVO SALVINI!!!

lawless

Sab, 30/06/2018 - 13:49

i voucher sono di vitale importanza per una miriade di piccolissimi proprietari di terreni che non potendosi permettere la partita iva non riescono con le proprie forze a fare in proprio quei piccoli e circoscritti lavori (potatura alberi ad esempio) che consentono loro di condurre le ristrettissime proprietà nel rispetto della legge. Qualora questi voucher non venissero ripristinati coloro che con fatica hanno coltivano appezzamenti di terreni di limitatissime dimensioni si vedrebbero costretti ad abbandonarli in modo definitivo con ricadute assolutamente disastrose sia per il sostentamento degli stessi proprietari che per lo stato (coltivazioni ferme, tasse zero), visto che si interromperebbe una filiera lavorativa di piccolissime dimensioni (ci sono moltissimi piccoli proprietari che per ragioni più svariate si dedicano alla conduzione di micro proprietà) ma che nel complesso risulta numericamente considerevole.

luna serra

Sab, 30/06/2018 - 14:53

"I voucher, lo dico spassionatamente, sono stati cancellati ipocritamente per scelta politica " caro Salvini i Voucher stavano diventando una schifezza pagavano gli stipendi alle commesse e camerieri con i Voucher come se fosse lavoro saltuario, vanno bene in agricoltura per la raccolta delle mele -arancie -pomodori -uva ma non per artigianato o commercio,Salvini lei lo sa che con un voucher c'erano camerieri che lavoravano un mese pagati a nero

Nick2

Sab, 30/06/2018 - 18:23

Ateius, il liberismo della Lega? Ma dove lo vedi? Meglio lasciar perdere l'economia e proseguire con i soliti slogan: "Invasione, invasione - Chiudiamo i porti, chiudiamo i porti- Prima gli italiani, prima gli italiani - Legge Fornero, legge Fornero - Flat tax, flat tax - Legittima difesa, legittima difesa" Con questi argomenti ti troverai senz'altro più a tuo agio...