Sanzioni alla Russia? Salvini pensa al veto

Ospite dell'ambasciatore russo a Villa Abamelek, Matteo Salvini usa toni cauti sul riconoscimento della Crimea. Ma sulle sanzioni alla Russia apre ad un possibile veto italiano: "Dobbiamo ragionarci"

È villa Abamelek la "nuova" villa Taverna. Nel giorno della festa nazionale russa i cancelli della residenza dell’ambasciatore Sergej Razov si sono aperti per accogliere oltre mille invitati. Un ricevimento affollatissimo, con tanti ospiti d’eccezione. A partire dalla seconda carica dello Stato, la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, passando per membri di spicco del governo come il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi e quello degli Interni, Matteo Salvini.

È il leader della Lega ad intrattenersi con i giornalisti a margine di un incontro a porte chiuse con l’ambasciatore russo durato oltre 15 minuti. Dopo le dichiarazioni del segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, il vicepremier usa toni morbidi sul riconoscimento della Crimea. Ma apre alla possibilità di un eventuale veto italiano alle sanzioni contro la Russia al Consiglio Europeo di fine giugno. "Adesso vediamo, in Europa almeno a parole qualcosa sta cambiando: siamo una squadra, lasciateci partire, ma sulle sanzioni abbiamo le idee chiare", ha detto Salvini, dopo aver presieduto il primo Consiglio dei Ministri del governo Conte.

E sulla penisola rivendicata dall’Ucraina glissa: “C'è qua il ministro degli Esteri, non fatemi rubare il lavoro agli altri, però parleremo di tutto”. "Il mio impegno è sul fronte libico, che è il più vicino e il più preoccupante”, ha aggiunto. Ed è proprio in Libia che Salvini ha annunciato di volersi recare al più presto. "La Nato è un'alleanza difensiva, a cui noi contribuiamo. Mi piacerebbe che difendesse una Paese membro, la cui minaccia non è sul fronte orientale ma è sul fronte meridionale, parlo del Mediterraneo e del Nord Africa. Se siamo membri di un'alleanza difensiva mi piacerebbe che ci aiutasse a difenderci non da pericoli presunti ad Est, ma da pericoli reali a Sud", ha aggiunto commentando le parole di Stoltenberg.

Al ricevimento erano presenti anche diversi deputati leghisti e pentastellati, come Manlio Di Stefano, ed esponenti del centro destra, come Vittorio Sgarbi. Mosca ha “accolto naturalmente con interesse la posizione nei confronti della Russia espressa da questo governo”, ha detto l’ambasciatore nel discorso pronunciato ad inizio serata. "Siamo aperti al dialogo, disposti ad una collaborazione reciprocamente vantaggiosa con tutti coloro che rispettano i principi del diritto internazionale", ha sottolineato il diplomatico, chiarendo come la Russia segua "con attenzione la situazione politica in Italia". Un Paese, il nostro, che, ha aggiunto Razov, rimane "uno dei partner fondamentali" di Mosca in Europa e con cui la Russia "è aperta al lavoro nelle arene internazionali".

Commenti

Silvio B Parodi

Gio, 07/06/2018 - 23:54

basta sanzioni alla Russia che ci danneggiano..la Merkel le ha messe pero' sottobanco fa affari con la Russia. Basta pagare la Nato che e' inutile e costosa, NON DIFENDE NESSUNO SOLO I LORO STIPENDI. FUORI dall'europa e dall'euro, ora Basta, mandate a ramengo l'EURASIA e avviciniamoci alla RUSSIA.

Ritratto di MariannaE

MariannaE

Gio, 07/06/2018 - 23:55

Presto sara tolto l'Embargo alla Russia. Non dimenticare che Trump lo ha promesso nella sua Campagna elettorale. E se Trump dice una cosa, LO FARA APPENA SARA POSSIBILE !!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 08/06/2018 - 00:08

BENEEE Comandante AVANTI!!!!

akamai66

Ven, 08/06/2018 - 00:33

Nel 1812 il generale prussiano Carl von Clausewitz, il mago dela Strategia, decise di porsi al servizio del generale russo Kutusov, affermando che solo la Russia avrebbe potuto realizzare l'unità d'Europa. Poi,arrivò il bolscevismo, furono buttati al vento, letteralmente, circa 70-80 anni, ed oggi mi si viene a dire che dobbiamo guardare ai Clinton, agli Obama, ai Trump: perchè pensavano o pensano all'Europa, meno male!Qualche specialista da bar della storia mi dirà : e la Crimea? Già la Crimea. E, naturalamente nel sostenere tale tesi ostentano di sapere tutto: STORICAMENTE, supportati anche dalla geografia.Il caso Crimea è come quello di Trieste per l'Italia. Restituiamo la Crimea agli ucraini e Trieste ai Croati, E' così?

mila

Ven, 08/06/2018 - 01:12

Speriamo. Consiglio pero' a Salvini di non uscire mai senza una buona scorta.

Marcolux

Ven, 08/06/2018 - 04:00

GRANDE SALVINI, FINALMENTE UN UOMO, NON GENUFLESSO O PIEGATO A 90 GRADI!

sale.nero

Ven, 08/06/2018 - 06:05

All'Europa, soprattutto alla Germania, da fastidio l'amicizia che c'è tra Putin e l'ex Berlusconi, che però ancora dietro le quinte determina la posizione d'amicizia italiana con la Russia ... facciamo valere e dimostriamo un pò di nuovo carattere e smettiamola di essere i soliti rispettosi (fessi) lacchè

cangurino

Ven, 08/06/2018 - 06:15

una sola parola: grandioso.

Ritratto di sachiel333

sachiel333

Ven, 08/06/2018 - 06:34

Stop immediato sanzioni alla Federazione Russa! Applicare sanzioni ai tre paesi canaglia per eccellenza : Turchia, Qatare Arabia Saudita i pupari assieme alla CIA e al Mossad del disastro islamico in medio Oriente! Hanno creato a tavolino gli animali dell'ISIS! E nel mio Paese i lacchè di regime sono lì a zerbinare!

mumble

Ven, 08/06/2018 - 06:41

A me risulta che sulle misure restrittive in campo l'Unione Europea applica la procedura di cui all'art. 215 TFUE (Trattato sul funzionamento della UE), ovvero: procedura di approvazione con maggioranza qualificata da parte del Consiglio su proposta congiunta dei due Commissari Europei competenti sugli Esteri e sulla Sociurezza.... Potere di veto ? Boh

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 08/06/2018 - 06:51

Questo non è populismo, è un parlare da partner con pari dignità.

Pigi

Ven, 08/06/2018 - 07:01

Risulta che sia la Nato, in spregio a tutti gli accordi, ad aver inglobato i paesi dell'ex Patto di Varsavia, non il contrario. Ma cosa credono i capoccia Nato, che abbiamo l'anello al naso? La Nato andava sciolta dopo la caduta del comunismo, ma i burocrati tengono sempre al loro posticino, quindi cercano di mantenere alta la tensione per giustificare la loro presenza. Voler ricreare un'artificiale cortina di ferro è catastrofico per i paesi dell'est, che si stanno spopolando, ma questa gente è priva di scrupoli.

Duka

Ven, 08/06/2018 - 07:20

CIO' CHE SI PROMETTE SI FA: COSTI QUEL CHE COSTI. impara!

Nick2

Ven, 08/06/2018 - 08:03

Salvini è in perenne campagna elettorale, ma deve capire che, prima o poi, i nodi verranno al pettine. La legge Fornero rimarrà pressoché invariata, la flat tax non si farà, ci sarà al massimo un ritocco delle aliquote. Con i migrati continuerà la politica di Minniti e, con i rapporti con la Russia, il governo gialloverde si dovrà piegare agli USA, perché l'Italia non è l'Ungheria, ha una posizione geopolitica fondamentale e non sarà di certo un demagogo da bar dello sport a cambiarla...

dank

Ven, 08/06/2018 - 08:20

Salvini: sempre meglio

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 08/06/2018 - 08:27

Mi fido molto più della Russia che della Ghermania (H indicativa). Fuori dall'euro e dalla UE, strumenti micidiali in mano alla Merkel, "degenerati" per realizzare il sogno che fu di Hitler. Sul “sogno” ovviamente scherzo, ma poi mica tanto.

Ritratto di Eurialo38

Eurialo38

Ven, 08/06/2018 - 08:39

complimenti per la visione audace stante la perdurante dipendenza dalle direttive americane in Europa, e lungimirante, purché non si passi da un padrone ad un altro ma da alleati responsabili quindi autonomi. La Russia, finita la guerra fredda, uscita la GB dall'Europa, compiuti i disastri USA in medioriente, è naturale alleata del vecchio mondo. Prima di chiedere aiuto a chicchessia però sulle sponde del Sud, dimostriamoci di esser capaci di organizzare un centro di smistamento prima ancora dell'accoglienza efficace che distingua tra rifugiati politici e immigrati clandestini, i primi da tutelare secondo le norme internazionali, i secondi da dissuadere o rimpatriare. Fondamentale sarà la politica estera in Libia e Maghreb, Francia già presente. Aiutati che Dio t'aiuta. Auguri all'interessante governo Nord-Sud

VittorioMar

Ven, 08/06/2018 - 09:09

..SALVINI non impelagarti nella GeoPolitica...occupati dello Sviluppo Commerciale ed Economico con la Russia !!