Schianto con lo scooter: muore il giovane chef stella della cucina romana

Alessandro Narducci aveva 29 anni, fatale un frontale con un'auto. I pm: omicidio stradale

Le vie della capitale di nuovo macchiate di rosso. È una scia di sangue senza fine quella che accomuna le strade di Roma, che dall'inizio dell'anno contano già 82 vittime.

Tra giovedì e venerdì notte sul Lungotevere della Vittoria ha perso la vita Alessandro Narducci, 29 anni, conosciuto e promettente chef del ristorante Acquolina, di via del Vantaggio, e la sua collega di lavoro, Giulia Puleio, 25 anni. I due viaggiavano su una Honda Sh, che all'una è rimasta coinvolta in uno scontro frontale con un'autovettura, una Mercedes Classe A.

I due ragazzi sono stati scaraventati trenta metri più in là del motorino e sono deceduti sul colpo. L'uomo alla guida della Mercedes, un italiano di 30 anni, invece, è stato ricoverato in codice rosso al Policlinico Gemelli. Lo schianto è stato terribile e la macchina è finita contro altre tre in sosta: una Fiesta, una Scenic e una Audi Q3. I vigili urbani hanno effettuato i rilievi, ma non è chiara la dinamica e bisognerà accertare quale veicolo abbia invaso la corsia dell'altro. Per esigenze d'indagine, la Procura ha già aperto un fascicolo per duplice omicidio stradale, nelle mani del pm Pietro Pollodori. L'automobilista, che è in gravi condizioni, invece, è stato sottoposto a test per escludere che abbia fatto uso di droga o alcool prima di mettersi al volante. Ma i risultati arriveranno solo nelle prossime ore. Al momento tutte le ipotesi sono aperte e non è escluso che a causare il mortale sia stata l'alta velocità o un colpo di sonno da parte dell'automobilista o dello chef.

Narducci e la sua amica, che lavorava con lui come cameriera, poco prima di morire erano stati insieme al Vinoforum, dove nei primi tre giorni lui era stato protagonista di showcooking ed eventi serali. L'altra notte, invece, erano ospiti. «È una perdita gravissima, una vera tragedia che ci addolora profondamente - ha detto Emiliano De Venuti, Ceo di Vinòforum -. Purtroppo il numero delle persone coinvolte e degli appuntamenti già confermati da parte di centinaia di operatori del settore provenienti da tutta Italia, rende impossibile il blocco della manifestazione, ma questi ultimi giorni proseguiranno con un immenso dolore».

Il ragazzo era molto amato nel mondo della ristorazione. Aveva iniziato al Convivio di Troiani e aveva seguito poi Heinz Beck negli Emirati Arabi. «La morte di Alessandro mi ha scioccato - ha commentato Beck - io e il mio team siamo sconvolti. Aveva lavorato con me al ristorante Dubai Social. L'ho promosso sous chef perché era serio, professionista e professionale. Una persona carina che trovava sempre tempo per tutti. Piangeva quando lasciò il team». Commozione anche all'Acquolina di via del Vantaggio. «Il nostro cordoglio va alle famiglie, alla fidanzata Deborah, agli amici e a tutto lo staff - si legge sulla pagina del locale -. Il ristorante Acquolina e la terrazza Acquaroof saranno momentaneamente chiusi per lutto fino a nuova comunicazione».