"Severino? Non è retroattiva C'è populismo giudiziario"

Il vicepresidente dell'Associazione nazionale magistrati è duro: «La legge che ha estromesso il Cav non poteva essere applicata»

«Populismo giudiziario»: sono parole pesanti quelle che Antonio Sangermano, vicepresidente dell'Associazione nazionale magistrati, usa per definire le scelte di Piercamillo Davigo, che ha scoperto all'improvviso la lottizzazione delle cariche all'interno della magistratura. Sangermano - oggi procuratore della Repubblica per i minorenni a Firenze - in questa intervista attacca frontalmente Davigo. Ma se la prende anche con altre espressioni di populismo giudiziario, con i giudici che si rivolgono alla «pancia» del paese su temi cruciali come la droga o le adozioni. E persino con l'estromissione di Berlusconi dalla politica con la legge Severino: «Quella legge non poteva essere usata retroattivamente».

Però per un anno Davigo, da presidente dell'Anm, ne ha dette di tutti i colori, e nessuno di voi lo ha mai sconfessato.

«Noi di Unicost (la corrente moderata, ndr) non abbiamo mai condiviso il suo massimalismo. Alcune affermazioni che gli vennero attribuite, come quella secondo cui non esisterebbero politici innocenti ma solo colpevoli su cui non sono state raccolte le prove, sono così gravi da farmi dubitare che le abbia davvero pronunciate. Dopo un anno di enorme visibilità mediatica, adesso sbatte la porta abbandonando la giunta dell'Anm. Di fatto, lui e la sua corrente si allineano a una tendenza di neopopulismo giudiziario per trarne tornaconto elettorale e di fazione».

Ma la lottizzazione esiste.

«Allora ragioniamo sui rimedi. E comunque sedici nomine contestabili su seicento mi sembrano un dato risibile».

Ma non è populismo giudiziario anche pretendere di sostituirsi alla politica, intercettando umori veri o presunti del paese? Siamo arrivati al punto che il procuratore nazionale antimafia, che dovrebbe dare la caccia ai narcos, propone di legalizzare la marijuana.

«Franco Roberti ha detto cose corrette e legittime sul rafforzamento della linea repressiva che verrebbe da una parziale legalizzazione. Ma è talmente enorme il danno socioculturale che ne deriverebbe che il presunto vantaggio ne risulterebbe annientato. È impensabile che uno Stato venda una sostanza che ottunde le coscienze e distrugge i neuroni per un puro calcolo».

Ci sono anche giudici che legalizzano adozioni gay avvenute all'estero.

«L'omofobia è un sentimento disgustoso e violento. Ma la famiglia in Italia ha un quadro normativo invariato: è l'unione tra un uomo e una donna tendenzialmente finalizzata alla riproduzione. Discriminare è sbagliato, ma nemmeno si può assimilare tutto. La legge con una scelta chiara non ha previsto la possibilità della stepchild adoption. Tutte le sentenze che non tengono conto di questo divieto per me non sono condivisibili».

Populismo non è anche pretendere di allargare le misure di prevenzione antimafia ai casi di corruzione, colpendo sulla base di indizi e sospetti?

«No, penso di no. Però allora dobbiamo allargare questo strumento a un'altra emergenza, gli stranieri che delinquono. La sicurezza del cittadino è parte integrante della democrazia. Quindi bisogna trovare gli strumenti per l'espulsione di tutti coloro che hanno commesso reati, perché l'ospitalità è un credito che va meritato con comportamenti coerenti. Per questo non credo che lo ius soli e automatismi simili siano una buona idea».

Lei ha indagato a lungo su Silvio Berlusconi per l'affare Ruby, per cui è stato assolto. Oggi Berlusconi è fuori dal Parlamento per un'altra vicenda, dove la condanna ha fatto scattare la legge Severino, anche se emanata dopo i fatti.

«Berlusconi non è stato vittima di una congiura giudiziaria: la giustizia deve fare il suo corso, e questo è quanto accaduto. Ma sul piano politico i leader vengono scelti dalla forza della politica e dagli elettori. Silvio Berlusconi è sulla scena politica, è un leader di levatura obiettiva scelto dal popolo, e io credo che spetti agli elettori decidere il suo destino politico. A me sembra evidente che la legge Severino è una legge che produce effetti penali, e che quindi in base alla Costituzione non potesse venire applicata retroattivamente».

Commenti

carpa1

Sab, 15/07/2017 - 09:56

Questo è parlare chiaro, tanto chiaro da rendere le idee totalmente condivisibili. Vedo però, per questo magistrato, tempi duri che ben difficilmente gli consentiranno di mantenere una posizione di rilievo in questa magistratura. A meno che il vento della politica non cambi radicalmente decidendosi, una volta per tutte e senza guardare in faccia nessuno, a far piazza pulita di quelli che hanno fatta propria la magistratura manipolandola ad uso e consumo della sx.

tonipier

Sab, 15/07/2017 - 10:01

" BISOGNA AMMIRARE-DI QUESTI TEMPI ".... " Anm." La funzione del giudice. Non vi può essere società senza diritto. Il diritto è il complesso delle disposizioni che regolano e garantiscono la esplicazione delle facoltà e delle attività politico-sociali tra i componenti di una comunità territoriale. E' inconcepibile una società senza un complesso di norme giuridiche preordinate ad assicurare un ordine pacifico, il più possibile indenne dalle collusioni, allo svolgimento delle relazioni tra i consociati, i quali singolarmente considerati prendono il nome di cittadini e che nella loro generalità costituiscono lo "STATO".

Marcello.508

Sab, 15/07/2017 - 10:34

Occhio che ti stroncano la "cariera" .. ahahahaha ..

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Sab, 15/07/2017 - 10:43

Purtroppo, è congiura poiché nelle prime lezioni di Diritto il mio prof. PM F.F. Presidente del Tribunale dei minori MI ci insegnava che nessuna Legge poteva essere retroattiva a meno che fosse favorevole all'impianto cosa giuridicamente applcato. Ma voilà per Napolitano il dado è tatto? Poi all'Obama-Hillary-Eu per il Golpe dal 2011

PDIsla§

Sab, 15/07/2017 - 11:05

MI CONFORTA CHE ALMENO NON C'E' DEL MARCIO GIACOBINO NEL SISTEMA.

PDIsla§

Sab, 15/07/2017 - 11:09

GRAZIE PER LA VERITA' OTTENEBRATA DAI COMUNISTI/GIUDIZIARI/ONOREVOLI BOLSCEVICHI ANCORA IN AUGE.

ilbarzo

Sab, 15/07/2017 - 11:38

Ma trattandosi di Berlusconi è stata fatta una eccezione alla regola, ed è stata applicata.Metteteci una pezza!

giovanni PERINCIOLO

Sab, 15/07/2017 - 11:42

Allora é vero che esistono anche giudici degni di tale qualifica. Temo pero' che a

Ritratto di Zione

Zione

Sab, 15/07/2017 - 11:45

La Voce della VERITA' è imbavagliabile. Sia ringraziato il Cielo; perchè anche nella gravissima situazione nella quale si dibatte la nostra ONESTA Magistratura, c'è sempre qualche coraggioso Galantuomo (vice Presidente del CSM) che parla con Autorevolezza sagace Chiarezza; anche in merito alle Scempiaggini subite dal nostro esimio PRESIDENTE Berlusconi. -- -- A. V. G. -- (Associazione VITTIME del Giudiciume).

giovanni PERINCIOLO

Sab, 15/07/2017 - 11:45

Allora é vero che esistono anche giudici degni di tale qualifica. Temo pero' che Antonio Sangermano non avrà vita facile e dovrà continuamente guardarsi alle spalle sempreché gli altri magistrati che la pensano come lui non trovino finalmente il coraggio di uscire allo scoperto combattendo apertamente le storture dei davigo e compagni!

Anonimo (non verificato)

leopard73

Sab, 15/07/2017 - 11:52

ALLORA RIABILITATE E RIDATE LA Dignità SILVIO BERLUSCONI CON LE VOSTRE SENTENZE CON SAPORE MAFIOSO. CAPRONI PREPOTENTI.

Cheyenne

Sab, 15/07/2017 - 11:53

c'era bisogno di cotanto scienziato per capirlo. Lo aveva capito il mio barbiere (5° elementare) facendo l'esempio se oggi ammazzare una persona non è reato e io l'ammazzo oggi perchè "m'avissiru a condannari"?

sparviero51

Sab, 15/07/2017 - 11:58

STRAPPARE LA COSTITUZIONE E RISCRIVERLA IN MASSIMO 50 PAGINETTE E SOTTOPORLA A REFERENDUM. STESSA COSA PER IL CODICE PENALE CON AZZERAMENTO DI TUTTE LE CARICHE DELLA MAGISTRATURA CON NUOVA SELEZIONE PARTENDO DA QUELLA PSICHIATRICA !!!

Ritratto di Zione

Zione

Sab, 15/07/2017 - 12:11

La Voce della VERITA,' non è mai del tutto imbavagliabile. Sia ringraziato il Cielo, era ora; perchè anche nella gravissima situazione Sociale in cui ci troviamo, e nella quale si dibatte anche la nostra antica e ONESTA Magistratura, c'è sempre qualche coraggioso Galantuomo, come in questo caso il vice Presidente del CSM; che parla in base al sentito Senso dell' ONORE, con Autorevolezza e sagace CHIAREZZA; pure in merito alle continue Scempiaggini subite dal nostro esimio PRESIDENTE Berlusconi; ed allora è Doveroso riconoscere che forse e finalmente la nobile GIUSTIZIA, riuscirà ad affossare definitivamenre quei Miserabili VERMI di sordidi magistrati politici, che con usurpata e indegna Toga, finora ritenevano di essere stati (impunemente ...) i suoi “nuovi” NECROFORI. -- -- A. V. G. -- (Associazione VITTIME del Giudiciume).

PEPPINO255

Sab, 15/07/2017 - 12:13

La legge Severino è entrata in vigore il 1 gennaio 2013.... Berlusconi è stato "condannato in via definitiva" il 1 LUGLIO 2013.. Quindi DEVE scontare l'interdizione dai pubblici uffici. Capito, CxxxxxxE che non sei altro ?!? A proposito di cxxxxxxi.... cari italioti, non vi sembra di essere un po' sxxxxxi ad aspettare la ricandidatura di un condannato? Mandategli un "pacco di pannoloni omaggio" e mandatelo .... dove merita di andare, se prima non lo arrestano !!! Firmiamo una petizione per allontanare qu7esti pseudo magistrati venduti alla Mafia.

demetrio_tirinnante

Sab, 15/07/2017 - 12:22

Sono convinto che l'ottimo Davigo quando parla ex cathedra sappia in cuor suo di dire sciocchezze, tant'è che nel vano tentativo di imbonire l'uditorio, sceglie di fare la faccia severa.

mzee3

Sab, 15/07/2017 - 12:47

Si...si...tutto bello , tutto giusto... ma se è vero come è vero che i politici vengono scelti dai cittadini con il voto è altrettanto vero che i politici DEVONO...insisto DEVONO rispettare le leggi, i regolamenti e avere un comportamento che non solo sembri corretto ma sia corretto e loro DEVONO essere da esempio per la popolazione, pena la penalizzazione e la cacciata dalla politica. Severino o non Severino. Berlusconi è stato ed è una vergogna immonda e va cacciato senza se e senza ma.

mzee3

Sab, 15/07/2017 - 12:48

Si...si...tutto bello , tutto giusto... ma se è vero come è vero che i politici vengono scelti dai cittadini con il voto è altrettanto vero che i politici DEVONO...insisto DEVONO rispettare le leggi, i regolamenti e avere un comportamento che non solo sembri corretto ma sia corretto e loro DEVONO essere da esempio per la popolazione, pena la penalizzazione e la cacciata dalla politica. Severino o non Severino. Berlusconi è stato ed è una vergogna immonda e va cacciato senza se e senza ma. Piaccia o non piaccia a questo giornale e alla redazione che probabilmente non posterà!

Ritratto di gian td5

gian td5

Sab, 15/07/2017 - 12:54

@ Peppino255, la tua terza narice non funziona , fattela controllare, la data di riferimento per l'applicazione della legge è quella della consumazione del reato, non quella della condanna.

agosvac

Sab, 15/07/2017 - 13:11

Finalmente un magistrato che riconosce come Berlusconi è stato "fatto fuori" illegalmente!!!

Il giusto

Sab, 15/07/2017 - 13:13

Aldilà della Severino parliamo comunque di un pluripregiudicato...solo per le condanne dovrebbe essergli vietata ogni carica pubblica.Anche far attraversare ai bambini la strada..

leopard73

Sab, 15/07/2017 - 14:10

IL GIUSTO? COSA STAI DICENDO CHE ANCHE TU SEI KOMUNISTA!! VERGOGNATI PER QUELLO CHE HAI SCRITTO.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Sab, 15/07/2017 - 17:43

E poi si parla di fascismo? Ma quello che hanno fatto i comunisti del PD cosa e ?Altro che fascismo PURO COMUNISMO