Si candidi premier e facciamola finita

L'Italia non ha bisogno di un piccolo clone di Trump, ma di un grande leader. Ed è necessario che questo essere leader di fatto coincida con un incarico ufficiale e formale di primo ministro, perché a quei livelli la forma è sostanza

Non basta andare a cena con Ronaldo per vincere il Pallone d'oro, così come non basta costruire una buona auto sportiva per poter fare come Ferrari. Il tuffo di Salvini nel trumpismo rischia così di confondere ancora di più la situazione invece che portare elementi di chiarezza. A scanso di equivoci, preferisco Matteo Salvini a Donald Trump. Ma il primo è viceministro di un medio Paese europeo in costante affanno, il secondo è un miliardario presidente della più grande e forte democrazia occidentale. Le due cose non sono comparabili, le ricette non sovrapponibili e sarebbe un insulto all'intelligenza dover spiegare il perché. L'Italia non ha bisogno di un piccolo clone di Trump, ma di un grande leader. Ed è necessario che questo essere leader di fatto coincida con un incarico ufficiale e formale di primo ministro, perché a quei livelli la forma è sostanza.

La prima anomalia è che ci ritroviamo con un leader di una parte politica (la Lega) che va in America a prendere impegni a nome di tutto il Paese come se fosse lui il premier mentre il premier titolare (Conte) è ridotto, per ingannare il tempo, a fare passerella in una rassegna di aerei in Francia. Umiliante, per Conte, ma anche per l'immagine e la credibilità dell'Italia. C'è una regola semplice secondo la quale là dove saltano le gerarchie regna il caos. E il caos non genera mai nulla di buono.

Attenzione, io non vorrei vedere Conte alla Casa Bianca, preferirei di gran lunga Salvini a Palazzo Chigi. Anche perché solo una volta seduto su quella poltrona Salvini sarebbe costretto ad accelerare sulla strada dei fatti invece che su quella delle parole. «America first», e veniamo al secondo equivoco di questa vicenda, non si traduce alla lettera in «Prima l'Italia». Prima dove, come, quando? Un leader solo politico, come è Salvini oggi, le risposte a queste domande le può lasciare nell'aria, un premier no. Un premier deve invece rispondere puntualmente e dire dove sono i soldi, tanto per fare degli esempi, per sforare i parametri e varare la flat tax.

Prima Salvini esce da questo equivoco di oppositore del suo governo proponendosi ufficialmente come premier e prima l'Italia ripartirà, ammesso che lui sia capace di una simile impresa. Qualsiasi altra ipotesi è una riedizione della peggior politica, cioè una contraddizione in termini del verbo salviniano.

Commenti

neucrate

Mar, 18/06/2019 - 15:50

Io invece vedrei benissimo Berlusconi come capo del governo, in passato ha fatto sempre bene, e rimane ancora adesso un leader che continua a vincere le elezioni

FlorianGayer

Mar, 18/06/2019 - 16:16

Salvini non seguirà mai il suo consiglio, perché non ha la minima idea di come attuare le sue proposte. La sua incompetenza si vede ovunque, dalle critiche dei costruttori edili (che ne dovrebbero beneficiare) a gran parte delle sue "semplificazioni di buon senso" sugli appalti alle opinioni non proprio lusinghiere espresse dagli industriali (di nuovo beneficiari presunti) sui minibot. Salvini può andare al governo solo se ogni possibile opposizione si è prima suicidata e non è quindi in grado di sfruttare il suo immediato fallimento, cosa non impossibile ma prematura..

ex d.c.

Mar, 18/06/2019 - 16:48

Come si può considerare Salvini un leader? Viene da una coalizione di CD dove la Lega rappresenta la DX e si allea con il M5S, attualmente il partito più a SN. Rifiuta di essere guidato da Berlusconi ma deve accordarsi con un personaggio come Di Maio!l'EU lascia che abbaia ma lo tiene stretto al guinzaglio. Se questo è uno statista!

elpaso21

Mar, 18/06/2019 - 16:51

"io non vorrei vedere Conte alla Casa Bianca": non vedo il motivo di cotale preclusione.

INGVDI

Mar, 18/06/2019 - 16:52

Salvini ha paura della responsabilità, per quello non si propone come primo ministro chiedendo nuove elezioni. Il Paese ha bisogno di un grande leader, vero. Salvini lo è?

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Mar, 18/06/2019 - 16:58

Mi scusi Direttore, ma quando c'è andato Di Maio negli USA lo scorso 16 Gennaio non mi pare che Lei abbia avuto nulla a che ridire. Sarà perché a Di Maio negli USA non sono stati in molti a fare attenzione. Comunque mi pare chiaro che negli USA Salvini c'è andato per dare un messaggio forte e chiaro al partito che tifa per la procedura di infrazione. Da Draghi per finire con Lerner, quello insomma che tifano contro l'Italia.

Paolo17

Mar, 18/06/2019 - 17:16

Salvini è un gran acchiappavoti. Da questo punto di vista un fuoriclasse assoluto. Poi, il vuoto. A lui fa comodo stare lì, in questo aborto di governicchio: grande visibilità, ma responsabilità zero. Si è piazzato nella posizione più comoda e può fare il fenomeno con i "deboli" Conte e Di Maio, può "ricattare" l'ormai compassionevole Berlusconi, può "utilizzare" a suo piacimento i voti della Meloni. Poi se gli chiedi la differenza tra un'azione e un titolo di Stato o di leggere il bilancio della bottega di un ciabattino, probabilmente va in crisi. Ed è per questo che a Palazzo Chigi è meglio che si sieda qualcun altro. Chiunque altro. Anche della Lega, per carità. Ma chiunque altro.

Giorgio1952

Mar, 18/06/2019 - 17:18

Sallusti questa volta sono d'accordo con lei, lo aveva già detto il premier Conte al leader leghista come riportato da Andrea Indini su questa testata (Lun, 10/06/2019 - 09:30). E’ vero non abbiamo bisogno di un piccolo clone di Trump, ma di un grande leader che non è Salvini, perché ha costruito le sue vittorie speculando sulla paura degli immigrati, ma chi non è contrario ad una immigrazione di massa? Una paura che lui stesso fomenta di continuo, ha illuso con la Quota 100 che c’è ma non per tutti, la Flat Tax è un’altra chimera fino a 65mila euro per le sole partite Iva, ha buggerato tutti perché dal 2020 salirà al 20% per la parte eccedente fino a 100mila euro. Salvini è appena tornato dagli USA accolto da Trump ma strizza l’occhio a Putin, mentre l’altro vice premier è filo cinese preferendo la via della seta, il premier Conte ha avvisato il leader della Lega “Se sfidi l'Ue metti a rischio i risparmi degli italiani".

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mar, 18/06/2019 - 17:56

Meglio un male noto che un bene ancora da conoscere significa che meglio di quexsto Governo c'è soltanto un'Elezione politica verso settembre quando si avranno chiare le idee di cosa fare e di come fare; tutto il resto è retorica. Forza Italia. Shalòm.

FlorianGayer

Mar, 18/06/2019 - 18:00

Se poi Trump fosse intenzionato a (e in grado di) aiutare l'Italia in nome della sintonia con Salvini, queste cose avrebbero un senso. Ma il fatto è che Salvini non può promettere nulla a Trump, non essendo capo del governo. Da parte sua Trump non può promettere nulla perché: A) gli USA, con le politiche di "risanamento fiscale" seguite negli ultimi decenni+Trump si sono indebitati alla follia B) America first vuol dire America first, vai a spiegare ai protezionisti americani che vuoi aiutare l'Italia, reagiscono come i sovranisti austriaci, tedeschi, ungheresi....

spigolatore

Mar, 18/06/2019 - 18:08

L'unica persona che può fare chiarezza in questa situazione equivoca è il Premier Conte dimettendosi. In tal modo verrebbero fuori tutti i nodi non sciolti di questa situazione completamente anomala, in cui ognuno fa a modo suo senza rispetto per gli altri e ben al di fuori dei suoi compiti istituzionali. Con un bel botto si potrebbe far luce in questo casino.

Ritratto di bobirons

bobirons

Mar, 18/06/2019 - 18:37

06.18 – sallusti – 16.50 Tranquillo, carissimo Direttore, non sarà Salvini a candidarsi, sarà la gente che lo vorrà. E sa perchè ? Non perchè il "Capitano" sia un novello uomo del destino, se lo fosse o sarà speriamo che rinnovi solo gli atti positivi di quello prima, ma solo perché in passato di boccaloni che hanno sbraitato idiozie a go-go il popolo ne ha piene le tasche. Siamo caduti così in basso, non per colpa di sedici mesi gialloverdi ma di anni ed anni di rossi, rossicci e connessi, che Salvini rappresenta il classico stuzzicadenti lanciato a chi annaspa per non affogare. Certo, si dovrà liberare della zavorra grillesca, tremila disoccupati che cercano lavoro per un milione e mezzo di ... di percettori di un reddito che grida vendetta, no al tunnel, no al gasdotto no a tutto, ma il si rientra nel loro vocabolario ? Tempo al tempo, ma alla svelta, poi vedremo. Male che andrà, saremo con le pezze al kulo come oggi. E non per colpa di Salvini o la Lega.

Ritratto di llull

llull

Mar, 18/06/2019 - 18:50

Caro Direttore, stavolta mi trovo in disaccordo con lei; Salvini si è già candidato ed essendo il leader del partito più votato nella coalizione di CDX aveva acquisito il diritto ad essere premier. La stessa coalizione di CDX pur avendo avuto la maggioranza dei voti non aveva quella parlamentare; tuttavia il Presidente della Repubblica aveva ritenuto di non assegnargli l'incarico per la formazione del Governo. Pertanto, eventuali spiegazioni andrebbero chieste al PdR. Poi, non mi pare opportuno mettere a raffronto Salvini con Trump, in quanto non si tratta di una "Visita di Stato" e pertanto non è previsto un incontro con Trump.

CALISESI MAURO

Mar, 18/06/2019 - 18:52

neucrate.. vomitevole.. e sono stato buono.. vai al parco a dare becchime

nunavut

Mar, 18/06/2019 - 19:52

Mamma mia quanti difetti ha Salvini !!! in passato nessuno ebbe tanti difetti come gli accollano un giorno sì e l'altro pure, del resto come a Trump, ma il debito é crsciuto ugualmente e non di poco durante i governi precedenti ma allora ara indemico etcc..Attenzione che forse il Trump potrebbe essere rieletto e allora ?poi avrete la possibilità di chiedere aiuto alla Merkel, la quale trema e non poco (a 65 anni) durante una cerimonia ma obbligò la fornero a decretare la data della pensione a 67 anni pure per la gente che aveva lavori pesantissimi e pericolosi.

barnaby

Mar, 18/06/2019 - 20:03

In parlamento i grillini sono in forte maggioranza. Supponendo che si possa fare un rimpasto di governo, senza che ciò comporti una crisi, con Salvini premier, siccome le leggi vanno votate cambierebbe poco o nulla. Se il governo casca, solo andando alle elezioni potrebbero cambiare le maggioranze. In tal caso ammesso che il centro destra vada oltre il 40% con rapporti percentuali simili alle recenti europee, chi sarà il premier? Ovviamente Salvini che però qui viene presentato come un incapace. Se poi Mattarella proponesse un governo tecnico con gli attuali rapporti di forza potrebbero crearsi le solite ammucchiate all'italiana. Non sarebbe infine da escludere un incarico ancora ai 5 stelle per tentare un governo col PD. Ditemi che mi sbaglio.

FRANGIUS

Mar, 18/06/2019 - 20:22

SI PARLA A VANVERA PERCHE' ANCHE SE IL GOVERNO CADE MATTARELLO SU CONSIGLIO DEL CENTENARIO NON CI MANDEREBBE ALLE URNE E CI RIMANDEREBBE GENTE COME COTTARELLO E MONTI.E ALLORA GLI ITALIANI NON DAREBBERO LA COLPA AL PRESIDENTE SINISTROIDE,MA A SALVINI CHE HA FATTO CADERE IL GOVERNO CON TUTTE LE CONSEGUENZE DEL CASO.PURTROPPO NON C'E' ALTRA ALTERNATIVA

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mar, 18/06/2019 - 21:07

Ottime osservazioni, Direttore. Mi auguro, però, che Salvini non diventi mai primo ministro con tutti i crismi di «un incarico ufficiale e formale». L’unica cosa che sa fare veramente, aldilà dello tsunami di annunci e di sgradevoli e controproducenti alterchi con tutti coloro che non la pensano come lui, è il gioco del «ruba sedia». L’indomani del suo insediamento ufficiale come presidente del consiglio, non perderebbe occasione per fare il presidente della repubblica. Salvini è penalizzante per l’Italia come lo è per i suoi alleati.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 18/06/2019 - 21:39

La maggioranza dei commenti, e la stessa premessa delll'articolo fotografano un attegggiamento di supina accettazione di regole gia' scritte, magari da altri. La Storia, in genere, premia chi invece LE REGOLE LE SCRIVE. Senza fare paragoni fuori posto, che avreste detto se aveste potuto esserci quando Furio Camillo disse "Non auro, sed ferro, recuperanda est patria!", o Cesare disse "Alea jacta est!", o quando Napoleone 1l 18 Brumaio si mise contro chi lo aveva eletto Generale... Impariamo dalla Storia, chi si adegua a regole preesistenti DA LUI NON CREATE, SOCCOMBE.

faman

Mar, 18/06/2019 - 22:01

Salvini sa solo fare propaganda elettorale (molto abile) ma poi se ne sta li a metà del guado, atteggiandosi a Premier senza esserlo, non potendo trattare da pari a pari con i veri Premier e non potendo accettare proposte senza essere il vero Premier. Situazione veramente caotica. Oltre a prendere voti, Salvini facci un pò capire come è messa la politica italiana, fai il Premier (VERO) e prendi le decisioni se ne hai il coraggio.

Ritratto di jasper

jasper

Mar, 18/06/2019 - 22:24

Perchè dovrebbe candidarsi premier? Per fare una cosa del genere si dovrebbe tornare alle elezioni e la cosa non è tanto facile. Ora Salvini comanda e gli altri devono stare al suo gioco. Cosa possono fare?

Beaufou

Mar, 18/06/2019 - 22:43

Caro direttore, forse non l'ha capito nemmeno lei, allora. Salvini non ha nè le qualità, nè il coraggio, nè la solidità morale di un leader. Detto in altre parole, Sallusti, Salvini è una mezza calzetta che farà una brutta fine. Finora è prosperato sull'insipienza e l'ignoranza altrui (quella dei 5S, da cui , non a caso, non vuole assolutamente staccarsi perché fanno il suo gioco, per ora).

Ritratto di venividi

venividi

Mar, 18/06/2019 - 22:53

Il suo articolo ha avuto il merito di fa apparire alcuni fra i migliori post di alto livello che io abbia letto fino ad ora su questo giornale salvo un paio, specie uno, poverino, che non vede preclusioni. Grazie, signori

Mannik

Mer, 19/06/2019 - 08:59

Salvini non deve stare a Palazzo Chigi, ma dietro una qualsiasi scrivania di un qualsiasi ufficio a lavorare finalmente.

Ritratto di Sniper

Sniper

Mer, 19/06/2019 - 09:43

Bravo Sallusti a stanare Salvini, "oppositore del suo governo". Forse potrebbe anche smettere di fargli propaganda gratuita ogni giorno sul Giornale, ormai diventato Il Giornalino di GianSalvini.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mer, 19/06/2019 - 10:26

Salvini teme che la Lega molto presto evapori come i 5S. Prima della politica infatti ci sarebbe la cultura e l'ideologia di Salvini, come quella dei grillini, è chiaramente fascio comunista, roba un po' vecchia. Non ha nessuna idea per l'EU se non quella di sfasciarla come vorrebbero quelli molto molto più adulti di lui. E da uno di questi è stato convocato e congratulato (?) in questi giorni. Figuratevi i soci dell'EU, e proprio ora, come sono contenti. E sono pure nostri creditori. Quando si dice il tempismo.

Tenedotante

Mer, 19/06/2019 - 10:48

Da tempo il quotidiano bombardamento anti-Salvini, camuffato da opposizione anti-governativa, da parte della corte berlusconiana (povero Silvio...), è grottesco, è patetico, è sleale.

Ritratto di dlux

dlux

Mer, 19/06/2019 - 11:02

Maximilien1791 - Ce ne dobbiamo fare una ragione, carissimo. Non siamo ben visti dalla direzione: la scelta editoriale la obbliga a fare una certa cernita, non sempre democratica, dei commenti che, guarda caso, subiscono una sorte maligna (nel mio caso) in una buona percentuale. Io, che ho visto nascere "Il Giornale" di Montanelli e che l'ho comprato fin dal primo numero, quando lo portavo come bandiera di libertà, sento una morsa al cuore a dover scrivere queste righe, frustrato ed umiliato. L'unica mia speranza è che le cose cambino e cambino velocemente. Saluti.

Cheyenne

Mer, 19/06/2019 - 11:35

Stimo moltissimo Salvini e lo vedrei bene premier in un cendrodx rinnovato con FdI in ministeri importanti. Ma Statista oggi al mondo ce ne è solo uno : Putin.

ILSAGGIATORE

Mer, 19/06/2019 - 11:48

Prima di richiedere nuove elezioni, Salvini farà bene a sentire il Presidente della Repubblica:Questo è legato alle vecchie posizioni di potere e cercherà senz'altro di ostacolarlo, così come fecero i suoi predecessori.Dopo avere vinto le europee Salvini rischia di rimanere beffato, trovando un avversario a gestire le elezioni. E' una situazione che va ben ponderata...auguri

rigampi51

Mer, 19/06/2019 - 12:41

neucrate ma dove vince Berlusconi te lo sogni Vince il CDX ma per merito della Lega e FdI , infatti il Berlusca vorrebbe fondere la Lega con FI per sopravvivere, ma questo non accadrà mai, FI è finita, con gente come Tajani, Bernini e Gelmini non puo fare altro che chiudere baracca

Ritratto di bimbo

bimbo

Mer, 19/06/2019 - 13:14

Il fatto non giustifica il lavoro! Se i coalizzanti hanno raggiunto una pseudo-intesa meglio che continui anche deambulando nel cammino, ma almeno che si ottenga un risultato, se si vuole eleggere un premier allora c'è il vero rischio che si deambuli la mano del premier e che non firma più per paralisi dei nervi..

Sabino GALLO

Mer, 19/06/2019 - 14:19

USA, USA, USA !!! L'Europa ha bisogno di una USE! E presto! Altrimenti sarà facilmente USAta ! E sono evidenti gli interessi di mettere gli "europei uniti" fra gli oggetti commerciali "USA e getta" ! Ma anche senza la prima parte ! Non mancano "altri" che ne sperano solo sulla parte "getta"!

carlottacharlie

Mer, 19/06/2019 - 14:26

Posso una piccola cattiveria? Se invece di Trump ci fosse George Walker Bush come anni fa, andrebbe bene? Personalmente preferisco l'America e non mi darebbe fastidio Putin; noi abbiamo sempre avuto buoni rapporti sia con l'uno e l'altro. Sicuramente abbiamo bisogno di un presidente del consiglio eletto e, credo che Salvini sarebbe capace in tale ruolo.

Ritratto di combirio

combirio

Mer, 19/06/2019 - 15:03

Capisco, quasi tutti nel CDX vorremmo finirla li ed andare al voto per avere un Governo coeso e compatto ma c’è un ma, abbiamo un Presidente con un mandato settennale ( dal tempo infinito di questi tempi ) vorrà o potrà avviare il cambiamento della magistratura in mano alle sinistre? Sarà tentato in caso di caduta del Governo di essere al di sopra delle parti e non imporci un Monti2? Per quello Salvini tiene tanto alla collaborazione con Di Maio hanno finalmente una nuova possibilità di migliorare l’ Italia se solo lo vorranno tenacemente come stà dimostrando Salvini. D’altro canto un Europa che ci dimostra tutta la sua arroganza e ci dimostra un dialogo fra sordi che ricalca la stessa ricetta usata per la Grecia, renderci poveri e depredarci. Abbiamo i mezzi per opporci usiamoli!

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Mer, 19/06/2019 - 15:15

@ dlux, il tuo commento è uno spunto per una considerazione generale sul giornalismo in Italia oggi. Nei giorni scorso discutevo in diretta con Giulio Cainarca, direttore di Radio Padania , che ha difeso per settimane, il rinnovo della concesione a Radio Radicale in nome della libertà dell'informazione. Più che di libertà abbiamo a mio parere bisogno di qualità ed onestà dell'informazione. In Italia ormai il giornalismo non è neppure più di "bandiera" ma ormai talmente fazioso da raccontare delle vere e proprie falsità finendo per dare una visione distorta dei fatti e della realtà. Mi riferisco ad esempio al "Coriere di Como", una testata locale che sembra una emanazione della CEI , talmente antigovernativa, dalla prima pagina, ai commenti dei lettori, da risultare ridicola. Quel tipo di informazione ci rende più o meno liberi ? Assolutamente meno, ed è una informazione MALSANA.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 19/06/2019 - 15:22

(ei1) A Sallusti, come a tutti quelli di Forza Italia, non va proprio giù che, nel giro di un anno, la Lega sia al 37% di consenso mentre FI sia sprofondata al 6,6 superata, come dice l'ultimo sondaggio de La7, anche da FdI. Tutta Forza Italia trasuda livore, invidia. Quando si sentono in televisione gli esponenti di quel piccolo partito non si può fare a meno di rilevare il rancore che quegli omuncoli e quelle donnette hanno verso il nuovo Demiurgo d'Italia. Bisogna capirli, poverini... Forza Italia - meglio definirla 'Debolezza Italia' - rischia di ridursi a prefisso telefonico.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 19/06/2019 - 15:22

(ei2) Gli ultimi mohicani che ancora ululano o ringhiano a vuoto di astratto liberalismo in un mondo che, in maniera pragmatica, si sta spaccando in Nuovi Comunisti e Nuovi Fascisti. Come a dire che il moderatume è proprio morto. Spassionatamente si suggerisce a questi libertari in declino un necessario processo di 'mitridatizzazione' per essere in grado di reggere le potenti, micidiali tossine del Nuovo Comunismo e del Nuovo Fascismo. Entrambi in attesa di concretizzarsi nelle forme che tutti dovrebbero già conoscere.

epc

Mer, 19/06/2019 - 19:15

Suvvia, Sallusti, non faccia finta di non sapere che in Italia il potere esecutivo è gestito paritariamente da tutti i ministri. Conte NON è un Primo Ministro (o "premier", come scritto da lei....), ma è solo il Presidente del Consiglio, un primus inter pares. Salvini ha tutto il diritto di andare a parlare con chicchesia, a nome del Governo, senza che Conte ne sia minimamente umiliato. Inoltre Salvini è un ministro e vicepresidente del Consiglio, NON un viceministro.... Ma voglio credere che questo sia solo un refuso, e non un meschino errore voluto.....

Ritratto di P4

P4

Gio, 20/06/2019 - 07:47

Illustre Direttore, di intellettuali e professori ne abbiamo abbastanza. Invece serve guida politica che indirizzi le scelte tecniche. I cosiddetti dotti "basta caricarli e ti danno l'ora con un ticchettio discreto" (Also Sprach Zarathustra).

Xplr

Gio, 20/06/2019 - 09:20

L'anomalia adesso è Salvini e la Lega. Cosa fanno li con i 5s? Il CDX finalmente oltre ad essere maggioranza politica già dalle ultime politiche 2018, avrebbe adesso i numeri per governare. E' inutile girarci intorno, il paese si è espresso in maniera chiara e incontrovertibile per un governo di CDX, se Salvini ha a cuore la democrazia deve staccare la spina, e non per un fatto di convenienza politica, ma per un fatto di DEMOCRAZIA! Faccia lui il premier, ma ritorni al patto fatto con gli elettori in campagna elettorale, quello è il vero contratto, rispetti il programma elettorale votato alle politiche con i suoi alleati, non quella follia del contratto con i 5s!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 20/06/2019 - 09:55

"Si candidi premier"! Classico titolo da ignoranti per persone ignoranti, che finiscono poi per prendere alla lettera gli slogan pubblicati su questo giornale. In Italia non ci si "candida" a ricoprire la carica di Presidente del Consiglio! Speriamo davvero che la materia di Educazione Civica venga reintrodotta nelle scuole.

ex d.c.

Dom, 07/07/2019 - 10:12

Co è possiamo confrontare Trump con Salvini. Il primo sta riportando l'America sui giusti binari il secondo ha spaccato il CD ed ora è in alti mare insieme ai veri comunisti