Le tre grandi bugie sulla tragedia Le responsabilità? A Washington

Per gli errori di Obama il Paese rischiava di finire all'Isis

Chi oggi a Washington, Londra, Parigi e anche qui da noi piange lacrime da coccodrillo per la sorte dei quartieri orientali di Aleppo strappati ai ribelli jihadisti e qaidisti farebbe meglio a recitare un doveroso «mea culpa». La tragedia di Aleppo e della Siria, non è figlia del cattivo Vladimir Putin, ma del mal orchestrato piano messo in piedi cinque anni fa dall'amministrazione Obama con la complicità di Inghilterra e Francia in Europa e di Turchia, Arabia Saudita e Qatar in Medio Oriente. Un piano che, al pari di quanto successo in Libia, rischiava di consegnare la Siria al caos e all'orrore jihadista. Un piano che da una parte ha generato l'Isis e dall'altra quei ribelli «moderati» che ad Aleppo si sono macchiati delle stesse atrocità di Jabat Al Nusra, la costola siriana di Al Qaida. Per capire veramente cosa succede in queste ore è necessario far piazza pulita di almeno tre grandi menzogne.

ALEPPO, UN ASSEDIO INIZIATO DAI RIBELLI

Da quando in Siria è scesa in campo la Russia di Putin la battaglia di Aleppo è diventata, per definizione, un assedio condotto dalle forze governative colpevoli di bombardare i ribelli e i civili arroccati nei quartieri orientali. La realtà è esattamente opposta. A iniziare e condurre l'assedio sono stati i ribelli scesi dal confine turco nell'estate del 2012. Da allora Aleppo non ha conosciuto pace. Per tre anni, fino all'intervento russo del settembre 2015, la maggioranza della popolazione fedele ad Assad - tra cui gli abitanti dei quartieri cristiani - sono sopravvissuti senza acqua ed elettricità subendo gli assalti e i bombardamenti, praticamente quotidiani, delle forze ribelli decise a trasformare la città nella capitale dei cosiddetti «territori liberati».

LE ATROCITÀ DEI «MODERATI»

In queste ore le milizie governative sono accusate di aver eliminato un'ottantina di militanti jihadisti catturati dopo la resa. Nelle zone di Aleppo controllate dai ribelli atrocità ed esecuzioni sommarie erano all'ordine del giorno da quattro lunghi anni, ma nessuno s'è mai indignato troppo. A dar retta al rapporto di «Amnesty International» «Torture was my punishment» («La tortura è stata la mia punizione») dello scorso giugno torture, esecuzioni sommarie, rapimenti e violazioni dei diritti umani erano la regola sia nelle zone di Aleppo, sia in quelle della provincia di Idlib, controllate dai ribelli. E tra i crimini più odiosi venivano segnalate le uccisioni di decine di sventurati accusati di apostasia o di omosessualità. Crimini giustificati con l'osservanza della legge coranica e perpetrati non solo dai gruppi di matrice terroristica come Jabhat Al Nusra, ma anche formazioni come il Fronte del Levante, la Divisione 16 o il movimento Nouradin Al Zenki, inserite dalla Cia negli elenchi dei gruppi autorizzati a ricevere armi e appoggi dall'amministrazione Obama.

CIVILI USATI COME SCUDI UMANI DAI RIBELLI

Mosca e Damasco vengono accusati di bloccare l'evacuazione dei civili intrappolati nei quartieri orientali. Secondo un comunicato della commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite di Ginevra datato 14 dicembre 2016 (cioè ieri) i primi a bloccare la fuga della popolazione sono i gruppi ribelli che da mesi utilizzano i civili come scudi umani. «La commissione continua a ricevere segnalazioni secondo cui alcuni gruppi dell'opposizione, tra cui il gruppo terroristico di Jabhat Fatah al-Sham (ex Jabhat al Nusra) e Ahrar al-Sham impediscono ai civili di fuggire mentre i combattenti dell'opposizione si mescolano alla popolazione aumentando il rischio che dei civili vengano feriti o uccisi». Un comunicato estremamente chiaro, ma stranamente tenuto nascosto all'opinione pubblica internazionale.

Commenti

linoalo1

Gio, 15/12/2016 - 09:20

E,poichè Trump,non sembrerebbe un Guerrafondaio,contrariamente ad Obama ed alla Clinton,capite,adesso,il perché delle Campagne contro di lui???Può anche essere che,più avanti,Trump si dimostri peggiore della suddetta Coppia Infernale!!Intanto,aspettiamo e,solo poi,giudichiamo!!!!

Angelo664

Gio, 15/12/2016 - 09:51

Obama e la Clinton non hanno capito un ca... del medio oriente. Putin invece sa come trattare gli islamici, eliminandoli tutti si elimina il problema. Vedi Cecenia, rasa al suolo. Di questi pazzi non ne deve rimanere nemmeno uno. La storia la scrivono i vincitori, da sempre. Assad è ancora li e visto il fallimento delle primavere arabe che non appena hanno potuto votare hanno votato gli islamici, allora è meglio che rimanga un Assad e che li governi con il pugno di ferro. Queste masse di ignoranti non meritano molto di più. I ribelli fomentati dal presidente caffelatte USA sono degli assassini come tutti i pazzi terroristi che hanno fatto attentati in Europa. Spero che l'evaquazione dei civili non si concluda con l'evacuazione dei terroristi. Anzi .. spero che dopo che i civili hanno lasciato il quartiere le truppe governative entrino per finire tutti i barbuti rimasi.

paolonardi

Gio, 15/12/2016 - 09:51

L'ONU ha avuto un momento di lucidita' e si e' resa conto che i terroristi non sono combattenti per le liberta' democratiche come hanno creduto i beoti governanti americani.

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 15/12/2016 - 10:03

Non penso che nella seconda grande guerra, gli antenati dei buonisti di oggi, ABBIANO AVUTO PIETÀ DELLA POPOLAZIONE TEDESCA E DEI BOMBARDAMENTI A TAPPETO CHE HANNO PORTATO LA DISTRUZIONE DI INTERE CITTA E NEPPURE DELLE ATROCITÀ DEI TEDESCHI CHE HANNO USATO PER LO STERMINIO DEGLI EBREI!!! Sono questi falsi buonisti la causa di tutte le atrocità dovute dalle guerre,"""PERCHÈ SONO LORO CHE VENDONO ARMAMENTI E POI PIANGONO SULLE VITTIME"""!!! I MALEDETTI.

Ritratto di walcap

walcap

Gio, 15/12/2016 - 10:14

Vivo per lavoro in Tunisia, ho 2 dipendenti siriani di cui uno proprio di Aleppo. Questo uomo rientrato in Tunisia nel 2012 ed avendo la famiglia in Siria, riferisce, insieme all'altro suo concittadino (che è di Damasco) una realtà diametralmente opposta a quanto si legge o si ascolta dai media: 1- il 90% della popolazione è a favore del presidente, la rivoluzione non è partita dal popolo siriano, ma da ribelli provenienti da altri paesi e ben armati con armi occidentali! 2- la rivolta é stata appoggiata da paesi occidentali e arabi sunniti, e quindi non c'entra nulla la democrazia e balle simili, in quanto lo stesso popolo non la vuole. 3- la Turchia sta machiavellicamente operando con una parziale invasione per schiacciare i curdi e appropriarsi di una parte del territorio a nord della Siria ricco di giacimenti.

rocky999

Gio, 15/12/2016 - 10:14

Questi ribelli sono da considerare alla stregua di un gruppo terroristico islamico, se avessero vinto la Siria sarebbe passata da un governo laico a un governo a guida musulmana con conseguenti problemi di ulteriore destabilizzazione di quelle zone. Tutti i morti di questa guerra sono da imputare a quei grandi statisti che rispondo ai nomi di Hillary Clinton e Barack Hussein Obama, tanto per citarne due. La disinformazione, poi, che fanno i giornali riguardo questo tema è vergognoso, grazie a il giornale per avere il coraggio di dire la verità.

DuralexItalia

Gio, 15/12/2016 - 10:31

I grandi artefici del disastro delle primavere arabe sono stati tutti rottamati dal voto e dalla storia: Hollande e Sarkozy in Francia, Cameron in GB, Obama e la clinton in USA.. ed è solo l'inizio del crollo mondiale di chi stava disegnando un mondo ad immagine e somiglianza degli architetti della globalizzazione. Il loro mondo ed i loro esecutori sta crollando e loro si agitano spandendo letame contro tutti coloro che hanno avuto il "torto" di combatterli. E' la loro fine ma è solo all'inizio. Ancora qualche colpo e forse nel mondo tornerà il buon senso. Quello che serve contro chi voleva esportare democrazia e diritti con missili e bombardieri. Pazzi che dovranno render conto alla Storia ed alla Umanità.

buri

Gio, 15/12/2016 - 10:32

Finalmente qualcuno ha il coraggio di dire la verità, ad ogni modo si deve ringraziare Obama e il suo segretario di stato la signora Clinton per quello che è successo prima in Libia ed ora in Siria, con la complicità di Gran Bretagna, Francia ed in genere tutto l'occidente oltre ad alcuni paesi arabi, per i siriani è stato una fortuna che non sia stata eletta la Clinton che sicuramente avrebbe accentuato l'intervento militare, ora c'è Trump è difficile prevedere cosa farà ma non mi sembra il guerrafondaio temuto

DuralexItalia

Gio, 15/12/2016 - 10:35

Mi chiedo solo una cosa: che ruolo hanno le ONG in queste notizie "urlate sui media" di massacri unilaterali ovvero di Assad ed alleati? Perché si legge solo di Aleppo est e non già di altre parti della città? Qual'è il vero ruolo di queste o di alcune di queste, organizzazioni? Chi le finanzia e chi le dirige? A leggere sulla rete c'è da preoccuparsi e non poco...sempre che sia tutto vero, ovvio...

MARIOMEN59

Gio, 15/12/2016 - 10:35

AZO : E DEI BOMBARDAMENTI A TAPPETO TEDESCHI CHE HANNO DEVASTATO L'INTERA EUROPA CHE MI DICI ???

Tobi

Gio, 15/12/2016 - 10:41

un grande grazie a Gian Micalessin. E anche grazie (anzi soprattutto) alla corretta informazione si possono far terminare le guerre. La gente, soprattutto nei paesi responsabili di queste guerre (anche e soprattutto in occidente), deve essere messa al corrente dei crimini perpetrati dai loro governi ed esercitare quindi pressioni per far cessare le loro guerre cammuffate da esportazione di democrazia e libertà. I governi occidentali in combutta con Arabia Saudita, Qatar, Israele, Turchia hanno creato il terrorismo apposta e la lotta al terrorismo è solo il pretesto per continuare con queste guerre di predominio sul medioriente e sul suo petrolio e gas.

honhil

Gio, 15/12/2016 - 11:05

Ad Obama manca la coda biforcuta, ma per il resto si è comportato come un ambasciatore degli inferi.

giovanni PERINCIOLO

Gio, 15/12/2016 - 11:35

Non dimentichiamo anche le colpe dell'Onu, quella stessa onu che ha avuto il coraggio di nominare l'Arabia Saudita a capo del Consiglio O.N.U. per i Diritti Umani! Quell'Onu che considera Assad un criminale e si allea con erdogan e sauditi e qatarioti. Quell'onu che condanna la Russia per il suo intervento in Siria m

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 15/12/2016 - 11:36

Scusate, mahhhh i morti in Iraq e Yemen, visto che è colpa degli yankees e compari, sono solo piccoli danni collaterali??

giancristi

Gio, 15/12/2016 - 11:39

Obama è considerato un grande oratore. Giusto! A fare chiacchiere è bravo. Ma di politica estera non ha mai capito niente. Il segretario di stato Hillary Clinton è sta addirittura peggiore. La complicità con Arabia Saudita, Qatar, Turchia ha portato al caos siriano e all'esodo di milioni di profughi dalla Siria. Speriamo che di presidenti "abbronzati" non ce ne siano più per molti anni. La Clinton è stata clamorosamente bocciata alle elezioni. Meglio Trump!

giovanni PERINCIOLO

Gio, 15/12/2016 - 11:40

Non dimentichiamo anche le colpe dell'Onu, quella stessa onu che ha avuto il coraggio di nominare l'Arabia Saudita a capo del Consiglio O.N.U. per i Diritti Umani! Quell'Onu che considera Assad un criminale e si allea con erdogan e sauditi e qatarioti. Quell'onu che condanna la Russia per il suo intervento in Siria ma nulla dice di quanto viene fatto in Yemen dai sauditi e loro alleati. Quell'Onu che, tramite l'immarcescibile staffan de misura denuncia Putin di combattere di più i terroristi "buoni" finanziati dall'abbronzato di Washington che non l'isis (il che non é affatto vero) ma nello stesso tempo non ha nulla da dire contro erdogan che, senza possibilità di smentita, sta utilizzando il conflitto sopratutto per risolvere il "problema" curdo come un suo predecessore regolo' quello armeno....

Tuthankamon

Gio, 15/12/2016 - 12:00

I doppi/tripli(/forse anche quadrupli) giochi conseguenti l'operato dell'amministrazione Obama e di quelli che lo appoggiano nell'ombra, ha fatto danni irreparabili in quasi tutti i Paesi musulmani. I posteri decideranno sul quanto le conseguenze in atto fossero volute. Certo che la testardaggine di Obama e di Kerry sul "destino di Assad" è talmente sconsiderata che ci vuole un bel coraggio da parte di molti media a far finta di niente sul come si è arrivati ad un simile disastro!

Dordolio

Gio, 15/12/2016 - 12:25

Preciso che quanto scrive Walcap lo si può trovare anche in molti siti documentatissimi ma alternativi. E in quanto tali non vengono ripresi da nessuno dell'informazione mainstream. Viviamo in un epoca folle, assolutamente surreale dove in via teorica si può attingere a qualsiasi notizia, e scoprire la verità. Ma i meccanismi sono tali che la società orwelliana di "1984" è pienamente operativa e la gente finisce per non sapere in realtà nulla. Perchè alla fin fine..."Tutto quello che sai.... è falso"...

tzilighelta

Gio, 15/12/2016 - 12:27

Perché scrivere un articolo per difendere Putin? La Russia sta bombardando Aleppo e le vittime sono in grandissima parte civili, Putin è schierato con Assad, contro gli USA, voi con chi state!

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Gio, 15/12/2016 - 13:02

Osservate bene la foto. Questo è il tipico scenario da paese islamico. Continuiamo a importare feccia islamica ed è così che diventeranno le nostre città.

Mechwarrior

Gio, 15/12/2016 - 13:19

Gli Usa è da quando sono nati che sovvenzionano gruppi di ribelli per insediare governi a loro compiacenti (facendo piu' disastri che altro), non è cosa nuova. d'altronde cos aspettarsi da una nazione che nasce dallo sterminio di massa dei popoli indigeni? (p.s. a me il popolo americano non sta antipatico)

Angelo664

Gio, 15/12/2016 - 13:50

Leggiamo quel che scrive walcap ! Conosciamo direttamente qualche Siriano ??? Oppure abbiamo sempre e solo letto balle spaziali dai nostri giornali e/o politici occidentali ? Ci sono altri che conoscono Siriani ? Qualche commento da loro vorrei sentire. Da quel che riporta walcap questi ribelli erano stranieri. Quindi possibile che fossero quelli pagati dagli USA e dal presidente caffelatte. Magari non avevano ben chiaro in mente che il popolo siriano era dalla parte di Assad. La democrazia forse non la volevano per niente ! DI sicuro stavano meglio con lui che come sono adesso. Mah .

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 15/12/2016 - 13:51

Dobbiamo ringraziare l'abbronzatissimo, con la complicità dei parrucconi incapaci dell'UE.

ANGE962

Gio, 15/12/2016 - 14:03

Caro Micalessin, siete gli unici a raccontare e testimoniare quanto stà veramente accadendo ad Aleppo ed in Siria. Le vergognose menzogne che vengono quotidianamente profuse dalla stampa italiana, europea e mondiale asservita agli USA sono un insulto all'intelligenza dei lettori. E per fortuna che vi sono siti internazionali che, come Voi, testimoniano la verità. Grazie per quanto state facendo.

venco

Gio, 15/12/2016 - 14:16

Ricordiamoci che le nostre stragi di Stato dal 68 in poi erano state finanziate e volute dai governi americani di allora.

Angelo664

Gio, 15/12/2016 - 14:25

È chiaro che i Siriani stavano bene con Assad! Soros, la Clinton e l’abbronzato, finanziando i ribelli hanno fatto più danni della peste!

Angelo664

Gio, 15/12/2016 - 14:28

Giuste domande DuralexItalia ! Nessuno riporta altro che di Aleppo est ! Come dire ... Quartoggiaro a Milano ...

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Gio, 15/12/2016 - 14:45

Si sa che la stampa internazionale è guidata (e sul libro paga) dal criminale Governo Ombra Mondiale e di fatto dall'Anticristo in persona. Cosa incredibile: sono proprio "IL GIORNALE" e Putin, che sembrano uscire (e non obbedire) alle direttive di questi schifosi criminali dell'elite internazionale che di buono non ha propria un bel niente ma di satanico tanto: e quest'elite è appunto quell'insieme delle 300 famiglie più ricche e influenti della Terra che obbediscono personalmente all'Anticristo e che hanno una struttura malefica neanche tanto segreta chiamata appunto Governo Ombra Mondiale: la fine di questi rappresentanti del male, dell'odio, della cattiveria, della menzogna e della falsità è quasi giunto al termine!

Tuthankamon

Gio, 15/12/2016 - 15:39

walcap Gio, 15/12/2016 - 10:14 ... Per quanto so direttamente, confermo tutto. Talvolta la verità è semplice, come in questo caso. La Siria, come popolo e Paese, è stata violentata, gettata in pasto a dei delinquenti sanguinari. Che non sembrano aver alcuna intenzione di mollare.

roberto zanella

Gio, 15/12/2016 - 15:57

Le balle che ci stanno raccontando le TV italiane comprese quelle di Mediaset è di un vergognoso che più non si può . Non la faccio lunga , andate a sentire la giornalista canadese Eva Bartlett o su Russia Today America perchè è sottotitolata o su YouTube ma non è sottolineata per cui bisogna conoscere bene l'inglese per caspire cosa succede in Siria e le balle da malaffare degli USA per ostacolare i Russi e i Siriani , grazie ai servi americani come l'ONU e le varie onlus fake . Gli ame ricani hanno toccato il fondo , una informazione di parte direi Sovietica , è incredibile ma la più chiara è proprio quella russa su Sputnik e su Russia Today America .

Mizar00

Gio, 15/12/2016 - 16:06

Un plauso al Giornale che mi sembra l'unica fonte che cerca di dare una visione completa. Ieri mi è capitato di guardare un servizio del tg1 e stavo veramente inorridendo, anche perchè la gente continua a morire per la FALSA propaganda di questi cialtroni.