Tria presto in Cina per cercare investitori sul debito italiano

Tria cercherà di trovare nelle autorità cinesi nuovi investitori sul debito italiano. In cambio Pechino chiede "una mano" per la Nuova via della seta

Per il suo primo viaggio all'estero, il ministro dell'Economia giallo-verde Giovanni Tria volerà a Pechino. La visita, che ancora non è ufficialmente in programma, avrà luogo durante l'ultima settimana di agosto.

Si tratta di un vera e propria rottura con la tradizione. Di solito, infatti, le prime visite dei ministri dell'Economia italiana sono piuttosto scontati: Parigi, Bonn, Berlino. O ancora: Londra, New York e Washington. Ma allora qual è il piano di Tria? Considerando che in programma ci sono incontri con autorità delle Banca del popolo della Cina, si può presumere che il ministro voglia cercare di trovare nuovi investitori sul debito pubblico italiano.

Anche Pechino, dal canto suo, avrebbe dei benifici con la collaborazione con Roma. Secondo quanto riportato dal Corriere, infatti, il governo cinese punterebbe a coinvolgere il Belpaese nella "Belt and Road Initiative", detta anche Nuova via della seta.

In generale, comunque, alla base della scelta del ministro c'è anche il fatto che nel 2019 la Bce entrerà in una fase di ritirata. Ovvero potrà acquistare debito pubblico solo per rinnovare titoli in scadenza che già deteneva. Il vero obiettivo è quindi quello di riuscire a vendere sul mercato 257 miliardi in nuovi titoli a medio e lungo termine per assicurare il giusto funzionamento dello Stato.

Commenti

Happy1937

Mar, 14/08/2018 - 18:08

Non credo proprio che, con le idee bislacche che girano per la testa ai suoi colleghi di governo , Tria possa trovare qualche stolto che si mette sulle spalle 275 miliardi di Bond italiani.

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Mar, 14/08/2018 - 18:37

E ci vai in Cina per trovare investitori? Esistono degli investitori cinesi nel nostro paese che sono una magnificenza. Solo che a quelli il capo dei capi gli fa un baffo a tortiglione. Egregio ministro, ma davvero pensi che in Cina trovi investitori con l'anello al naso? Se l'Italia era appetibile, ma sai che fila di investitori fuori la porta? ma siccome che fessi non sono, contrariamente a certi seguaci del duo settebellezze, se ne stanno alla larga in attesa del botto per poi comprare a prezzo di fallimento. Chi sta affogato fino al collo, ho si trova uno strozzino o non gli rimane che portare i registri in tribunale...

Marguerite

Mar, 14/08/2018 - 23:53

Se capisco bene, Tria vuol vendere l’Italia ai Cinesi? Quando le imprese saranno in mano ai cinesi..la legge Fornero vi sembrerà il,paradiso... i. I sei faranno ballare gli Italiani a modo loro con la bacchetta e con dei stipendi miserabili...

Duka

Mer, 15/08/2018 - 08:13

Il viaggio di FERRAGOSTO prima di lasciare ?

FlorianGayer

Mar, 28/08/2018 - 15:07

In nome della sovranità fuggiamo dall'Europa, ove contiamo qualcosa, e ci gettiamo nelle mani dei cinesi. I governanti cinesi rispondono ad un popolo di oltre 1.000.000.000 abitanti (provate a contare altrettante pecorelle), secondo cui Venezia è a due passi da Napoli, e se non è vero non glie ne frega nulla. Molto astuto