Tria: "Il taglio dell'Irpef? Si farà, ma in maniera graduale"

Il ministro Tria apre a taglio dell'Irpef, flat tax e pace fiscale: "Sono molto favorevole, ma bisogna valutare la compatibilità col vincolo di bilancio". Le coperture? Dalle agevolazioni

Anche Giovanni Tria promette una manovra economica che possa abbassare le tasse con una riduzione delle aliquote che portino gradualmente alla flat tax e alla pace fiscale.

Lo ha spiegato lo stesso ministro dell'Economia che alla "Summer School" di Confartigianato si è detto "molto favorevole" a un riforma del Fisco come da contratto di governo: "Bisogna trovare spazi per partire gradualmente con un accorpamento e una riduzione delle aliquote dei redditi familiari", ha assicurato. Poi però ha parlato di una modifica "graduale" e della necessità di capire "se si può fare compatibilmente con i vincoli di bilancio". Ci sarà anche la pace fiscale, assicura poi il ministo: "Sarà tanto più motivata quanto più cambierà il sistema fiscale".

Anche il reddito di cittadinanza si può fare ma "il problema è come lo si disegna": "Il problema di fondo deve essere affrontato", ha detto, "Ci sono molte questioni, importante è declinarle in modo coerente. Bisogna valutare qual è il costo addizionale, bisogna vedere quanto serve in più. Serviranno un pò di fondi, il problema è il disegno di questo reddito di cittadinanza. Si tratta di disegnarlo in modo che abbia effetti positivi perché il reddito di cittadinanza aiuta la crescita se è disegnato bene. Bisogna strutturarlo in modo da non creare disincentivi, aiuta la crescita perché consente di spostare risorse, ridistribuisce il reddito più che la domanda".

Per quanto riguarda le coperture, Tria ha sottolineato come la flat tax possa essere finanziata "con le tax expenditures", cioè con le agevolazioni: "È un problema complesso che richiede tempo", ha aggiunto il ministro, "C'è una massa di tax expenditures che non sempre rende chiaro l'esatto ammontare che viene versato al fisco".

Il titolare del Mef ha parlato anche della Cassa depositi e prestiti: "Non so se deve diventare una nuova Iri ma non deve essere una nuova Gepi con un intervento in imprese più o meno decotte", ha sottolineato, "È un soggetto partecipato, controllato dal Mef, ma è un soggetto privato e ogni azione deve essere correlata al calcolo economico. Se viene registrato nel settore pubblico, ci sarebbe un salto del rapporto debito/Pil a cui non voglio neanche pensare. Bisogna stare attenti a come si usa questo strumento in un certo senso è il nostro fondo sovrano ma staccato dalla pubblica amministrazione e come ogni fondo sovrano si muove secondo il calcolo economico".

Tria ha poi aperto alle Grandi opere e in particolare a Tav e Tap: "Personalmente spero che si facciano e che il problema si sblocchi", ha detto, "Spero che ci sarà una soluzione anche perché si tratta di grandi collegamenti internazionali".

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 11/09/2018 - 13:52

Taglio dell'Irpef? Bellissimo programma, ma intriso di chiacchiere da decifrare, almeno da parte mia, dato che già non riesco a capire come faranno a finanziare il "filosofico" Reddito di Cittadinanza. Dico "filosofico" in quanto totalmente lontano dalla realtà italiana e da una concreta "fattibilità", nonché campato in aria e futuro produttore di lavoro nero da parte di coloro che ne potranno godere. Questo governo vuole governare per 5 anni? Penso che sarebbe meglio cominciare a pensare ad una nuova legge elettorale a doppio turno, che faccia decidere chi debba governare non più agli accordi sottobanco tra una marea di partiti approdati in Parlamento, bensì finalmente al Popolo intero.

schiacciarayban

Mar, 11/09/2018 - 13:56

L'unico con la testa in questo governo è Tria, speriamo che non scappi!

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mar, 11/09/2018 - 14:27

Le finanze governative permettono un reddito di cittadinanza pari a 30€ mensili. Inoltre permettono una riduzione del carico fiscale totale pari al 0,001%. Sono queste le possibilità di uno stato in condizioni miserabili. Ma c'è un avanzo commerciale importante, dirà qualcuno. Vero, altri non ce l'hanno. Ma occorre considerare che questo avanzo deriva dal commercio delle aziende italiane col mondo , quelle stesse aziende che sono vessate all'inverosimile dal più grande distruttore di benessere che esista, lo stato. Lo stato impone debiti e tasse al settore privato. Il settore privato lavora , crea ricchezza e avanzo commerciale, e subisce tasse da esproprio rateale. I politici sono le zecche , i parassiti che infestano lo stato. Poi, che parlino pure di tav, tap, cip, ciop, bem, baf, reddito di fannullaggine, e fisco. Parlino. L'importante è autodifendersi, non fidarsi e non votare.

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Mar, 11/09/2018 - 14:28

Purtroppo Tria non è che una figurina ora nel mazzetto della lega e ora nel mazzetto dei grullati.... Parlo di figurine in quanto questi sono solo ragazzini allo sbaraglio che stanno giocando a battimuro con le figurine dei politici (non dei calciatori). Ora si da il caso che gente come Tria siano dei veri professionisti nel loro settore e la cosa mal si concilia con la volatilità delle idee (sparate) a cadenza più che quotidiana dal trio sette bellezze. Ci metto pure Conte che non conta ma che in compensa canta. Il qual, come tria si trova in mezzo, ma non ha certo gli addributi di un presidente del consiglio. (Apposta è li...).

schiacciarayban

Mar, 11/09/2018 - 15:03

Vedo che la bufala del reddito di cittadinanza sta sparendo dai radar. Per fortuna! Secondo voi cosa potrebbe pensare un muratore di Bergamo che si spacca la schiena alzandosi tutte le mattine alle 6 per 1000 euro al mese, di un compaesano di Giggino che prende lo stesso importo guardando la tele senza fare una cippa? Oltre ad essere assolutamente infattibile, questa sì che sarebbe una vera bomba sociale. Sarebbe il paradiso del lavoro nero, ma a queste cose i 5S ci pensano?

schiacciarayban

Mar, 11/09/2018 - 15:46

Attenzione, prima di fare qualsiasi cosa bisogna chiedere al guitto del Guatemala!!! Leggerà i fondi di caffé e ci dirà cosa ci riserva il futuro!!

peter46

Mar, 11/09/2018 - 16:28

Contenextus...e Ron,ti sei scordato l'invocazione' nel tuo solito finale o sei arrivato alla conclusione che è meglio trombare Paul e rivolgersi a Bannon?Chi lascia la strada vecchia x la nuova sa............NB:Quelle aziende se ne f di quanto pagano in tasse e quell'avanzo,oltre che dalle loro tasse,deriva ANCHE dalle aziende STATALI che vendono al mondo oltre che la LORO esperienza anche beni,offensivi e non,che ci rendono 5° nel mondo,dopo che il passaggio di cdx e csx nei loro 20 anni,ci ha 'degradato' dal 3° posto precedente.Purtroppo quell'avanzo,"PURTROPPO" ripetiamolo, serve solo a pagare la parte maggiore(meno male) degl'interessi sul DP...ottime le 'due parole' finali,comunque.NB:Come se ne potrebbe uscire?:"I conti non tornano,ci rimettiamo 12 miliardi" art.di A. Signorini,su questo giornale,del 25/08/18 ore 8:29 e miei commenti...(18:12) soprattutto.

ilbelga

Mar, 11/09/2018 - 17:18

02 12 1940: concordo pienamente, tutti si lamentano perché non c'è mai una maggioranza ben definita ma nessuno vuole il doppio turno. Perché? un'idea ce l'avrei...

schiacciarayban

Mar, 11/09/2018 - 17:25

peter 46 - Hai fumato qualcosa o semplicemente non sai scrivere?

Nick2

Mar, 11/09/2018 - 18:26

La flat tax è una follia. I redditi al disotto dei 25 mila euro sarebbero danneggiati, mentre chi guadagna 200 mila euro lorde prenderebbe oltre 4 mila euro netti in più al mese. Sapete cosa sono le tax expenditures, che dovrebbero servire a finanziare la flat tax? Sono le famose detrazioni delle spese mediche, scolastiche che mettiamo sul 730 e che, con lo stipendio di luglio, ci danno un po' di ossigeno, oppure le detrazioni per lavoro dipendente, per moglie o figli a carico. Bene, verranno decurtate per dare la possibilità a chi già ha uno stipendio netto di 12 mila euro al mese di arrotondarlo fino a 16 mila. Al contrario, il reddito di cittadinanza, inteso come reddito di inserimento (o reinserimento) al lavoro è da anni una realtà negli stati del nord Europa. Ma in questa sede si guarda alla Russia, non ai paesi più evoluti...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 11/09/2018 - 23:42

In maniera graduale? Pochissimo per volta, finisce il governo prima che si parta. Il solito ballanelmanico?

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 12/09/2018 - 00:25

Sulla tav non mi pronuncio, perché non sono un tecnico e devo ammettere di non conoscere a fondo il problema. Sulla TAP invece sono per il sì incondizionato per un solo motivo: quel trombone del governatore comunista della puglia (un popolo che elegge uno così non merita la maiuscola) non la vuole. Quindi, in aperto, totale, profondo e assoluto contrasto con lui, dico PER ME E' SI'.

leopino

Mer, 12/09/2018 - 02:47

Io, quando Tria parla, non lo capisco. Dalla A alla Z. Qualcuno mi decifra cosa dice e cosa vuol fare? Spero non il tutto ed il contrario di tutto!