La Regione Veneto nega il patrocinio al gay pride di Padova

La Regione guidata da Luca Zaia non ha concesso soldi al Padova Pride. L’Assessore alle pari opportunità Elena Donazzan a Il Giornale ha ribadito: "Dovrebbero essere proprio gli omosessuali a scatenarsi contro questa carnevalata".

La Regione Veneto, guidata dal leghista Luca Zaia, non ha concesso il patrocinio al gay pride di Padova che, dopo un mese di vari eventi culturali, avrà il suo giorno principale il prossimo 30 giugno, quando arriveranno nella città di Sant’Antonio circa 5 mila gay, lesbiche, bisessuali, trans e intersessuali provenienti, prevalentemente, dal Veneto, dal Friuli Venezia Giulia e dal Trentino, supportati da 9 carri allegorici. La Giunta veneta ha ritenuto opportuno non utilizzare i soldi dei veneti per finanziare l’iniziativa e, naturalmente, sono emerse sia critiche forti contro la scelta che espressioni di solidarietà per la decisione della giunta Zaia.

Dura la presa di posizione di Piero Ruzzante, il capogruppo di Liberi e Uguali presso il Consiglio Regionale. "Perché si concede il patrocinio alle feste degli indipendentisti e lo nega al Padova Pride? Vorrei capire con quale criterio è stato deciso di discriminare una manifestazione pacifica e inclusiva, alla quale parteciperanno migliaia di persone da tutto il Veneto e non solo", ha dichiarato Ruzzante che, addirittura, ha presentato un’interrogazione a risposta immediata presso la sede del Consiglio Regionale.

"La Giunta Zaia negando il patrocinio compie una discriminazione insensata, contraria allo Statuto del Veneto e dimostra di non governare nell’interesse di tutti i veneti ma solo di una parte, tra l’altro minoritaria: sono certo che la maggior parte dei veneti condivide i valori di lotta all’omofobia e dei diritti per tutti", ha concluso il capogruppo di Liberi e Uguali definendo la Giunta Zaia "chiusa e intollerante che sembra rimasta al medioevo".

Mattia Galdiolo, portavoce del Comitato Padova Pride 2018, ha detto che la giunta "rappresenta tutti i cittadini, non solo chi li ha votati". Di segno opposto le riflessioni del Circolo padovano del Popolo della Famiglia. Maria Verita Boddi, attraverso un comunicato stampa, ha scritto: "queste ostentazioni folcloristiche non ci piacciono, e non crediamo facciano il bene della comunità omosessuale e tanto meno di una città, al punto da ricevere patrocinio e/o contributi economici. Dubitiamo che queste carnevalate con esibizioni di nudità e volgarità di linguaggio possano contribuire a superare i ‘presunti’ pregiudizi verso gli omosessuali. Invitiamo tutti i padovani ad una bella gita fuori porta il 30 giugno prossimo, al mare o sui nostri bei colli".

Secondo la Boddi, il gay pride è "una iniziativa privata, che vuole propagandare uno stile di vita che non è condivisa dalla maggior parte dei cittadini padovani". Mirko De Carli, coordinatore nazionale del Nord Italia per conto dello stesso movimento ha espresso la contrarietà di tanti cattolici padovani "al matrimonio egualitario e all’adozione per le coppie dello stesso sesso. Non siamo contro gli omosessuali, ogni persona può legittimamente aver diritto ad una sessualità libera. Ma a leggere le dichiarazioni dei rappresentanti delle associazioni LGBTIQXYZ*, e di qualche assessore Padovano si sottintende che solo loro sono i portatori di verità e libertà mentre chi la pensa diversamente in tema di famiglia e sessualità è retrogrado, incivile, liberticida ed omofobo".

Intanto Diego Bianchi, conduttore delle trasmissione di LA7 ‘Propaganda Live’, conosciuto televisivamente con il nome d’arte di ‘Zoro’ è stato premiato il 28 giugno, presso il Padova Pride Village come ‘Persona Lgbt del 2018’ (nella prima edizione il premio 2017 era stato assegnato a Franco Grillini).

Il deputato Alessandro Zan, eletto alla Camera per il collegio di Padova come capolista del Partito Democratico, che è uno degli ideatori e dei fondatori del Padova Pride Village, ha spiegato che "Diego Bianchi, grazie ai suoi programmi tv ha saputo incidere notevolmente sull’opinione pubblica e sensibilizzare così il dibattito sulle tematiche dei diritti civili dimostrando un impegno costante contro ogni discriminazione da orientamento sessuale e identità di genere".

Sentita nella tarda serata del 28 giugno da Il Giornale, l’Assessore all'istruzione, alla formazione, al lavoro e pari opportunità della Regione Veneto Elena Donazzan ha ribadito che "è giusto che la Regione neghi il patrocinio. Patrocinare significa condividere, dare la propri adesione morale e quindi politica in senso istituzionale e la nostra è una Regione governata coerentemente da una compagine che su questi temi ha posizioni chiare e coerenti con il mandato elettorale popolare. Dire no al Gay Pride è un atto di rispetto nei confronti del mandato popolare che ha dato la maggioranza dei veneti a noi che governiamo la Regione del Veneto. Peraltro oramai si tratta di uno spettacolo indecoroso e irrispettoso del decoro delle nostre città e non ha nulla a che vedere con il tema della omosessualità. Dovrebbero essere proprio gli omosessuali a scatenarsi contro questa carnevalata".

Commenti
Ritratto di MaddyOk

MaddyOk

Gio, 28/06/2018 - 22:40

Abbasso le carnevalate, prima gli italiani indigenti!

seccatissimo

Ven, 29/06/2018 - 02:25

Questi omosessuali, se penso alle loro perversioni, mi fanno piuttosto ribrezzo, inoltre il loro continuo ostentare la loro diversità come fosse una virtù mi infastidisce, proprio mi rompono le palle ! Facciano le loro porcate nell'intimità senza tante storie ! Punto e basta.

Il_Kaos

Ven, 29/06/2018 - 08:37

Una cosa sono i diritti , un altra sono le oscenità e volgarità che ti fanno vedere e vogliono spacciare per normali......!

sara_colombi@li...

Ven, 29/06/2018 - 20:35

Cari politici, facendo cosi e rilasciando questi discorsi non fate altro che alimentare la discriminazione/l'ignoranza... In ogni caso, domani saro' al padova pride per chi nel 2018 in italia ha paura di essere omosessuale e viene discriminato...domani saro' al pride anche e soprattutto per chi ancora non comprende ma si ritrovera' a comprendere quando avra' un figlio/nipote/amico/fratello/collega omosessuale. domani per me significa celebrare l'amore e la diversita' in tutte le sue sfumature...eh si, a contrario di voi appoggio gli ETERO,....BIANCHI NERI GAY TRANS...o forse meglio dire TUTTI GLI UMANI.. Se voi, ETERO, non avevate i vostri diritti penso proprio che vi sareste ribellati nel 1969 e che ci sarebbe stata la giornata dell' orgoglio ETERO. io vi avrei supportato perche' siete uguali a tutti! BUON PRIDE E BUONA VITA A TUTTI

sara_colombi@li...

Ven, 29/06/2018 - 20:39

Cari politici, facendo cosi e rilasciando questi discorsi non fate altro che alimentare la discriminazione/l'ignoranza... In ogni caso, domani saro' al padova pride per chi nel 2018 in italia ha paura di essere omosessuale e viene discriminato...domani saro' al pride anche e soprattutto per chi ancora non comprende ma si ritrovera' a comprendere quando avra' un figlio/nipote/amico/fratello/collega omosessuale. domani per me significa celebrare l'amore e la diversita' in tutte le sue sfumature...eh si, a contrario di voi appoggio gli ETERO,....BIANCHI NERI GAY TRANS...o forse meglio dire TUTTI GLI UMANI.. Se voi, ETERO, non avevate i vostri diritti penso proprio che vi sareste ribellati nel 1969 e che ci sarebbe stata la giornata dell' orgoglio ETERO. io vi avrei supportato perche' siete uguali a tutti! BUON PRIDE E BUONA VITA A TUTTI