Virzì e i vip delusi da M5S: «Violenti e antidemocratici»

Il regista guida i tanti uomini di spettacolo che si sono accorti (tardi) di chi sono davvero Grillo & C.

«Tutta la vita davanti», ma nessun grillino dietro. Paolo Virzì pare lo abbia capito da un pezzo, ma è solo qualche giorno fa che ha avuto un'altra pazza idea, cosa che nel cinema italiano è rara. L'idea è: dire pubblicamente quello che pensa del Movimento Cinque Stelle e del sui comico leader, Beppe Grillo. Vinceranno le prossime elezioni politiche? Pare proprio di sì. Virzì attacca, comunque. In sintesi ecco cosa pensa del Movimento e dei suoi capi: «È una non democrazia, è un'azienda con due proprietari: un comico dal profilo etico discutibile, vista la sua pesante storia giudiziaria della quale stranamente non si parla mai, e un tizio che ha ereditato dal padre un'agenzia che lavora nel web». Ancora, più preciso: «Sono stato l'unico regista inserito in quello sputificio del suo sito, con foto e commenti che mi auguravano la morte. Venni avvicinato da alcuni militanti grillini: iniziarono a inveirmi contro e a dirmi con rabbia che i film me li finanziano il Pd e Renzi». L'agguato avvenne al mercato della Garbatella, quartiere romano dei «Cesaroni» e delle avanguardie pentastellate. Ma anche primo Municipio romano a veder cadere una «giunta» grillina. Virzì non si ferma, spazia verso Livorno, città sua e ora pure di un sindaco del M5S: «Nogarin? Si definisce ingegnere aerospaziale ma mi risulta riparasse pc e avesse talento soprattutto nell'organizzare aperitivi rinforzati». Amen. Se Virzì decide di denunciare, in un'intervista domenicale al Messaggero, il pericolo grillino, è per un motivo preciso: il regista de La pazza gioia, fresco trionfatore ai David di Donatello, si è stufato di sentire i suoi «amici del cinema» sparare a zero su Grillo e i suoi, ma solo in privato. Sparlano, ma non si sbilanciano, non sia mai: lo spettacolo ha le sue regole, non bisogna andare allo scontro con gli eserciti pentastellati pronti a lanciare campagne velenose sui social. E allora niente, i vari Massimo Ghini, Francesca Archibugi, Cristina Comencini se possono (e possono) si defilano: magari a tavola ringhiano, ma in pubblico per ora non mordono.

Qualche anno fa le eccezioni c'erano, ma i Cinque Stelle non veleggiavano oltre il 30%. Era il 27 aprile 2010 quando lo sceneggiatore Francesco Piccolo osava dire che «Grillo era un maestro di populismo». Ora ci si guarda bene perfino dal dire qualcosa di ostile nei confronti della triade d'attori riconosciuta da tutti come grillina doc: Elio Germano, Riccardo Scamarcio e Claudio Santamaria. Poi, certo, c'è chi ha vinto un Oscar e se lo può permettere. Toni Servillo, intervistato l'8 giugno 2013 da Lilli Gruber (La7): «Mi piace Grillo? No, non mi piace il suo linguaggio e il suo tono. Non mi piace la violenza di quel linguaggio». Seduto al suo fianco Paolo Sorrentino, regista della Grande Bellezza, confermava: «Anche a me non piace». Lontano dal cinema le cose sembrano leggermente diverse: Jovanotti ha abbracciato il «renzismo» e del pericolo Grillo parla, almeno fino a oggi, con una certa frequenza. Davanti alle telecamere, a vario titolo, hanno denunciato il pericolo i giornalisti Corrado Augias ed Enrico Mentana, ma pure l'ex politica e vincitrice dell'Isola dei Famosi Vladimir Luxuria e il comico Daniele Luttazzi. Chi invece non molla è Sabrina Ferilli, già impegnatissima a sinistra. E impegnata in una nuova missione: sostenere con il voto la grillina Virginia Raggi.

In fondo faceva una certa tristezza anche in Tutta la vita davanti, un film di Paolo Virzì.

Commenti
Ritratto di gian td5

gian td5

Lun, 03/04/2017 - 08:51

Antidemocratici, forse. Incapaci ed imbroglioni certamente!

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Lun, 03/04/2017 - 09:20

"Non mi piace la violenza di quel linguaggio". Questo o ci fa o ci è. Votando PD e M5S, ma sopratutto PD, hanno riempito il paese di violenza, e non solo quella del linguaggio...

Popi46

Lun, 03/04/2017 - 10:10

Sono d'accordo con Ezechiele e credo che tutti quelli che ragionano senza essere tifosi debbano riconoscere che Berlusconi rimane il miglior fico del bigoncio se non altro per la buona educazione: mai,mai,mai si è espresso nei confronti degli avversari politici con gli epiteti da suburra che molti hanno usato nei suoi confronti

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 03/04/2017 - 10:26

UN PARTITO FASCISTA NEL SENSO PIÚ AUTENTICO DEL TERMINE, dove l´algido buffone riceve nelle sue mani l´autononmia di giudizio degli iscritti che non hanno piú il diritto di pensare con la propria zucca marcia (é proprio il caso di dirlo) e solo possono da lui essere eterodiretti ... CON UNA AMPOLLOSA COSTITUZIONE SCRITTA PROPRIO PER EVITARE AD OGNI COSTO LA RICOSTITUZIONE DEL VECCHIO PARTITO FASCISTA SOLO POTEVA ACCADERE NEL PIÚ BRUTTO PAESE DI MAFIOSI E DI IMBECILLI CHE ESISTE AL MONDO.

frabelli1

Lun, 03/04/2017 - 13:39

Quello che non ho mai sopportato e capito è il "politicamente corretto". Ma cosa vuole dire? Solo nascondere la verità del proprio pensiero, di essere falsi col prossimo, di nascondersi. Finalmente qualcuno se ne sta accorgendo e le verità iniziano a venire fuori. W la chiarezza M il politicamente corretto!

curatola

Lun, 03/04/2017 - 13:49

il cinema italiano è uno dei nidi di serpi rosse come la scuola,la sanità e i centri sociali . Sono mantenuti da pantalone e culturalmente valgono poco. Peccato .il cinema è un'industria moderna come la modail web,la robotica,il turismo ecc.La nostra creatività potrebbe esercitarsi.Speriamo nelle prossima generazione.

gedeone@libero.it

Lun, 03/04/2017 - 14:33

Lo sappiamo che lei caro Virzi e de sinistra come la stragrande maggioranza dei suoi colleghi, siano registi attori cantanti ecc... Del resto la sua origine, la rossa Livorno la qualifica a priori. Lungi da me difendere i grillini, ma siete due facce della stessa medaglia. Settari ed ang tidemocratici, esattamente come loro. il M5S e una costola della sx violenta e settaria creata ad hoc dai comunisti per non far vincere il centrodx. Speriamo che gli addormentati elettori se ne accorgano...

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Lun, 03/04/2017 - 15:34

2° INVIO - nonnoaldo 09:56 - "Il 90% almeno delle rapine in casa e nei negozi vede come protagonisti immigrati o zingari. Nei casi cruenti vale il 99,9%". Vero, forse. Ma chi li ha fatti entrare costoro? Chi li rilascia impuniti dopo che sono stati acciuffati? Chi gli dà vitto e alloggio gratuiti? La risposta è semplice: gli italiani. La colpa è comunque e in primis degli italiani. Ciò detto, mi risulta che la maggior parte dei mafiosi, dei camorristi e dei membri della 'Ndrangheta sia italiana, non straniera.

RAGE4EVER

Lun, 03/04/2017 - 15:51

Peggio del m5s solo il pd e la feccia della sx estrema

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Lun, 03/04/2017 - 17:13

ezekiel 15:34 - Ops, ho sbagliato articolo.