Per la prima volta l'Europa costretta a discutere una strategia italiana

La vera svolta è aver preso l'iniziativa con un piano autonomo

Da rassegnati e asserviti bagnini dell'Unione Europea a resuscitati attori politici pronti a contrapporci all'indifferenza e all'arroganza di Parigi e Berlino. Certo non abbiamo ancora vinto nessuna battaglia, ma li abbiamo costretti a scendere in trincea. E lo si capisce dallo scoramento con cui a tarda serata Emmanuel Macron e il suo alleato spagnolo Pedro Sanchez ammettono di non aver raggiunto nessuna intesa, ma di essersi misurati con una proposta italiana «coerente». Mentre la Merkel si trincea dietro un'enigmatica frasetta sulle «responsabilità di tutti». Attenzione nei prossimi giorni cercheranno sicuramente di riportarci al ruolo di partner remissivi ed obbedienti a cui li avevano abituati i governi Renzi e Gentiloni. Però la differenza tra l'Italia degli ultimi 4 anni e quella presentatasi al pre-vertice di Bruxelles convocato in vista del Consiglio Europeo del 28 e 29 giugno è sostanziale. Per la prima volta ci presentiamo in Europa con un programma in dieci punti strutturato e concreto. Un piano incentrato sulla necessità di spostare in Libia, e negli altri paesi di transito, la lotta al traffico di uomini aprendo centri di accoglienza dove sia garantita la protezione dei migranti e la cernita fra chi ha diritto a raggiungere l'Europa con mezzi sicuri e chi invece deve rientrare ai paesi d'origine perché privo dei requisiti per l'asilo. Ancora più rivoluzionario è il rovesciamento del Trattato di Dublino. «Chi mette piede in Italia mette piede in Europa», spiega ai partner europei il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Un concetto sbalorditivo rispetto alla passività con cui l'Italia ha sempre accettato le regole che c'impongono, in quanto paese di primo arrivo, il dovere di espellere o tenerci, vita natural durante, tutti i migranti privi del diritto all'asilo. Adesso, invece, l'Italia dice «no» e pretende che tutti i migranti, regolari e non, sbarcati sulle sue coste vengano immediatamente distribuiti nelle altre nazioni europee delegando a Bruxelles il compito di accoglierli o rispedirli ai paesi d'origine. Una redistribuzione basata su numeri comunque assai più contenuti grazie allo spostamento in Libia dell'azione di contenimento e rimpatrio. Come ha dimostrato il protrarsi del vertice, la nostra inattesa fermezza ha aperto un duro dibattito guidato soprattutto da quel Macron diventato il portabandiera delle posizioni anti-italiane. Anche su questo il piano presentato da Conte ha fatto chiarezza, evidenziando l'ipocrisia e l'arroganza dei nostri partner. L'ipocrisia di una Angela Merkel che dietro la formuletta apparentemente innocente dello stop ai «movimenti secondari» nasconde il tentativo d'imporci il rientro in Italia di tutti i migranti sbarcati sulle nostre coste, ma sgusciati - attraverso le maglie larghe di Schengen - dentro i confini di Berlino. E l'arroganza di un Macron spudorato al punto da proporre di toglierci la sovranità territoriale sui centri di accoglienza affidando a Frontex la responsabilità di scegliere i pochissimi migranti destinati a partire per altri lidi europei e i tantissimi destinati a restare da noi. Ma per fortuna stavolta non abbiamo fatto come nel 2014 quando il governo Renzi - non pago d'aver accolto 170mila migranti in 12 mesi - si disse pronto ad accogliere per sempre tutti i disgraziati ripescati nel Mediterraneo. Stavolta per la prima volta abbiamo reagito. Ma la vittoria resta lontana. E la prima grande battaglia arriverà da qui a tre giorni nelle sale ovattate, ma assai ostili del Consiglio Europeo.

Commenti

Nick2

Lun, 25/06/2018 - 08:36

Micalessin, il suo è un maldestro tentativo di far passare per vittoria quella che si prospetta una sonora sconfitta. Minniti, senza fare troppi proclami, ha ottenuto quello che Salvini non riuscirà a mantenere. Dopo tanto battere i pugni sul tavolo (di casa nostra), Conte è andato a Bruxelles con le braghe calate e con una proposta che l'UE non potrà non accettare (lascerebbe, di fatto, tutto invariato). Dovete solo sperare che, in Libia, continuino a tener prigionieri nei lager i migranti. Se il vostro eroe in felpa dovesse fare qualche dichiarazione avventata, ce li spedirebbero a decine di migliaia. Il populismo delle soluzioni facili incomincia a scontrarsi con la realtà. Mi sa che ne vedremo delle belle...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 25/06/2018 - 08:42

State attenti, perchè i parrucconi furbacchioni, al seguito di Maccaron, faranno di tutto per imbottigliarci un'alrta volta, con la complicità dei sinistri italici.

DRAGONI

Lun, 25/06/2018 - 08:43

L'EUROPA STA E DOVRA' SEMPRE PIU' RENDERSI CONTO CHE L'ITALIA NON E' LA MUCCA DA MUNGERE SOLO CHE SI ERA FATTA A CAUSA DI UN VENDITORE DI PENTOLE , DI UN PALLE MOSCE E DI UNA CEI CHE E' STRABICAMENTE PORTATA A GUARDARE A SINISTRA.

Ritratto di centocinque

centocinque

Lun, 25/06/2018 - 08:46

Dimenticato il lacchè, anche lui contribuì al disastro.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Lun, 25/06/2018 - 09:12

il motivo è semplicissimo:;fino ad ieri,avevamo mandato dei maggiordomi a subire bruxelles...ora si cambia,per davvero....il popolo italiano ha scelto i suoi veri leader..non certo come quelli che li aveva scelti un pensionato d'oro komunista

Dodds

Lun, 25/06/2018 - 09:21

Il problema non sono i migranti: i migranti sono solo la logica conseguenza della politica anti-italiana della Francia. Il problema per l'Italia è la Francia. Macron non vuole l'Italia in Libia. L'attacco alla Libia è stato un attacco all'Italia. Ora se ne vedono meglio i contorni. Credo che sia giunto il momento per il popolo italiano, ..tutti gli italiani, di sostenere la nostra Nazione, il nostro Stato. Dodds

Mborsa

Lun, 25/06/2018 - 09:35

La proposta italiana è un po' futuristica rispetto ai tempi della Ue, però indica l'obbiettivo finale. Nell'immediato ci attendiamo che sia condivisa la politica di ostacolo agli sbarchi e degli aiuti alla Libia per contenere le partenze. Se non si controllano i moventi primari è inutile discutere dei movimenti secondari.

oracolodidelfo

Lun, 25/06/2018 - 09:37

Gian Micalessin, bell'articolo.

Ritratto di illuso

illuso

Lun, 25/06/2018 - 09:43

Robe da matti, è bastato che un "governo populista" abbia detto e fatto il minimo perchè gli sgovernanti europei si mettessero sull'attenti, il popolo ha capito che i cattosisnistri ci hanno regalato,guadagnandosi, 600000 invasori clandestini e si è comportato di conseguenza. Aggiungo che in europa sta soffiando un vento nuovo, gli equilibri politici cambieranno...Macron, Sánchez e forse la stessa Merkel spariranno dalla scena politica.

aldoroma

Lun, 25/06/2018 - 09:45

era ora

Ritratto di elio2

elio2

Lun, 25/06/2018 - 09:51

Ha fatto di più per l'Italia, questo innaturale governo giallo-verde in un mese, che tutti i governi abusivi di sinistra in sette, e per questo è stato giustamente premiato anche ieri. L'aria per fortuna è cambiata e gli unici a non rendersene ancora conto del motivo, sono i soliti decerebrati compagni, scioccati dall'essere stati cacciati a calci dagli Italiani, anche dalle roccaforti rosse, dove il voto, indipendentemente dalle politiche economiche e sociali adottate, era sempre sicuro.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Lun, 25/06/2018 - 09:54

È ASSAI DIFFICILE riparare ad errori clamorosi, come quelli commessi negli ultimi anni da renzi e dal pd in tema migranti clandestini, ma almeno il nuovo governo ITA ci stà provando. Anche se non sarà facile: Si ritrova contro buona parte dei governi europei e soprattutto due Stati che contano, FR e DE che molto ipocritamente per i loro interessi trovano assai comodo che l'Italia si mantenga tutta la marmaglia clandestina, così da farsi "belli" agli occhi del loro elettorato, che in maggioranza NON VUOLE MIGRANTI IN CASA PROPRIA. Eh no, troppo comodo così. La verità è che se si va a fare un sondaggio NON SUI GOVERNI ma sugli elettori dei 27 Stati UE, emerge in modo chiaro che NESSUNO DI LORO VUOLE MIGRANTI IN CASA PROPRIA, tanto vale farsene una ragione e allora tanto vale perseverare sulla linea dura intrapresa dal ns governo.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Lun, 25/06/2018 - 10:04

Micalessin, per favore, da una Persona come Lei mi aspetto piu` realismo... A me la "proposta Conte" suona un po' come: "Finora L'Europa ci ha condannato, contro la nostra volonta`, a fare i bagnini salva migranti! Basta! D'ora in avanti sia chiaro che SIAMO NOI CHE ARDENTEMENTE CHIEDIAMO DI FARE I BAGNINI!" Cazzarola, differenza notevolissima! "finora ci hanno violentato, ma da oggi farlo E` DIVENTATO UN PIACERE...INCHIAPPETTATI E FELICI!!" MAH!!

Blueray

Lun, 25/06/2018 - 10:04

Ci sono 4 anelli deboli in questo piano. 1)Chi ci dice che ad esempio, a stima, 200 mln di africani si incanaleranno buoni buoni nei centri predisposti e che invece molti di loro non continueranno a fare i furbi tentando la traversata coi metodi odierni? 2)Cosa faremo in questo caso? spareremo raffiche di mitragliatrice o salterà tutto il lavoro predisposto? 3)Se solo il 10% avesse diritto all'asilo dove metteremmo 20mln di africani che NOI abbiamo incentivato e facilitato a venire? 4)Vogliamo capire sì o no che bisogna disincentivare e non incentivare le migrazioni continentali? Il piano parte da un presupposto completamente sbagliato quello di istituzionalizzare l'invasione. Ma anche l'asilo va drasticamente riformato, deve essere un soccorso a tempo, non un insediamento perenne vita natural durante. Altrimenti ci confermeremo polo d'attrazione per i disperati a livello planetario

amedeov

Lun, 25/06/2018 - 10:06

Finalmente possiamo competere alla pari con gli altri capi dello stato. Avanti cosi binomio Conte-Salvini che ci fate essere orgogliosi di essere ITALIANI

VittorioMar

Lun, 25/06/2018 - 10:54

..e qualcuno sostiene ancora che siamo "ISOLATI" !!!...

Cicaladorata

Lun, 25/06/2018 - 11:11

Strategia italiana che dovrebbe partire da una nuova visione conseguente ai malgoverni precedenti. In fine abbiamo capito che l'Italia doveva diventare il campo profughi/immigrati clandestini di infimo livello, la popolazione italiana doveva essere rieducata e ogni tanti si sentiva che la popolazione non era adeguata a votare. La barriera delle alpi faceva da muro naturale con già i valichi per i controlli. Quindi per un'italiano, è meglio avere un'altra visione da realizzare. Gli Stati oltralpe che si tolgano di mezzo, l'Italia deve prendersi il ruolo primario di regina del mediterraneo

Cicaladorata

Lun, 25/06/2018 - 11:12

la Libia deve essere il nostro alleato principale. Il 70% degli italiani con due lauree diranno che abbiamo già avuto alleanze con la Libia e che sono finite male. Lo scenario è cambiato, la storia ha insegnato, le cose finiscono sempre in due modi, o male o bene, questa volta deve finire bene per noi tutti. Il 30% degli altri italiani con due lauree, devono trasformare questa visione dell'Italia regina del mediterraneo in senso politico e tecnico.Il sugello a questa alleanza deve essere il LAVORO con ed in Libia e sottrarre tutti quei meravigliosi contratti che si sono presi gli Stati oltr'alpe.

maxxx666

Lun, 25/06/2018 - 11:15

E' incredibile come ci sia qualcuno che pur di veder fallire il governo ragioni come quel tipo che per far torto alla moglie si taglia il pisello.

Ritratto di illuso

illuso

Lun, 25/06/2018 - 11:23

@Nick2 ore 8,36: rammento quando da giovane, più o meno mezzo secolo fa frequentavo un corso di sindacalismo sinistro... Una delle raccomandazioni era: quando siete in difficoltà negate sempre, anche l'evidenza e lei la sta mettendo in pratica. Carissimo, è indubbio che ha fatto più Matteo in 26 gg che tutti i sinistri messi assieme in 6 anni. Lei parla di Minniti peraltro messo in discussione dalla sinistra dem, per onor di firma dovrebbe perlomeno accennare che prima di lui ministro dell'interno del nel governo rosso c'era Alfano...BRRR. Le consiglio vivamente un lassativo...di quelli buoni.

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 25/06/2018 - 11:29

Più che costretta a discutere una strategia italiana vi è costretta dalla realtà ineludibile. La "sinistra Italiana e qualle Europea" sono "complici del disastro migratorio in atto" ed ora temono, tutta la sinistra europea, che riportare nella normalità la situazione migratoria, sia una disfatta totale.

Ritratto di orcocan

orcocan

Lun, 25/06/2018 - 11:35

Ieri sera ho passato un paio d'ore a leggere i quotidiani francesi. Beh, una larga maggioranza di commentatori è più ostile a Macron di noi italiani. «Macron s'est rendu inaudible avec son arrogance, ses gaffes et ses leçons déplacés. Il est devenu un vrai BOULET pour l'UE et Madame Merkel».

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 25/06/2018 - 11:42

Non so come andrà a finire, tuttavia è un passo significativo che Renzi e il suo entourage non hanno mai messo in campo, inchinati come sono stati ai voleri della Ue a trazione tedesca. Se Bruxelles non vorrà ascoltarci, vorrà dire che faremo, agiremo di conto nostro e questa Ue con i piedi d'argilla finirà nel posto a lei più adeguato. Tertium non datur.

Dodds

Lun, 25/06/2018 - 12:30

Speriamo di no ma credo che il piano di Conte non andrà avanti per l'opposizione che farà la Francia. Macron sicuramente farà pressione anche su altri Stati (..vedi Spagna) per far fallire tutto. Secondo me Macron non vuole che in Libia l'Italia prenda iniziative. La Francia ha fatto assassinare Gheddaffi e dall'Africa sub-sahariamna, area che controlla politicamente ed economicamente (.. con la moneta franco-africana), in tutti questi anni ha fatto partire il flusso migratorio verso l'Italia,.. attraverso la Libia, appunto. Se avesse voluto, avrebbe sigillato quei confini a sud. Perchè non l'ha fatto ?

Nick2

Lun, 25/06/2018 - 12:31

Illuso, voi, che qui postate, siete quasi tutti ultrasettantenni. In Europa, gli ultrasettantenni sono ormai più numerosi dei ragazzi al disotto dei 20 anni. Sai cosa significa? CHE SIAMO FINITI! Tutti gli stati UE, nello stilare i loro sistemi pensionistici, tengono conto dell’entrata di circa 1,8 milioni di nuovi giovani all’anno per 20 anni. Se questa condizione non si dovesse avverare, le pensioni verrebbero ridimensionate e l’età pensionabile alzata. Si rischierebbe addirittura l’implosione di welfare e sistema pensionistico. I migranti sono entrati maggiormente in Italia, ma le richieste di asilo in Germania sono quasi il triplo delle nostre, in Francia circa come le nostre e, in altri paesi più piccoli in percentuale enormemente superiori. Questo significa che i vari paesi chiudono le porte ai migranti, ma aprono le finestre nascoste per farli entrare, perché ne hanno bisogno. Informati, vedrai che ho ragione. La matematica non è un’opinione…

ghorio

Lun, 25/06/2018 - 13:08

Sarà anche la prima volta della discussione della strategia italiana, ma , secondo me, non cambierà niente, con i vari Orbam e compagnie se ci si affida alle varie Libia e Tirchia e nazioni africane varie.

NotaBene

Lun, 25/06/2018 - 13:32

@Salvini: gestire Macron con somma eleganza (che Macron crede appartenere solo a lui) trattandolo da ininfluente, insulso parolaio che si impone solo ad insulti. "De minimis non curat Pretor. Non abbiamo tempo da perdere e non ci abbassiamo ad insultare volgarmente il governo Macron (non i Francesi). Con l'UE: ridiscutiamo i principi legali fondanti, che non lasciano spazio alla politica perché riconoscono il Cittadino, ma disconoscono l'Uomo in quanto appartenente al suo Popolo, radicato in una Terra. Da qui viene TUTTO il resto, anche la definizione della Democrazia. Altro che Populismo."

NotaBene

Lun, 25/06/2018 - 13:41

@Blueray: concordo. Ancora di più. Il diritto d'asilo fu concepito per alcuni individui, non per un intero popolo. Introdurre in Costituzione (anche europea se ci fosse) PER QUALSIASI DIRITTO, il principio che i diritti vanno declinati sulla fattibilità reale, sociale, economica, di sicurezza, e POLITICA! Anche io, senno' avrei diritto agli occhi azzurri e ad un'altezza di 1,80 m, che apportano successo. Il BUON SENSO, no?

Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 25/06/2018 - 13:41

Furbacchioni voi del Giornale, con uso strumentale dei commenti. Quelli scomodi o non utili alla vostra linea li fate sparire.

Nick2

Lun, 25/06/2018 - 13:45

Dodds, l'Italia, in Libia ha già preso iniziative con Minniti, che ha creato dei veri e propri lager dove tenere detenuti i migranti. Come credi che siano diminuiti dell’80% gli sbarchi? Io spero che Salvini abbia il coraggio, prima di nominare a vanvera i propri figli, di visitare queste prigioni, dove uomini, donne e soprattutto bambini vengono trattati come bestie, in barba a tutte le convenzioni internazionali. Pensa, l’Europa ha bisogno estremo di nuovi giovani per evitare l’implosione di welfare e sistema pensionistico ma, per contrastare i nazionalisti populisti, finge di non volerli, di chiudere le porte, salvo poi farli passare di nascosto. La Merkel è l’unica che dice la verità al suo popolo. Amate essere nutriti di menzogne? Salvini è il leader che fa per voi. Vi ringrazieranno i vostri figli e nipoti…

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Lun, 25/06/2018 - 14:17

--seguito-- Quello che voglio dire è che se non si riesce ad inserire tutti questi soggetti in posizioni lavorative tipiche da lavoratori con possesso di buona [o con un minimo di] formazione professionale, il loro stipendio non potrà mai essere adeguato in modo tale da riuscire a fornire contributi elevati per le future pensioni; per ora stò osservando cosa avviene in Italia, ovvero che questi (quando per sopravvivere non si danno allo spaccio di droga o sfruttamento prostituzione) sono molto spesso preda di organizzazioni di reclutamento di lavoro non legale, da cui vengono assoldati IN NERO [ovviamente] per pochi spiccioli al giorno. Così non può andare, se non solo per quelle aziende che lucrano sul lavoro manuale di questi desperados, sottopagandoli. E così facendo, non riusciranno mai ad inserirsi nella ns società, riuscendo ad avere quel minimo di indipendenza economica che gli permetta un affitto un auto insomma un vita normale.

Ritratto di orcocan

orcocan

Lun, 25/06/2018 - 14:36

Proposta: eliminare, gasare, obbligare all'eutanasia tutti gli ultra 70enni (esclusi i veri privilegiati), che sarebbero quelli che pur nelle contraddizioni ed errori hanno contribuito a rimettere in piedi l'Italia post bellica e con gli attuali loro "privilegi" aiutano economicamente e contribuiscono in larga parte a fare le veci dei loro eredi quali nonni badanti dei figli e nipoti dei 30-40enni. Io sono uno di loro, a me basta un piatto di minestra e tutto il resto viene utilizzato, con mia totale approvazione, dai miei discendenti.

Antonio43

Lun, 25/06/2018 - 14:52

Ma se è vero che la popolazione europea sta invecchiando senza aver il suo ricambio naturale, è normale che si possa importare gioventù da dove è in surplus. Ma come? Sicuramente non come adesso perchè non riusciamo a controllarli, non sanno la lingua, quasi tutti senza istruzione, non sanno fare alcunchè, non si sa da dove vengono, non hanno documenti. Se ci dovranno pagare le pensioni, li dobbiamo istruire, gli dobbiamo insegnare un mestiere, dovranno conoscere diritti e doveri. Nella situazione attuale tutto questo è impossibile da attuare, sono troppi. Ne possono entrare solo quanti ne siamo capaci di gestire. Staranno bene loro, staremo bene noi senza i problemi che invece abbiamo.

Ritratto di illuso

illuso

Lun, 25/06/2018 - 15:06

@Nick2 ore 12,31: egregio, c'è una teoria che parla di decrescita felice e prende in considerazione che per la salute e l'esistenza futura del nostro pianeta bisognerà considerare anche una decrescita demografica, quindi bisognerà propagandare in tutta L'Africa e Asia che un buon padre di famiglia deve mettere al mondo i figli che potrà mantenere decentemente. La folle invasione in atto non ha niente a che vedere con l'immigrazione seria. Abbiamo milioni di immigrati che lavorano, nessuno mette in discussione la loro presenza. Io credo fermamente che ogni stato ha i suoi confini e chi entra senza invito deve tornarsene a casa. In quanto ai lagher che ospitano gli invasori in Libia sono controllati anche dall'ONU e se fosse come tu dici gli invasori benestanti che vogliono entrare in Europa non si allontanerebbero da casa loro. Tutto il resto è fuffa.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Lun, 25/06/2018 - 15:07

2ndo tent - @Nick2 12:31 - Ha ragione citando la criticità demografica degli anziani in EU in elevata proporzione (in DE e ITA in particolare) rispetto a fasce d'età più giovani, proprio il sistema pensionistico DE è quello più a rischio in prospettiva di lungo termine (2030, con ITA a rimorchio), ma l'idea di integrare la mancanza di nuove nascite bianche con questi giovani neri urta decisamente contro 2 fattori altamente critici : 1) questi sono allo stato di semialfabetismo 2) non posseggono ALCUNA FORMAZIONE PROFESSIONALE. Non possono essere integrati nella ns società a meno di investirci pesantemente ma tutto questo RICHIEDE [molto] TEMPO (e SOLDI). Questo, prima ancora di considerare le caratteristiche filosofico/religiose di questi soggetti, la maggiorparte dei quali NON VUOLE INTEGRARSI con usi e costumi della società laica EU. Su queste basi, se permettiamo l'invasione di milioni di soggetti, poniamo le basi PER IL DISASTRO TOTALE.

Dodds

Lun, 25/06/2018 - 15:11

@ Nick2 (13:45)..come accennavo più su, i flussi migratori dal Sahel, nonostante tutta la loro drammaticità, sono la conseguenza della politica della Francia in Libia. In poche parole, se la Francia vuole, questi flussi possono essere fermati ''alla fonte''. Le chiavi di questa ''fonte'' sono in mano ai francesi. Per questo dico che tutta andra a ramengo: la Francia, secondo me, ha interesse a mantenere vivo questo flusso di migranti. La Francia ha voluto e ci vuole ancora destabilizzare. Non è una novità per nessuno lo sfrenato shopping francese nella Penisola. Dodds

cangurino

Lun, 25/06/2018 - 15:25

@Nick2, 12.31, secondo invio. Non condivido il suo pensiero. Avrà letto che in Italia mancano centinaia di migliaia di operai e tecnici SPECIALIZZATI con media o alta scolarizzazione, mentre la bassa manovalanza (imigrazione nord africana), tradotto gli schiavi del terzo millennio che vengono sfruttati nel meridione, sono una patologia immorale da contrastare con ogni mezzo. E' giusto spendere di più per pomodori e frutta, piuttosto che consentire lo schiavismo italico. Semmai il governo deve incentivare la natalità. Indennità economiche sostanziose, assistenza scolastica sin dalla prima infanzia, agevolazioni fiscali ecc. insomma, tutto quello che si fa nel resto d'Europa e che da noi i governi di sinistra non hanno fatto. p.s., trova tutto nel programma della Lega.

gedeone@libero.it

Lun, 25/06/2018 - 15:47

Nik 2, cosa c'è kompagno, ti è andata di traverso la debacle che i tuoi dante causa hanno subito alle amministrative? Non è che l'inizio kompagno, dovrai abituarti a prendere tanto ma tanto maalox...

jaguar

Lun, 25/06/2018 - 15:54

Nick2, pensala come vuoi, ma meglio l'implosione di welfare e sistema pensionistico piuttosto che importare gente incapace di lavorare e il cui solo scopo è quello di abbassare il costo del lavoro, magari sostituendo la manodopera locale.

Ritratto di savio67

savio67

Lun, 25/06/2018 - 17:03

Comunque dopo tutto questo discutere tra noi, oggi 25 giugno 2018 la sinistra che ha distrutto la nostra dignità di italiani agli occhi dei popoli esteri, la sinistra che bovinamente eseguiva gli ordini degli altri capi di governo, la sinistra che ancora si permette ancor di proferir parola è stata praticamente rasa al suolo anche nelle comunali. Ora signori di sinistra....siamo tutti fascisti oppure ci siamo rotti il casso del vostro governare senza balle !!!???

Lollob

Ven, 29/06/2018 - 08:58

X Nick2: certo che voi "sinistri" avete una faccia tosta e un'impudenza davvero da Nobel.. con Minniti gli sbarchi non erano affatto cessati, li si è solo un pò "limitati" in vista della tornata elettorale e in conseguenza dei sondaggi che condannavano il Pd proprio sulla questione immigrazione e sicurezza.. del resto è bastato cambiare governo per fare emergere la realtà che ora tutti riconoscono e ammettono (anche in Europa): e cioè che le Ong svolgono un ruolo da vice-scafisti e possono essere considerate alla stregua di navi-pirata. Solo che finchè c'era il Pd al governo i vicescafisti avevano mano libera, altro che Minniti.. e quanto alla Libia, gli accordi coi paesi di provenienza li presero per primi i governi Berlusconi, quindi di cosa state parlando voi sinistri..?