Un 25 aprile tra feste, ricorrenze e scioperi

Negozi chiusi per sciopero domani e il 1° maggio Confimprese: «È un grave errore di questi tempi»

Un «ponte» del 25 aprile, quello che si apre domani, all'insegna della primavera ma che vedrà ugualmente luci e ombre per chi resta in città, anche se saranno molti a partire, malgrado la crisi, e si stima che tra domani e primo maggio i milanesi in viaggio spenderanno 80 milioni. Per chi sceglie Milano, invece, la vera spada di Damocle su cittadini e turisti, è data dall'annunciata serrata dei negozi per la giornata di domani e per quella del primo maggio, causata dallo sciopero di commessi e cassiere di Milano.

Un'iniziativa che è stata duramente contestata dal presidente di Confimprese Mario Resca: «In tempi di crisi e di cassa integrazione - ha affermato Resca - i negozi devono restare aperti anche nelle feste comandate. La recessione morde i consumi, il 54% degli italiani compra solo l'essenziale, mentre il 30% acquista meno in assoluto. In generale, di domenica l'indice di conversione è al 23% e rinunciare alla aperture festive sarebbe, dunque, un'occasione mancata per il commercio. In particolare per Milano, che da tempo è città di destinazione turistica culturale, congressuale, di business». A Resca ha immediatamente replicato Graziella Carneri, segretaria generale Filcams Cgil: «Si può contestare lo sciopero deciso per quelle due giornate, ma affermare che tenere aperto il 25 Aprile e il 1 Maggio significhi aiutare i lavoratori che rischiano di perdere il posto per la crisi, vuol dire prenderci in giro».

Le mostre

Shopping a parte, c'è sempre la possibilità di approfittare di musei e mostre cittadine, che invece resteranno aperti al pubblico. A cominciare dalla personale del fotografo Robert Doisneau allo Spazio Oberdan, che chiuderà il 5 maggio. A seguire, la bella esposizione di Palazzo Reale intitolata a «Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti». Alle Sale del Re di piazza Scala, da vedere il progetto «Leonardo3 - Il Mondo di Leonardo», percorso interattivo e multimediale alla scoperta del genio rinascimentale. Aperto anche il Museo del '900 con la mostra «Andy Warhol's Stardust» che espone le celebri stampe del Maestro della Pop Art. Una chicca infine al Palazzo della Ragione con la mostra «Che Storie!», un viaggio nel mondo del design industriale e della creatività d'impresa.

La scienza

Al Museo della Scienza e della Tecnologia torna il «Tinkering», laboratori per i bambini. Per quattro giorni consecutivi, a partire da domani fino a domenica, il Museo della Scienza ripropone «Reazione a catena», che già durante il periodo natalizio ha riscosso grande successo fra il pubblico. Adulti e bambini insieme realizzano, ciascuno con la propria creatività, un pezzo di un meccanismo complesso in cui ogni invenzione influenza quella successiva, celebrando il trionfo di una fantasia collettiva.

I concerti

Niente pause festive per la grande classica. Domani, venerdì e domenica 28 aprile, all'Auditorium di largo Mahler, il direttore Wayne Marshall concede il bis con laVerdi e si divide tra "bacchetta" e organo in un «tutto Poulenc», per onorare al meglio il cinquantenario della scomparsa del grande compositore parigino (30 gennaio 1963), con l'esecuzione, nell'ordine, della Suite francese, del Concerto per organo e orchestra e del Gloria.