Fra prosa e musica gli spettacoli del Noh’ma di Teresa Pomodoro

Ferruccio Gattuso

Anche il Noh’ma, teatro diretto da Teresa Pomodoro con dichiarato “intento sociale” presenta la sua stagione. Inaugurazione l’8 novembre con L'umano, solidale ed etico, recitazione e musiche dal vivo.
«Il Noh’ma - spiega Teresa Pomodoro - è un teatro di passione sociale, creato da un gruppo di lavoro affiatato, tra attori e musicisti, convinti che non sia inutile portare dei messaggi etici alla città. La musica non è, quindi, solo un mezzo di intrattenimento, ma un’occasione per discutere della possibilità di intrecciare culture e provenienze».
Gli spettacoli di prosa, ai quali vanno aggiunte ospitalità ancora da definire (atteso uno sguardo particolare su Samuel Beckett), sono tutti curati dalla regia di Teresa Pomodoro.
La nuova stagione del No’hma affronta i più svariati generi, a cominciare dalla commedia musicale Country House nella neve, scritta dalla stessa Pomodoro, prevista per la sera del 31 dicembre.
«È una divertita riflessione - spiega l’autrice - sulle delusioni post-viaggio di tanti turisti. Non si contano i reclami contro le agenzie turistiche, al ritorno da luoghi che dovevano essere paradisi e si sono rivelati inferni. Ho voluto scrivere qualcosa che raccontasse il modo distorto di intendere il turismo oggi».
Prima pièce del nuovo anno sarà La lunga notte di Medea di Corrado Alvaro (17-20 gennaio), rivisitazione del mito tragico della “madre assassina”, trascinato nel contemporaneo.
Dal dramma individuale si approda al dramma collettivo con lo spettacolo di satira sociale - in cartellone dal 7 al 10 marzo - Un Nemico del Popolo di Henrik Ibsen: commedia umoristica e tagliente, è la storia di un moderno Don Chisciotte, il Dottor Stockmann, che scopre come lo stabilimento balneare della sua cittadina non sia un prodigio risanatore di handicappati e minorati, ma una cloaca nata da interessi finanziari.
Dal 4 al 7 aprile (ore 21) antico e moderno si intrecciano ne Il mistero di Alcesti di Marguerite Yourcenar, mentre dal 23 al 26 maggio sarà di nuovo la volta della commedia satirica, con Madre Terra di Teresa Pomodoro.