La Regione assume 665 medici di base

SVOLTA Dopo il verdetto del Consiglio di Stato aumentato il numero di medici per abitanti

Cercasi medici di famiglia. Quanti? In tutto 665, un numero che in tempi di gran disoccupazione fa girare la testa. Dove? In tutta la Lombardia, da Milano (63) a Sondrio (100), passando per la provincia di Lecco (15) e quella di Mantova (9). La decisione di aumentare il numero dei medici deriva dalla sentenza del Consiglio di Stato dello scorso dicembre che aveva definito inadeguato il vecchio accordo regionale. Il rapporto medico/paziente alla base della querelle: se l'accordo collettivo nazionale stabiliva come ottimale un medico ogni mille abitanti, la Regione invece, aveva scelto di estenderlo a uno ogni mille e 300 lombardi. Di fatto, ora il Pirellone si è adeguato alla sentenza ma ha stabilito che ciascuna Asl potrà prevedere deroghe in base alle caratteristiche geografiche del territorio e alla specifica situazione socio-sanitaria. «Una delle linee d'azione più importanti della nostra politica sanitaria - spiega l'assessore alla Sanità, Luciano Bresciani - è lo sviluppo della medicina sul territorio, cioè portare le cure più vicine ai cittadini, anche nelle zone montane». Non tutti però sono d'accordo: «Il numero dei medici era sufficiente - chiarisce Vito Pappalepore, responsabile della Fimmg di Milano - e ora i nuovi giovani colleghi si troveranno in difficoltà perché faticheranno a trovare clienti e quindi a far fronte a tutte le spese che uno studio medico comporta».