Regole e lealtà: per i bimbi è «scuola»

Simone Zurlo

The coolest game on earth. Così recita il detto nordamericano che descrive uno sport di squadra tra i più affascinanti: «Il gioco più divertente della terra», giocando anche sul termine cool inteso nel senso letterale di freddo. L'Hockey su ghiaccio è certamente uno degli sport più completi che esistano, famoso per essere tra i più veloci. Grinta, agonismo e lealtà sono alla base di questo gioco in cui si forma, più che in ogni altro sport, il concetto di squadra. La pratica aiuta la coordinazione psicomotoria, potenziando tutti i gruppi muscolari del corpo, accompagnata da esercizi fisici in palestra dove si completa al meglio la preparazione. Ma sbaglia chi pensa che questo sport sia solo per super-ragazzi. Tutti, indistintamente, possono cimentarsi, poiché la formazione e il completo sviluppo di questa disciplina si accompagnano a tanta pratica, indispensabile per assimilarne al meglio il fascino. Un altro aspetto fondamentale è certamente il concetto di sport di squadra, che l’hockey amplifica al massimo, poiché il quintetto (2 difensori e 3 attaccanti) che scende sul ghiaccio viene cambiato ogni minuto circa. In questo modo ogni componente della squadra ha il suo spazio e si sente coinvolto. Dall’hockey s’impara il rispetto dei compagni, delle regole e dell'avversario più che in qualsiasi altra disciplina. Due i gesti che identificano al meglio questo sport: a inizio gara tutti i giocatori si riuniscono nella loro porta, accerchiando il portiere, per caricarsi, mentre a fine partita le due squadre si stringono la mano in segno di rispetto, rituale fondamentale per stemperare gli animi dopo situazioni più o meno accese.
L’età migliore per iniziare a giocare, secondo Andrea De Zordo, responsabile del vivaio Vipers, che si divide in 7 squadre, è attorno ai 6 anni: «È l’età giusta, c’è più facilità di apprendimento e si favorisce maggiormente l’equilibrio psicofisico, fino ai 9 o 10 anni, comunque, c’è ancora la possibilità di avvicinarsi al mondo dell'hockey».