Edilizia scolastica, allarme manutenzione nelle scuole

A lanciarlo sono la Cgil e l'associazione presidi a pochi giorni dall'inizio dell'anno scolastico

A pochi giorni dall'apertura delle scuole si riapre il dibattito sulla sicurezza degli edifici scolastici nella Capitale.

Come già successo l'anno scorso tornano a farsi sentire la Cgil e l'associazione Presidi secondo i quali numerose plessi (per il 2018 si trattava di 8 scuole su 10) hanno problemi strutturali e di sicurezza. A Roma sono presenti 1600 edifici scolastici per un complessivo di 504 scuole tra asili nido, infanzia, elementari e medie (di competenze del Comune) oltre alle superiori gestite dall'ente area Metropolitana. Molti di questi sono strutture risalenti alla fine dell’800 o al periodo tra la fine degli anni '20 e gli anni '70. Molti di loro necessiterebbero di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Altro tema riguarda la carenza di personale Ata (amministrativo); in una nota dell'associazione si evidenzia come:"Moltissime scuole hanno iniziato le attività senza il personale di segreteria in organico. Un aspetto di emergenza riguarda i DSGA: i calendari di convocazione degli assistenti amministrativi che dovranno sostituirli saranno pubblicati il 6 settembre (Atp ); ciò significa che entreranno in servizio, nella migliore delle ipotesi, non prima della metà di settembre". Inoltre, "Si sottolinea inoltre l’assenza di assistenti amministrativi, dovuta soprattutto ad assegnazioni provvisorie verso altre sedi, che lasciano vuoti un numero consistente di posti. Ci risulta che ci siano scuole in stato di paralisi: alcune si trovano senza DSGA, senza neanche un assistente amministrativo e per di più con DS di nuova nomina".

Resta, infine, il tema della manutenzione del verde sui cui parte l'affondo della Cgil. La gestione è di competenza della società Multiservizi che aveva un incarico di 5 anni a partire dal 2010 e che, da allora, viene prorogato di 6 mesi in 6 mesi.