L’estate è davvero finita: ecco quando arrivano i temporali

La protezione civile emette un comunicato: nelle prossime ore sarà pioggia. Codice giallo in tutta la regione Lazio. Temporali e grandinate anche nel resto d’Italia

L’estate è davvero finita. Allerta meteo su Roma. La protezione civile guarda lontano e mette in allarme i cittadini della capitale. Emette un avviso di condizioni meteorologiche avverse previste nel primo pomeriggio di domani e per le successive 9-12 ore: “Precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale specie sui settori settentrionali e costieri. I fenomeni saranno accompagnati da piogge di forte intensità, temporali quindi e tempeste di fulmini, grandinate e forti raffiche di vento”.

Rende pubblico un bollettino di criticità (codice giallo) per rischio idrogeologico sulle seguenti zone di allerta del Lazio: Bacini Costieri Nord, Bacino Medio Tevere, Roma e Bacini Costieri Sud. La sala operativa permanente della Regione Lazio invita tutte le strutture ad adottare gli adempimenti di competenza. Fanno sapere: “Per ogni emergenza la popolazione potrà fare riferimento alle strutture comunali di protezione civile alle quali la sala operativa regionale garantirà costante supporto”.

L’allarme riguarda però tutta l’Italia. Da questa notte una perturbazione atlantica determinerà un momentaneo ma deciso peggioramento del tempo sulle regioni nord-occidentali, in estensione, durante la giornata di domani, al resto del settentrione e al versante tirrenico delle regioni centrali.

La fase di maltempo sarà caratterizzata da precipitazioni temporalesche anche intense, specie su Liguria e Piemonte, e da un rinforzo dei venti dai quadranti meridionali. Sono previsti dalla notte di oggi venti di burrasca con rinforzi di burrasca forte, sui crinali appenninici dell’Emilia-Romagna.

Inoltre, sempre nelle prossime ore, si prevedono precipitazioni diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Liguria e Piemonte. Dalle prime ore del 15 ottobre si estenderanno a Lombardia, Toscana e settori occidentali dell’Emilia-Romagna. Dal pomeriggio di domani, al Veneto.