Latina, 15 alunni senza vaccino. Preside denunciato

Il dirigente scolastico avrebbe ammesso alunni non in regola con l'obbligo della vaccinazione

Avrebbe ammesso a seguire le lezioni numerosi alunni privi di vaccino e, dunque, non in regola con l'obbligo di legge. Il preside di una scuola della provincia di Latina è stato deferito all'Autorità giudiziaria dai carabinieri del Nas del capoluogo pontino.

I militari del nucleo antisofisticazione durante i controlli effettuati nel plesso scolastico (si tratta di un istituto comprensivo delle scuole per l'infanzia, primaria e secondaria di primo livello) nel verificare le certificazioni presentate per l’obbligo vaccinale hanno notato che diversi bambini erano stati ammessi alla frequenza pur non essendo stati vaccinati secondo quanto previsto dagli obblighi di legge.

In una nota si legge che "i controlli dei Nas sono stati disposti dal comando Carabinieri per la Tutela della Salute anche alla luce dell’allarme dovuto all’incremento dei casi di morbillo registrato in molti paesi esteri e segnalati da tutti i media".

Per il dirigente scolastico è scattata la denuncia alla Procura con l’accusa di omissione d’atti d’ufficio, mentre le famiglie degli alunni non vaccinati rischiano una sanzione pari a 500 euro.