"La notte verrà a prendervi il demonio". Maestra indagata per maltrattamenti

Rischia un anno di reclusione l'insegnante di una scuola elementare di Valle Aurelia, a Roma, che avrebbe umiliato e minacciato i suoi alunni. La frase choc: "Se parlate male della maestra verrà il demonio a prendervi per i capelli"

Insulti e minacce gratuite a bimbi italiani e stranieri. È successo nel 2015 in una scuola elementare di Valle Aurelia a Roma. Le vittime di una maestra di 56 anni erano i piccoli studenti di un istituto comprensivo, che venivano spaventati e umiliati quando presentavano disegni o compiti non graditi dall’insegnante.

“Se parlate male della maestra la notte verrà il demonio, vi prenderà per i capelli a voi e ai vostri genitori e vi porterà nel fuoco dell'inferno”, è una delle frasi con cui, secondo quanto riferisce Il Tempo, la donna si sarebbe rivolta ai bambini di otto e nove anni. Gli alunni venivano maltrattati e umiliati continuamente. La maestra li definiva “brutti” e “insopportabili”, aggredendoli, per fortuna soltanto verbalmente, in più di una occasione.

In un caso uno dei piccoli è stato additato addirittura per il suo colore della pelle. Il comportamento della donna ha avuto effetti devastanti sulla salute psicologica dei bimbi, che sono diventati irrequieti e timorosi, mostrando in alcuni casi crisi di pianto improvvise, difficoltà ad addormentarsi e attacchi di panico. Tanto da spingere alcuni genitori, secondo la ricostruzione degli inquirenti, a spostare i figli in un’altra classe o scuola.

Anche alcuni colleghi che avevano assistito alle sfuriate sarebbero stati minacciati dalla maestra che ora rischia una condanna ad un anno di carcere per maltrattamenti.