Il decalogo americano per prevenire il cancro

Come prevenire il cancro seguendo poche regole dall'alimentazione all'attività fisica

Prevenire il cancro è possibile usando dieci regole, questo è quanto asserisce il World Cancer Research Fund http://www.wcrf.org/. Attraverso la pubblicazione di Martin Wiseman, consigliere medico-scientifico, è stato presentato il decalogo da seguire per fare scelte di vita giornaliera in grado di ridurre la possibilità di sviluppare un tumore.

Mantenere un peso corretto è necessario per evitare problemi fisici ma non solo, l’obesità è una delle cause di almeno dodici tipi diversi di cancro.

Camminare e fare attività fisica proteggono il seno e il colon. La vita sedentaria è sconsigliata e basta anche solo mezz’ora di camminata veloce al giorno per ridurre i rischi. Almeno 10mila passi dovrebbero essere percorsi in una giornata. L’ideale sarebbe riuscire a svolgere almeno 150 minuti settimanali di attività fisica, ancor meglio se vengono praticati sport quali il nuoto, la corsa o la bicicletta.

L’alimentazione poi ricopre un ruolo fondamentale per la prevenzione. È importante mangiare almeno 400 grammi di frutta e verdura al giorno accompagnati da circa 30 grammi di cereali e fibre. Le carni rosse, compresi gli insaccati, se non quasi del tutto eliminate, dovrebbero essere limitate a un consumo di massimo tre porzioni alla settimana.

E neanche le bibite sono concesse, soprattutto se zuccherate o gasate. Via libera quindi all’acqua, al tè e al caffè senza però aggiunta di zuccheri. Quest’ultima bevanda risulta anche utile come protezione di fegato e endometrio.L’alcool è abolito in quanto ritenuto causa di molti tumori al fegato, alla bocca e allo stomaco. Vietati anche gli integratori alimentari, meglio cibo sano che protegga realmente dal cancro.

Infine, se possibile, meglio allattare nostro figlio al seno. Questo farà bene a entrambi: la mamma sarà protetta dal tumore alla mammella e il bambino ridurrà il rischio di obesità.

È importante inoltre seguire le stesse raccomandazioni anche dopo una diagnosi di cancro, sia per quanto riguarda l’alimentazione che l’attività fisica.