Cibo sintetico, l'ultima frontiera del "climaticamente corretto"

La demonizzazione del consumo di carne in nome della lotta ai cambiamenti climatici sta spingendo le multinazionali a produrre cibi sintetici, come gli hamburger

L'ossessione politicamente corretta per i cambiamenti climatici e la demonizzazione del consumo di carne stanno spingendo le aziende americane a sostituire i tradizionali hamburger con il cibo sintetico. Lo scorso ottobre la carne sintetica è sbarcata negli Stati Uniti dove è arrivato il via libera del dipartimento per l'agricoltura statunitense (Usda) e dell’Fda (Food and Drug Administration) alla vendita di bistecche ottenute a partire da colture cereali. I due enti americani si sono accordati, infatti, su come gestire la produzione del prodotto.

Carne sintetica che, come annunciato ad aprile, arriverà nei panini dei fast food entro l'anno. Lo ha annunciato una delle più note catene, Burger King, che ha definito un successo il test sul mercato Usa. L'Impossible Whopper, riporta Repubblica, è stato servito per un mese in 59 punti vendita di St. Louis, nel Missouri, a partire dal 1° aprile, ed è stato talmente apprezzato dalla clientela che in capo a qualche mese sarà venduto anche altrove negli States. Come ricorda Il Messaggero, inoltre, il primo esperimento di hamburger creato in laboratorio risale al 2013, quando il ricercatore olandese Mark Post servì ad alcuni giornalisti un hamburger frutto di due anni di lavoro e la bellezza di 325mila dollari di costo. Una frontiera che ha fatto appetito a numerose società, che hanno investito nel futuristico progetto, prospettando di servire nei piatti la carne sintetica, a partire dal 2020.

Questa nuova tendenza è frutto di una campagna mediatica pressante contro il consumo di carne: come se per vincere la lotta contro il cambiamento climatico sia sufficiente bandire carne e salumi dalle nostre tavole. Eppure, come ricorda la Nbc, solo il 15-18% circa delle emissioni di anidride carbonica proviene dal bestiame. E si tratta di una percentuale che include tutto il bestiame del pianeta, nonché l'intero processo di allevamento, macellazione, trasporto e consumo di carne, inclusa la Co2 che si consuma quando si mangia e si digerisce la carne. Inoltre, esistono modi ecologicamente responsabili di allevare gli animali. E se tutte le aziende agricole di tutto il mondo le adottassero, spiega il professor Michael E. Mann, scienziato climatico, "Distinguished Professor" della Penn State University nonché uno degli autori del celebre Rapporto sui cambiamenti climatici dell’Ipcc, la percentuale di anidride carbonica emessa potrebbe essere ridotta dal 18 percento al 10 percento. Mann ha replicato all'assurda iniziativa della multinazionale americana WeWork di bandire la carne a tutti i suoi impiegati: secondo la società è più importante per l'ambiente non mangiare carne che acquistare un'auto ibrida. Il che è naturalmente falso, come sostiene lo stesso Mann.

Tuttavia, l'ossessione climaticamente corretta porta a sostenere che il modo migliore per salvare il pianeta è quello di rinunciare del tutto alla carne, magari adottando una dieta vegana. Un messaggio profondamente sbagliato, come spiega Ettore Capri, Professore Ordinario di Chimica Agraria e Ambientale, Università Cattolica del Sacro Cuore, su La Verità. "Quello che si crea - spiega - è un vortice di notizie con il proposito di convincere chi consuma carne che è bene smettere di farlo, invece d'informare che è proprio la dieta bilanciata a essere sostenibile per il benessere umano, per l'ambiente e lo sviluppo sociale dei territori". Una contrapposizione, quella fra carne e clima, che sta prendendo piede e non tiene conto della realtà. Sono anni, osserva Capri, "che ci sentiamo ripetere che, per vincere la battaglia contro gli effetti climatici, bisogna smettere di mangiare salumi e carne. Ma se non mangiamo salumi e carne, dobbiamo mangiare qualcos'altro che soddisfi il nostro fabbisogno proteico e glucidico: facendo due conti, alla fine cambiando alimentazione con un consumo maggiore di vegetali l'effetto finale sul clima è analogo".

Se poi la nuova frontiera del cibo "sano" ed "eco-friendly" è rappresentato dagli snack come gli straccetti di carne essiccata o le patatine al sapore di bacon senza nessun tipo di estratto del maiale, allora, forse, è meglio fare un passo indietro e sposare una dieta equilibrata, che contempla anche la carne, perché è il consumo elevato che fa male al nostro organismo. Come conferma peraltro uno studio pubblicato sul The Lancet lo scorso giugno, nei Paesi ad elevato livello di benessere socio-economico, fra cui anche l’Italia, la mortalità per cause alimentari è correlata principalmente all’eccessivo consumo di sodio e a un’assunzione insufficiente di cereali integrali, frutta fresca e secca, semi, vegetali e alimenti ricchi di omega 3 e fibre. A scendere dal banco degli imputati, quindi, le carni rosse e trasformate, il cui eventuale consumo eccessivo - non consigliato - si trova al penultimo posto fra i fattori di rischio connessi all’alimentazione.

Commenti
Ritratto di mvasconi

mvasconi

Ven, 02/08/2019 - 12:47

Fiorentina forever...

Ritratto di navajo

navajo

Ven, 02/08/2019 - 13:56

Mvasconi concordo. Stasera.

horatio caine

Ven, 02/08/2019 - 14:00

E magari accompagnano queste schifezze sintetiche con beveroni ipercalorici pieni di zucchero o fiumi di birra.

horatio caine

Ven, 02/08/2019 - 14:02

una bella fiorentina o una bella costata ma anche una tartare sono sempre meglio di qualunque schifezza sintetica, basta non esagerare.

GPTalamo

Ven, 02/08/2019 - 14:11

Ma si', tanto ormai i cibi sanno di plastica, tanto vale che la usano veramente. Poi, spero che alzando la bistecca, un giorno non vedremo il marchio "vero cuoio".

Ritratto di Suino_per_gli_ospiti

Suino_per_gli_ospiti

Ven, 02/08/2019 - 14:33

Mangiate bene, se riuscite non mangiate nè bevete nulla che venga da una "fabbrica" o che contenga soia processata.

titina

Ven, 02/08/2019 - 14:36

L'importante è che ci dicano che è sintetica, ci pensiamo noi a scegliere se mangiarla o no

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 02/08/2019 - 15:21

Specie dopo i 50 è bene non esagerare con il consumo di carne rossa. Però eliminarla del tutto dalla dieta è sbagliato. Quello che "frega" sono le quantità, il soddisfare a tutti i costi la propria "gola" in modo smodato. L'errore è tutto lì.

Giorgio Rubiu

Ven, 02/08/2019 - 16:22

@ Marcello 15:21-Anche prima dei 50 è meglio non esagerare ne con carne rossa ne con altro cibo,ma quando lei dice che quello che "frega" sono le quantità ed il voler soddisfare la "gola" in modo smodato le dirò quale è il mio pensiero in merito; "soddisfare la gola" sta nella qualità e nei sapori.La quantità soddisfa lo "stomaco", non sempre la "gola".La differenza è tra essere "buongustai" o essere dei "gran mangiatori".Gustare il cibo è come gustare la musica,la lettura,la conversazione e la buona compagnia.Tutte cose delle quali non ci si deve "abbuffare".Per apprezzarle si deve centellinarle. Le auguro una buona serata. Giorgio

krgferr

Ven, 02/08/2019 - 16:24

Il primo temporale Gretino si profila all'orizzonte; attendiamo con ansia e malcelato terrore la bufera che distruggerà la nostra specie. Saluti. Piero

Ritratto di bettytudor

bettytudor

Ven, 02/08/2019 - 16:45

Mai dimostrato inequivocabilmente che la carne rossa fa male, prima o dopo i 50 che sia. Dimostrati invece i suoi molti benefici dal metabolismo e allo sviluppo del cervello. Sul fatto che poi siamo troppi e dobbiamo diminuire i consumi, faccio notare che noi siamo in calo demografico e son caso mai gli africani che crescono esponenzialmente. Che lo mangino loro l'hamburger di polistirolo!

gneo58

Ven, 02/08/2019 - 17:19

non capisco - se questi invasati voglio mangiare "verde" perche' si devono produrre HAMBURGER sintetici ?, e le BISTECCHE di Soia ? ecc ecc - insomma tutto vegetale ma l'apparenza deve essere quella della carne - stanno messi proprio male.

dot-benito

Ven, 02/08/2019 - 17:49

A CASA MIA SICURAMENTE NON MANCHERANNO MAI LE FIORENTINE LE BISTECCHE DI MAIALE E LE COSTICINE DI MAIALE POI PER NON FARMI MANCARE NIENTE INTANTO CHE CUCINO HO SEMPRE A PORTATA DI MANO IL SALAME OPPURE LA COPPA DI MAIALE LA ROBA SINTETICA GLIELA LASCIO MANGIARE AI GRETINI VARI

steacanessa

Ven, 02/08/2019 - 18:12

Quanti scemi nel mondo.

ROUTE66

Ven, 02/08/2019 - 18:40

UNA PROPOSTA E UNA PREGHIERA. ALLA PROSSIMA AMMUCCHIATA (INUTILE)DEI GRANDI CAPI SERVIRE INSETTI E FALSE BISTECCHE,A TUTTI QUEI CAMPIONI CHE PREDICANO QUESTE AMENITà. A CHI CREDE ANCORA NELLA BUONA TAVOLA PROSCIUTTO DI PARMA,MOZZARELLA DI BUFALA,LASAGNE AL SUGO COSCIOTTO DI CINGHIALE,ECC ECC. E SE QUALCUNO DEI FORTUNATI DELLA NOVEL CUSIN SI LAMENTA DOPPIA RAZIONE DI INSETTI

gigiotheripper

Ven, 02/08/2019 - 18:50

radical chic magnateve la plastica cosi ripulite i mari e fate qualcosa di buono!

Giorgio Rubiu

Ven, 02/08/2019 - 19:03

@ titina 14:36 - Esattamente quello che penso io! se mi dicono cos'è sta a me decidere se mangiarlo o meno. Sarebbe un problema se potessimo avere accesso SOLO a cibi sintetici; ma fin che esiste l'alternativa e la nostra possibilità di decidere in merito, per me va bene. Però, se vai in una Piadineria o Hamburgeria devi accontentarti di quello che dice il menù, e questo vale anche per i migliori ristoranti. Poi ci sono cibi elaborati (salse, farciture ecc.) di cui non si sa assolutamente niente. Da anni circolano nei supermercati dei vasetti di burro tartufato che al gente compra e adora. L'incontro tra quel burro ed il tartufo non è mai avvenuto. E' un sapore "chimico" che, magari, è innocuo, ma del quale diffido. Segreta, da sempre, è la formula della Coca Cola e tutte le aranciate e limonate che beviamo (salvo i veri succhi di spremuta d'arancio) NON sono fatte con gli aranci e i limoni.

Reip

Ven, 02/08/2019 - 23:15

TUTTE BALLE... E’ SOLO UNA MODA PASSEGGERA...

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 03/08/2019 - 00:32

Giorgio Rubiu - 16:22 Oddio il limite dei 50anni con la carne rossa, gli insaccati, formaggi "pesanti" etc. lo prescrivono/suggeriscono medici nutrizionisti e non penso sia sbagliato. Tuttavia, anche se esistono persone che se non sentono lo stomaco "ben pressato" non si fermano nell'ingurgitare cibi di proprio gradimento, condivido quel che afferma: gustare è giusto e piacevole, sempre e comunque nella moderazione. Buon fine settimana!

Klotz1960

Sab, 03/08/2019 - 03:17

"Ora mangeremo cibo sintetico" ... chi? L'articolista, il titolista ed i loro amici. Io mangio quello che mi pare. "Noi" un bel corno.

Popi46

Sab, 03/08/2019 - 06:38

Madre Natura mi ha voluto onnivora ed io le obbedisco,anche se le mie abitudini alimentari sono basate prevalentemente sui vegetali