I cibi che fanno bene al cervello

Alcuni cibi in particolare fanno bene al cervello, migliorano le prestazioni e allungano la vita: ecco quali sono, secondo gli esperti

Bere tanta acqua, almeno 8 bicchieri al giorno, è indispensabile per il buon funzionamento del cervello umano ma vi sono alcuni cibi in particolare che fanno bene a questo importantissimo organo. Nello specifico, aiutano a ridurre il rischio di incorrere in patologie, migliorano le prestazioni e allungano anche l'aspettativa di vita: ecco quali sono secondo Lisa Mosconi, neuroscienziata e vicedirettrice della Clinica per la prevenzione dell'Alzheimer presso il Weill Cornell Medical College di New York.

Premesso che l'acqua è il principale nutriente del cervello e che la disidratazione provoca diversi sintomi neurologici come mente annebbiata, affaticamento, vertigini e senso di confusione mentale, gli alimenti giusti per la testa da portare in tavola sono nello specifico:

  • Caviale, uova di pesce e bottarga, che contengono un mix di nutrienti perfetti per quest'organo;
  • Pesce grasso come salmone selvaggio dell'Alaska, sgombro, pesce azzurro, sardine, acciughe poiché ricchi di Omega 3;
  • Verdure a foglia verde come spinaci, bietole, tarassaco, cavoli, dato che sono ricchi di fibre e vitamine;
  • Frutti quali more, mirtilli, fragole, lamponi, ciliegie, bacche di goji e gelsi, che sono pieni di antiossidanti, ottimi per la memoria;
  • Olio di semi di lino e olio extravergine di oliva, che contengono non solo omega 3 ma anche vitamina E, e quindi anti-invecchiamento;
  • Cioccolato fondente, che include flavonoidi, magnesio, potassio e teobrima, capaci di agevolare la circolazione del sangue e di rendere felici;
  • Yogurt, eccellente fonte di nutrienti e probiotici che fanno bene al cervello;
  • Uova, che contengono colina, usata dal cervello per memorizzare le informazioni e imparare dalle esperienze;
  • Verdure arancioni come carota e zucca, che hanno carotenoidi, potenti antiossidanti;
  • Agrumi come arance e limoni, pieni di antiossidanti che proteggono il cervello dall'indebolimento.

Infine, da evitare lo zucchero bianco raffinato, che quando assunto crea un picco di insulina e causa infiammazione. Preferire fonti naturali di glucosio dunque, come cipolle, rape e rutabaga, ma anche miele e sciroppo d'acero, kiwi, uva, uvetta e datteri.

Commenti
Ritratto di Giano

Giano

Lun, 21/05/2018 - 18:51

Ma andate al diavolo, voi e le diete.

titina

Mar, 22/05/2018 - 11:57

xGiano. Che c'è da arrabbiarsi? E' tutto vero.

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 22/05/2018 - 14:48

In un'Italia che conta 5 milioni di poveri totali ed altrettanti a rischio povertà, si comincia col consigliare di mangiare caviale? Ma ci siete o ci fate?