Influenza, ecco i rimedi per affrontarla al meglio

Il picco dell'influenza si verificherà tra la fine di gennaio e l'inizio di febbraio. Gli esperti raccomandano di riposare e di non assumere antibiotici se non prescritti dal medico

Influenza 2019 - Secondo i dati forniti dal sistema di videosorveglianza epidemiologica delle sindromi influenzali elaborati dal Dipartimento di Malattie Infettive dell'Istituto superiore di sanità (Iss) attraverso il bollettino Influnet, al momento il livello di incidenza in Italia corrisponderebbe a 3,7 casi per mille assistiti, anche se il picco lo si attende per la fine di gennaio e l'inizio di febbraio. Ad esserne maggiormente colpiti ora sono soprattutto i bambini al di sotto dei 5 anni di età. Tra questi, infatti, si registra un'incidenza di 11,1 casi per mille assistiti. Le regioni particolarmente interessate sono l'Umbria, l'Abruzzo, la Sicilia e la provincia autonoma di Trento.

Due, tra i numerosi virus influenzali in circolazione, quelli che si stanno diffondendo con una certa regolarità: l'AH3N2 - che colpisce prevalentemente gli anziani - e l'AH1N1, responsabile della pandemia del 2009. Salvo complicanze, l'influenza dovrebbe durare per un periodo compreso fra i tre a cinque giorni e si manifesta con i classici sintomi quali:

- Dolori articolari;

- Febbre;

- Tosse;

- Debolezza generale.

Uno dei migliori rimedi per combatterla è il riposo a letto per evitare, altresì, l'esposizione a insidiosi sbalzi di temperatura che potrebbero peggiorare e allungare il tempo della malattia. I medici suggeriscono da sempre di non assumere antibiotici, se non in seguito alla loro stessa prescrizione. Gli unici farmaci ai quali si può ricorrere sono gli antipiretici, i calmanti della tosse e i mucolitici, questi ultimi al fine di evitare fastidiose complicazioni come otiti, bronchiti e broncopolmoniti.

Anche una dieta sana e ben bilanciata rappresenta un valido aiuto. A tavola le difese immunitarie possono essere rinforzate attraverso il consumo di zuppe, verdure, frutta e legumi. Per l'apporto di vitamina A, sali minerali e vitamine antiossidanti in grado di combattere lo stress influenzale, è bene prediligere frutta (arance, clementine, kiwi) e verdura di stagione: cicoria, zucca, ravanelli, zucchine, carote, spinaci, broccoletti, cipolle e aglio possibilmente crudi per la loro valenza antibatterica. Da non dimenticare poi gli alimenti ricchi di probiotici e i legumi (lenticchie, piselli, fave secche, ceci, fagioli) i quali contengono fibre e ferro.

Commenti
Ritratto di allergica_alle_zecche

allergica_alle_...

Mar, 08/01/2019 - 22:22

vaccinatevi! io ho 50 anni, mi vaccino da 20, marito pure; vaccino da quando sono piccole pure le figlie e l' influenza non sappiamo più cosa sia. E per chi ora mi dice "ci si ammala lo stesso", rispondo che forse è vero nel primo anno di vaccinazione (quando andrebbero fatte DUE dosi), ma comunque sempre in forma molto lieve.