Il maschio si sta "femminizzando": sterilità raddoppiata e pene più corto

L'inchiesta sul fenomeno della "femminizzazione" del maschio dopo 20 anni di rivoluzioni tecnologiche e di esposizione a sostanze chimiche

Gli effetti ci sono. E cominciano a vedersi. L'uomo sta cambiando, il maschio alpha non c'è più e si sta "femminizzando": pene più corto, testosterone ridotto e seno maschile.

Stasera a PresaDiretta verrà mandata in onda una puntata di inchiesta sul fenomeno della trasformazione degli uomini in donne. Non che domani siano destinati a scomparire, certo. Ma qualcosa di simile. Come scrive La Stampa, infatti, "il testosterone, l’ormone maschile per eccellenza, di un uomo di 60 anni è molto più basso rispetto a quello di suo padre", mentro "il pene dei giovani d’oggi è più corto di quasi un centimetro rispetto al passato" e poi bisogna considerare " ci sono casi più estremi, ma in fondo non così rari, di uomini che sviluppano il seno".

Fertilità ridotta

La questione più importante è quella della riduzione della fertilità. In Italia, per dire, è più che raddoppiata in venti anni. Non stupisce dunque se il Belpaese sia in netto calo demografico. Secondo quanto scrive il quotidiano torinese, infatti, "se continuiamo cosi, con 1,3 figli in media a donna, siamo destinati a veder sparire il 60% dei giovani nel giro di tre generazioni". Carlo Foresta, direttore dell’Unità di Andrologia e Medicina della riproduzione dell’Azienda Ospedaliera di Padova, ha infatti spiegato a PresaDiretta che "i casi al limite della fertilità sono veramente aumentati, una volta un uomo produceva 300, 400 milioni spermatozoi per eiaculato ora circa il 30% in meno". Non poco.

Il pericolo viene dalla chimica

Ma a cosa è dovuta questa trasformazione dell'uomo? Innanzitutto alle sostanze chimiche con cui, mangiando o nelle attività quotidiane, arriviamo a contatto ogni giorno. Tra queste soprattutto i ftalati, presenti nei saponi, nei profumi e in molt altri oggetti di uso quotidiano. Oppure il bisfenolo A: "Nei cibi in scatola all’interno c’è - spiega a PresaDiretta Nicolas Olea, esperto di bisfenolo A dell’Università di Granada - una pellicola che sembra plastica…anche quella è fatta di bisfenolo A, e una parte può migrare nel cibo che mangiamo. La maggiore fonte di esposizione a questa sostanza per noi pensiamo sia proprio il cibo in scatola".

Fallimento del maschio

Ed ecco dunque che con l'esposizione a questi elementi chimici sin dal momento in cui siamo nella pancia della mamma genera la femminizzazione del maschio. "Noi siamo tutti programmati per essere di sesso femminile - spiega Richard Sharpe, professore del Centro per la salute riproduttiva dell’Università di Edimburgo - Se non succedesse qualcosa durante lo sviluppo del feto saremmo tutte femmine. È il programma di base. Diventare maschio, significa modificare questo programma. Il testosterone è fondamentale per un uomo. Quello che noi stiamo vedendo, è che il programma di sviluppo attivato dal testosterone non sta più funzionando correttamente. Alcuni studiosi parlano di femminilizzazione del maschio, ma io trovo più preciso definirlo: un fallimento della mascolinizzazione".

Video che ti potrebbero interessare di Salute

Commenti

baronemanfredri...

Lun, 13/03/2017 - 11:38

LUXURIA SARA' NOMINATA DIRETTRICE RESPONSABILE DELLA RICERCA

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 13/03/2017 - 11:52

quante cavolate! pura pubblicità pro afroclandestini. dietro ci sarà il pd

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 13/03/2017 - 12:14

Studi scientifici provano che l'abuso di pornografia (industria nelle mani dei soliti noti negli USA) produce sterilità e generale passività. Naturalmente la libera stampa occidentale non ve ne parlerà.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 13/03/2017 - 12:17

Tutto si tiene. L'omosessualizzazione imposta dalla propaganda, l'incentivazione dell'aborto e degli anticoncezionali e ora pure questa. Tutto secondo i piani dei malthusiani. Anche questo, assieme alla pianificata invasione contribuisce al deliberato genocidio dei bianchi.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 13/03/2017 - 12:18

Per la prima volta in Francia si sta abbassando la statura media. Così come la vita media. Stiamo assistendo a un declino antropologico, oltre che a quello palese culturale. La Natura pare voglia eliminare popoli ormai spiritualmente già finiti. Sterili.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 13/03/2017 - 12:44

@giangol Ma che cavolo stai dicendo? Ma cosa c'entra? Non hai letto l'articolo vero? Oppure l'hai letto e non ci hai capito niente! Riassunto per i "non capenti". Veniamo a contatto con una moltitudine di sostanze presenti nel cibo o nei prodotti per l'igiene personale e non (ma anche nel vestiario) che danneggiano l'apparato riproduttivo maschile (minor fertilità, riduzione del testosterone, riduzione delle dimensioni del pene) e fanno emergere caratteri femminili (ingrossamento delle ghiandole mammarie). Gli afroclandestini non c'entrano nulla.

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Lun, 13/03/2017 - 12:44

Il problema della chimica simil-estrogenica che sta distruggendo il sesso maschile è assolutamente reale (i media italiani pare se ne siano accorti solo ora, dopo decenni che gli esperti lanciano l'allarme). Questo articolo,però, è scritto in una maniera vergognosamente misandrica. D'altronde non ci si poteva aspettare nulla di diverso da un'articolista sempre intenta a pubblicare spazzatura rosa e gossip vario. Che schifo.

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Lun, 13/03/2017 - 12:46

@Ausonio: apprezzo generalmente cosa scrivi, ma questa volta hai toppato alla grande. Cosa c'entra la pornografia? Qui si parla di chimica che interferisce con gli ormoni, non di ideologie religiose.

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Lun, 13/03/2017 - 12:58

E comunque c'è da aggiungere che, oltre al grave problema della chimica ammazza androgeni, esiste il grave problema del femminismo e di quello che sono diventate le femminucce moderne. Perché ad un uomo attira sempre meno aver a che fare con questo genere di femminucce nostrane iper-complessate, che si lamentano per tutte e che non sanno più fare le donne.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Lun, 13/03/2017 - 12:59

ELKID E' UN ESEMPIO LAMPANTE !!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 13/03/2017 - 13:07

Alberto86 - esistono studi scientifici che provano che l'abuso di pornografia porta CAMBIAMENTI NEL CERVELLO. Non parlano solo di "costumi", "calo del desiderio" ecc... stabiliscono prove su CAMBIAMENTI NEUROLOGICI.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 13/03/2017 - 13:09

Alberto - E' ormai assodato che quanto il corpo influenza la mente tanto la mente influenza il corpo. Quindi anche la cosiddetta chimica del corpo. Tutto è collegato. In ogni caso se fa qualche ricerca troverà informazioni. Io mi limito a riportare spunti.

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Lun, 13/03/2017 - 13:20

@Ausonio: cerca su Google "Contrordine: la pornografia sembra aumentare il desiderio sessuale" (sito Medicitalia).

venco

Lun, 13/03/2017 - 13:54

Attenzione agli alimenti moderni preconfezionati e dolci in genere, fanno male anche alla sessualità. Poi anche la pornografia rovina la sessualità, perché la rende banale.

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 13/03/2017 - 14:00

------ahahahha robocop2000---meno male che hai lo scafandro--così nessuno ti vede quando ti metti il rossetto---:):):)---non lo hai detto tu che quelli dei centri sociali non si lavano?---dunque non sono in contatto con queste sostanze chimiche swag

Beraldo

Lun, 13/03/2017 - 14:58

Carlo Foresta: "ma io trovo più preciso definirlo: un fallimento della mascolinizzazione". Una cosa del genere detta da un medico è grave. Nemmeno la peggior femminista direbbe una cosa del genere. Invece di affrontare il problema scientificamente, si passa direttamente al dileggio. Cialtroni. Infiniti cialtroni.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 13/03/2017 - 15:01

Alberto86 - mi pare evidente e logico il contrario : 1) chi si "soddisfa" in quel modo, perde stimolo a trovare una donna, 2) a furia di vedere quel genere di donne e "prestazioni" perde interesse per la realtà...

Beraldo

Lun, 13/03/2017 - 15:02

Il programma porta come titolo: "Ciao maschio". Cioè invece di ricorrere a soluzioni contro un problema medico oggettivo, sembrano accogliere la cosa con un tono di soddisfazione e dileggio. Uomini quando la smettiamo di farci prendere per i fondelli da sti cialtroni?

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Lun, 13/03/2017 - 16:42

@Beraldo: si chiama "Male-bashing" ed è martellante da anni. Sai quando finirà tutto ciò? Quando il sesso maschile prenderà coscienza della questione maschile e del problema femminismo e comincerà a creare associazioni per difendere i diritti maschili. Purtroppo la strada è ancora lontana, vista la massa di idioti maschi gino-sottomessi che ci circondano.

Beraldo

Lun, 13/03/2017 - 17:19

@Alberto86. La causa non sono né i gino-sottomessi né le isteriche femministe bensì specifici poteri che finanziano e commissionano l'agenda globalista a media e governi, per indebolire la forza di coesione dei popoli. Le donne hanno venduto l'anima ai globalisti in cambio di potere, sono state usate e si sono fatte usare per dividere la società.

Beraldo

Lun, 13/03/2017 - 17:30

E poi si chiedono pure perché la gente ha votato Trump. Aspettate che vi voto piddini, ma dovete aspettare per molto tempo, probabilmente per sempre.

disturbatore

Lun, 13/03/2017 - 17:36

Il maschio non si sta´, lo stanno femminizzando . Ci sono TV in Europa che del maschio travestito da donna ne fanno una filosofia . Strano che non ci sia uno stesso interesse per le donne che si trasformano in maschio. Molto probabilmente perche´una certa mafia femminile finanziata dal grande capitale , ha preso in possesso l´occidente . Vogliono distruggere l´Uomo e lo stanno facendo con Putin , con Erdogan , con Assad e tutto cio´che non si piega quando passa il rullo asfaltatore della societa´ svertebrata . Il Capitalismo ha bisogno di barriere per esitere ma devono essere mobili , spostabili a piacimento . IN questo il soggetto femminile si adatta perfettamente .

rudyger

Lun, 13/03/2017 - 17:39

Anche colpa delle donne. E' vero che io so mia ?

Una-mattina-mi-...

Lun, 13/03/2017 - 17:50

COLPA DEI POLITICI, SONO LORO CHE CI FANNO CADERE LE PALLE!

Beraldo

Lun, 13/03/2017 - 18:01

Non c'è bisogno che gli uomini si riuniscano in associazioni, basterebbe che smettessero di votare quei partiti che non possiedono una reale cultura del rispetto per le donne ma anche parimenti per gli uomini, e che fanno un uso fraudolento del concetto di uguaglianza, usandolo come cavallo di txxxa per perseguire l'esatto contrario, sotto dettatura.

Ritratto di giordano

giordano

Lun, 13/03/2017 - 19:13

............il clitoride si allunga..............

Anonimo (non verificato)

Ritratto di makko55

makko55

Lun, 13/03/2017 - 20:02

Fantastico...... fra vent'anni sarò considerato un superdotato! :-):-):-)

AndyCorelli

Lun, 13/03/2017 - 22:40

...come faceva la canzoncina??? No pago afito, non faccio opraio...se aggiungiamo il mancato uso di deodoranti e il non mangiare cibo in scatola in Hotel, il calo demografico è scongiurato!!!

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Lun, 13/03/2017 - 23:29

Tutta colpa delle scie chimiche e della sinistra radical chic italiana....no, forse la colpa principale è di chi sta al vertice della piramide di potere: il Governo Ombra Mondiale.

patrenius

Mar, 14/03/2017 - 08:29

Storia vecchissima sono decenni che si sa. L'indicatore? La distanza ano-genitale si sta azzerando. Avanti tutta con inquinanmento, sofisticazioni alimentari, droga e trasgrassioni. Fine

Ritratto di gammasan

gammasan

Mar, 14/03/2017 - 10:31

Nel PD si dice che sia colpa di Berlusconi.

giovinap

Mar, 14/03/2017 - 10:50

i polentoni sono stati sempre insufficienti in quel posto , sono stati i meridionali a far diventare la patania affollata .

Ritratto di luogotenente

luogotenente

Mar, 14/03/2017 - 12:20

Ausonio, hai fatto scompisciare dalle risate mio figlio, studente di medicina al 4° anno.

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 14/03/2017 - 12:55

E' una realta sotto gli occhi di tutti. Provate ad osservare bene i "ragazzi" d'oggi, più che maschi sembrano "signorine" da come si atteggiano a come si vestono e si comportano.