Sali minerali, alleati per il nostro benessere quotidiano

I sali minerali sono di vitale importanza per la salute del nostro organismo. La loro carenza può provocare stanchezza eccessiva, danni alle ossa e ai denti e dolori muscolari. Vi illustriamo quali sono i principali sali minerali e come farne il pieno

Senza sali minerali il nostro corpo non potrebbe vivere a lungo. La loro carenza può provocare seri danni al nostro organismo.

I principali sali minerali si dividono in due categorie fondamentali: i macroelementi che sono presenti in grandi quantità nel nostro organismo e sono il potassio, il magnesio, il calcio, il fosforo e i microelementi che invece, sono presenti in quantità ridotte (ferro, rame, selenio, manganese).

Attraverso una sana ed equilibrata alimentazione è possibile fare una scorta di essi. Di vitale importanza è il consumo regolare e costante di frutta e verdura. Soprattutto in estate, a causa dell’eccessiva sudorazione dovuta alle temperature alte, si corre maggiormente il rischio di esserne carenti. Di conseguenza ci si sente stanchi, spossati, privi di energia e con crampi ai muscoli e dolori alle articolazioni.

Ecco la lista dei sali minerali e degli alimenti che li contengono che non devono assolutamente mancare nella nostra alimentazione:

- Calcio: importante per la formazione delle ossa e dei denti e per la coagulazione del sangue. Il suo fabbisogno giornaliero di calcio è pari a 700 mg. È presente nel latte e nei latticini, nelle verdure a foglia larga, nel pesce, uova, legumi e frutta secca;

- Magnesio: importante per denti e ossa. Aiuta il metabolismo ad attivarsi efficacemente. Il suo fabbisogno giornaliero è pari a 150-500 mg. Fonte preziosa di magnesio sono i cereali integrali, le verdure a foglia larga e le noci;

- Fosforo: importante per il trasporto degli ormoni. La sua carenza provoca stanchezza e dolori alle ossa. Il fabbisogno giornaliero di fosforo è pari a 550 mg. È presente nel pesce come il merluzzo, l’orata e la spigola, nei latticini e nei cereali integrali;

- Potassio: utile per trasmettere gli impulsi nervosi e tenere sotto controllo la pressione. Il fabbisogno giornaliero di potassio è pari a 3 gr. Legumi, verdure a foglia verde, frutta fresca e latticini ne sono una ricca riserva;

- Sodio: mantiene funzionali i nervi. Il fabbisogno giornaliero è di 575-3500 mg. Le principali fonti di sodio sono i salumi, i formaggi e il sale presente nei cibi.

- Ferro: favorisce la formazione dell’emoglobina e il trasporto dell’ossigeno nell’organismo. Il fabbisogno giornaliero di ferro è di 9-20 mg. Presente nelle verdure, nella carne rossa e nei cereali integrali e legumi;

- Rame: facilita l’assorbimento del ferro nell’organismo. Il fabbisogno giornaliero di rame è di 1,1 mg. Le principali fonti di rame sono i molluschi, la carne, le verdure essiccate e il cacao;

- Zinco: utile per rafforzare il sistema immunitario. Il fabbisogno giornaliero di zinco è pari a 15 mg. Presente nel pesce, nella carne, nei cereali, legumi secchi e uova;

- Iodio: necessario per il buon funzionamento della tiroide. Per farne il pieno bisognerebbe mangiare molluschi, olio di fegato di merluzzo e latte;

- Fluoro: è di vitale importanza per la salute dello scheletro e dei denti. La carenza causa infatti problemi ai denti. Lo si può trovare nei frutti di mare, nel tè e nell’acqua minerale;

- Selenio: aiuta a contrastare i radicali liberi e rafforza il sistema immunitario. Il fabbisogno giornaliero di selenio è di 55 microgrammi. Le principali fonti di selenio sono carne, uova, frutti di mare e cereali;

- Manganese: facilita la crescita delle ossa. Il fabbisogno giornaliero di manganese è di 1-10 mg. Il tè è una fonte preziosa di questo sale minerale.