Scala, un concerto per arrivare al cuore dei bambini

Lunedì il maestro Esa-Pekka Salonen dirige l'orchestra Filarmonica della Scala in un concerto straordinario. Obiettivo festeggiare i 10 anni della fondazione «aiutare i bambini» e raccogliere fondi per potere operare al cuore 240 piccoli

Lunedì alle ore 21, sul podio del Piermarini il Maestro finlandese Esa-Pekka Salonen dirige l'orchestra Filarmonica della Scala, con la partecipazione del violino solista Leonidas Kavakos, in un Concerto Straordinario promosso dalla Fondazione «aiutare i bambini». L'occasione festeggiare i primi dieci anni di attività della fondazione e sostenere le proprie iniziative a favore dei bambini in difficoltà. L'originale programma accosta il Concerto in mi minore di Mendelssohn alle musiche tratte dal balletto L'uccello di fuoco di Stravinskij. (Biglietti: da 15 a 200 euro esclusi diritti di prevendita. Per informazioni, prenotazioni e prevendite telefoniche, con possibilità di pagamento con carta di credito, telefonare al numero 02 465.467.467. I biglietti sono disponibili anche sul circuito www.vivaticket.it).
I fondi raccolti saranno destinati in particolare al progetto «Cuore di Bimbi», che dal 2005 ha già salvato la vita di centinaia di bambini africani o asiatici gravemente cardiopatici, organizzando missioni di medici italiani specializzati per visitarli e operarli al cuore nel loro Paese o portandoli in Italia per operarli al Policlinico di San Donato Milanese o all'ospedale Malpighi di Bologna. Nel corso del 2010 grazie al progetto «Cuore di bimbi» saranno salvati altri 240 bambini.
La Fondazione «aiutare i bambini» Onlus è un'organizzazione senza scopo di lucro che si occupa, sin dalla sua costituzione, di aiutare i bambini poveri, ammalati, senza istruzione o che hanno subito violenze fisiche o morali, per dare loro l'opportunità e la speranza di una vita degna di una persona. A tale scopo la fondazione promuove e sostiene progetti e iniziative in tutto il mondo per dare accoglienza, assistenza sanitaria, istruzione scolastica e formazione al lavoro a bambini e adolescenti senza alcuna discriminazione di cultura, etnia e religione, operando nella convinzione che l'aiuto dato ai bambini bisognosi non dia sollievo soltanto a chi soffre, ma contribuisca anche al benessere dell'intera comunità, locale e globale. In dieci anni di attività, «aiutare i bambini» ha realizzato 674 progetti di aiuto a beneficio di oltre 650.000 bambini.