La scuola lombarda è prima in Italia E ora ha superato anche il Giappone

La scuola lombarda migliora, è sempre la migliore in Italia e supera i livelli di alcuni fra i paesi più avanzati. Lo confermano i dati Ocse sulla qualità dell’apprendimento scolastico, nella lettura del direttore regionale Giuseppe Colosio. La Lombardia si colloca al primo posto in Italia rispetto a tutte le aree oggetto di indagine: capacità di lettura: Media Ocse 493, Italia 486, Lombardia 522; Matematica Media Ocse 496, Italia 483, Lombardia 516; Scienze Media Ocse 501, Italia 489, Lombardia 526. La Lombardia dunque è al di sopra della media Ocse in tutte le aree di indagine e si discosta di poco dalle medie dei paesi in prima fascia (sopra 500 punti). Per esempio, nell’area “lettura” a livello internazionale Shanghai Cina ha ottenuto il punteggio medio più alto (556), mentre tra i paesi Ocse la Corea e la Finlandia si pongono a livelli di eccellenza con la media di 536 punti. La Lombardia con 522 punti supera la Nuova Zelanda (521), il Giappone (520) e l’Australia (515), rispettivamente posti al sesto, settimo e ottavo posto della classifica mondiale. Anche nella literacy matematica - sottolinea l’Ufficio scolastico regionale - la Lombardia è in testa alla classifica nazionale e supera la media Ocse, collocandosi anche al di sopra di paesi d’eccellenza come il Belgio (515 punti, in quattordicesima posizione) e la Germania (media 513, in sedicesima posizione). Nell’area scientifica, con 526 punti, la Lombardia si colloca di poco sotto l’Estonia (528 punti, nona in posizione), al di sopra della media tedesca (520, tredicesima in posizione) e alla pari con i Paesi Bassi (522 punti, in undicesima posizione).
«Il successo lombardo - secondo l’ufficio scolastico regionale - è ancor più significativo, rispetto ai dati regionali italiani, se si tiene conto che la scuola lombarda gode di finanziamenti più o meno in linea con le altre regioni, all’interno del sistema nazionale di governo della scuola italiana.