Sicilia, il Pdl avverte Lombardo: "Eviti furbizie"

I coordinatori nazionali Bondi, La Russa e Verdini al presidente della Sicilia: prima di definire la nuova giunta attendere le elezioni per arrivare poi a una "soluzione condivisa" con i vertici nazionali e regionali del Pdl. "Gli assessori nominati rifiutino l'incarico"

Roma - I coordinatori nazionali del Pdl invitano Raffaele Lombardo ad evitare "eccessi e furbizie" nel definire la nuova giunta regionale della Sicilia e ad attendere le elezioni per arrivare poi a una soluzione condivisa con i "vertici nazionali e regionali" del Pdl. È quanto si legge in una nota di Sandro Bondi, Ignazio La Russa e Denis Verdini.

Giudizio negativo "Il coordinamento nazionale del Pdl - si legge nella nota - conferma quindi il giudizio negativo sui modi e sui tempi con cui l’onorevole Lombardo ha affrontato il ripensamento sulla composizione della giunta che per primi avevamo e continuiamo a sollecitare, ma nelle forme utili per un rilancio dell’amministrazione siciliana. Senza la matassa polemica influenzata dal clima elettorale. Il coordinamento nazionale del Pdl rinnova quindi l’invito a operare, tutti, senza presunzione e facendo prevalere realmente gli interessi della Sicilia attraverso un necessario anche se faticoso lavoro di condivisione".

No a eccessi e furbizie Il coordinamento - proseguono Bondi, La Russa e Verdini - "indirizza nuovamente all’onorevole Lombardo l’invito a definire insieme un nuovo percorso senza eccessi nè furbizie, subito dopo le elezioni utilizzando questi ultimi otto giorni, dedicati alla campagna elettorale, per una pacata riflessione all’interno delle forze politiche che hanno consentito l’elezione a presidente regionale dell’onorevole Lombardo".

Decisioni condivise "In ogni caso - sottolineano i tre coordinatori nazionali del Pdl - nessuna delle soluzioni che prima delle elezioni venisse autonomamente assunta dal presidente Lombardo o, in ipotesi, da singoli deputati regionali, potrà trovare accoglimento nemmeno come soluzione transitoria o potenziale senza una intesa e condivisione con i vertici del Pdl. In definitiva, spetterà al coordinamento nazionale del Pdl, di intesa con i coordinatori regionali e i capigruppo, valutare ogni prospettazione nei tempi da noi preannunciati". 

La Russa: "Chi entra nella nuova giunta è fuori dal Pdl" Chiunque aderisca alla nuova Giunta che il presidente della Regione Sicilia Raffaele Lombardo sta formando sarà escluso dal Pdl. Lo ha confermato oggi il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, in visita a Torino dove ha partecipato al comizio elettorale a sostegno della candidata del Pdl Claudia Porchietto. "Nessuno dei nomi che Lombardo ha preteso autonomamente di scegliere, e non mi piace - ha aggiunto uno dei tre coordinatori del Pdl - che abbia inteso dividere in quelli che ha già scelto e quelli da indicare, nessuno, ribadisco, ha potuto né può aderire senza una autoesclusione dal Pdl, ma al massimo cortesemente ringraziando e riservando ogni decisione alla valutazione degli organi centrali e regionali del Pdl".