Sicilia, il Pdl: "No a iniziative non autorizzate"

I coordinatori del Pdl bloccano l'iniziativa di un nuovo partito in Sicilia: &quot;Viola il <em>copyright</em> sul
nome e simbolo del Popolo delle Libertà&quot;. Miccichè: &quot;Non sono uno <em>yesman</em>&quot;. E domani si costituirà all’Ars il Pdl Sicilia

Palermo - Il Pdl Sicilia viola il copyright sul nome e simbolo del Popolo delle Libertà: i promotori dell’iniziativa dunque rinuncino. E' la diffida che il coordinamento nazionale del Pdl rivolge all’ala del partito siciliano che ha dato vita al nuovo gruppo. Ma il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianfranco Miccichè, avverte: "E' il nostro Aventino, non sono uno yesman". E domani si costituirà all’Ars il Pdl Sicilia.

Lo stop dei coordinatori "Il Coordinamento nazionale, preso atto della situazione siciliana - scrivono in una nota i coordinatori Ignazio La Russa, Sandro Bondi e Denis Verdini - invita i promotori del Pdl Sicilia a soprassedere dall’iniziativa, poiché simbolo e nome relativi al Popolo della Libertà sono nell’esclusiva disponibilità del partito e la costituzione di un gruppo Pdl può essere autorizzata solo dal partito stesso". I tre coordinatori del Pdl, comunque, "convocheranno quanto prima a Roma gli esponenti politici che intendono dar vita a questa iniziativa per trovare una soluzione che risolva ogni controversia".

La mossa di Miccichè "Rimango fedele e leale a Silvio Berlusconi e non potrebbe essere altrimenti. Ma, come sempre, proprio in nome di questa autentica lealtà, mi assumo la responsabilità di non vestire nei suoi confronti i panni dello yesman e di lavorare, anche immaginando percorsi diversi, però mai alternativi, affinchè il suo sogno, di un centrodestra forte e invincibile, possa continuare e non si sgretoli sotto i colpi dell’approssimazione e della miopia politica". È quanto si legge nell’ultimo post di Sud, il blog del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianfranco Miccichè, a proposito della nascita del Pdl Sicilia all’ Assemblea regionale siciliana. "Questo è il nostro Aventino - prosegue Miccichè - il Pdl Sicilia nasce per questo: per dire no al duo Castiglione-Nania (coordinatori Pdl in Sicilia, ndr) e alla loro gestione assolutamente fallimentare. Altro che ribelli e lealisti. Il nostro è un atto di pura lealtà". Miccichè ricorda che "c’erano dissidi, contrasti, diversità di vedute e faide anche dentro Forza Italia, ma mai il partito si è mostrato disunito nei momenti importanti, mai s’è spaccato dinanzi alle scelte cruciali per il presente e per il futuro dell’isola; una funzione che il Pdl siciliano ha inesorabilmente smarrito".