Sorpresa: studenti sul palco

Da oggi e fino a domenica il Litta apre le porte a LAIVaction, un festival d'eccezione dove, ad avvicendarsi sui palchi del teatro, non saranno attori o musicisti professionisti ma studenti delle superiori, al loro debutto nel mondo dello spettacolo grazie al progetto Laiv (Laboratorio delle arti interpretative dal vivo). Il programma prevede spettacoli teatrali e musicali ma anche contaminazioni tra le due arti: dalla musica elettronica alla musica popolare, dalla drammaturgia contemporanea a quella classica, passando per danza e canto.
Promosso dalla fondazione Cariplo, in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale per la Lombardia, Laiv ha come scopo quello di aprire gli istituti a discipline spesso trascurate nel curriculum di studi. «L'idea è nata dalla constatazione che a scuola mancano insegnamenti fondamentali come la musica e il teatro, abbiamo lanciato la proposta a tutte le scuole secondarie di secondo grado della Lombardia e ne abbiamo selezionate 34 cercando di coprire le varie zone e le diverse tipologie di istituto - spiega Chiara Bartolozzi, responsabile del progetto -. A gennaio del prossimo anno lanceremo un nuovo bando, aperto anche alle province di Novara e Verbania, per dei laboratori di durata triennale in cui le scuole saranno chiamate a collaborare con enti teatrali e musicali».
Maurizio Sciuto, insegnante di musica presso l'Istituto professionale W. Kandinsky e l'Istituto magistrale G. Agnesi di Milano, è uno dei docenti che hanno aderito con entusiasmo. «La scommessa più grande è stata quella di coinvolgere i ragazzi del professionale, molti di loro prima di gennaio non avevano mai suonato gli strumenti con cui si esibiranno domani - racconta -, ma hanno frequentato con costanza le lezioni pomeridiane, prima individualmente e poi tutti insieme».
Il gruppo Bandakandisky presenterà, oggi alle 15, un brano di musica latino-americana, frutto di un laboratorio in cui i ragazzi hanno esplorato strumenti acustici ed elettrici, dalla chitarra alla batteria, mentre l'Agneseorchestra eseguirà un brano di musica sinfonica con citazioni di Beethoven, domani alle 16.45. «Il Laiv è un primo importante passo - dice il professore-. La speranza è che sempre più scuole, sfruttando le possibilità derivanti dall'autonomia scolastica, scelgano di inserire l'insegnamento della musica e delle arti performative nell'offerta didattica».
LAIVaction
16-17-18 maggio
Teatro Litta
Info: 02.6239511/507