Sosta gratis per residenti sulle strisce blu

In arrivo 5.300 nuovi posti nelle aree dove è più difficile lasciare l’auto: escluse le strade con molti negozi, cinema e teatri

Parcheggio gratis sulle strisce blu. Una fortuna che dal prossimo autunno toccherà ai residenti dei tre sottoambiti 12, 13 e 21. Ad annunciarlo l’assessore comunale alla Mobilità Edoardo Croci, precisando meglio chi sono i destinatari di tanta generosità da parte di Palazzo Marino: i residenti di Buenos Aires, Buenos Aires-Bacone e Washington. Questo provvedimento, precisa Croci, «risponde alle esigenze della sosta dei residenti in un’area caratterizzata da alta densità abitativa».
Grazie alla nuova disciplina della sosta che scatterà dal prossimo autunno, infatti, salteranno fuori oltre 5.300 nuovi posti per residenti. Chi abita nelle tre aree, dunque, potrà parcheggiare tranquillamente senza dover acquistare il «gratta e sosta» anche nei parcheggi delimitati dalle strisce blu. La nuova disciplina entrerà in vigore solo dopo l’integrazione dell’apposita segnaletica stradale che indicherà in quali vie i residenti potranno approfittare delle nuove regole.
Il provvedimento, oltre a far fronte alla crescente domanda di parcheggio da parte dei residenti, risponde anche all’invito di una mozione comunale presentata dai consiglieri del centrodestra che invitava l’amministrazione Moratti a modificare la disciplina della sosta attualmente in vigore, prevedendo la gratuità della sosta sulle strisce blu per i residenti nei tre sottoambiti. Dopo uno studio effettuato dall’Agenzia della Mobilità e ambiente del Comune, l’assessore Croci ha deciso di escludere dall’ordinanza alcune vie commerciali caratterizzate oltre che dalla presenza di negozi, anche di cinema, teatri e locali in cui la domanda di sosta si mantiene costante anche durante le giornate festive e le ore serali.
Tra le vie esclude dalla deroga: viale Brianza, (parterre Centrale da Via Monte Pulciano a Piazzale Loreto), corso Buenos Aires, via Petrella (da via Tadino a corso Buenos Aires), via Vitruvio (da via Tadino a Buenos Aires), via Casati (da via Tadino a Buenos Aires), via Pecchio, via Stradivari, via Spontini, via Plinio (da via Morgagni a via Lima), via Palazzi (da via Tadino a corso Buenos Aires), largo Settimio Severo, via Cimarosa (da via Polibio a Corso Vercelli).
La bella notizia in realtà è il frutto di un cammino partito lo scorso inverno: Forza Italia e An avevano presentato, infatti, una mozione che chiedeva che i residenti dall’interno della cerchia dei Bastioni potessero parcheggiare gratis anche nelle strisce blu. Il motivo? Il numero insufficiente di posti auto a fronte dell’alta densità abitativa. L’assessore alla Mobilità Edoardo Croci aveva detto che si sarebbe potuto fare. Ed ecco la risposta.
Per andare incontro alle richieste contenute nella mozione e per far fronte all’effettiva penuria di parcheggi, forse il privilegio della sosta gratuita nell strisce blu, quelle cioè a pagamento, potrebbe venire estesa anche ad altre zone, comprese nella cerchia dei Bastioni.