Anche Alessia Marcuzzi sostiene il movimento contro il body shaming

Sono ormai diverse le celebrità che si stanno spendendo nella battaglia contro il body shaming online e da poco si è aggiunta anche Alessia Marcuzzi, ormai da giorni schierata contro gli odiatori seriali dei social

L'estate 2019 è all'insegna della lotta contro il body shaming per i volti noti. Dopo la campagna avviata da Valentina e Chiara Ferragni, un'altra donna molto conosciuta e influente ha fatto sentire la sua voce sui social. È Alessia Marcuzzi, che negli ultimi giorni sembra aver intrapreso una vera e propria battaglia contro gli odiatori seriali. Dopo i post polemici sulle frasi più comuni lasciate nei commenti da chi la critica per ogni sua azione, la Marcuzzi ha postato una nuova serie di immagini palesemente ritoccate male con Photoshop.

Quella della conduttrice dell'Isola dei Famosi non è in realtà una mossa originale ma è sulla scia del post pubblicato da Elisabetta Canalis, che a sua volta si è ispirata al seguitissimo profilo di Lele Pons, famosissima youtuber venezuelana seguita da oltre 35 milioni di persone su Instagram. Il senso dei post di Alessia Marcuzzi è stato però frainteso e la donna è dovuta intervenire per spiegare le sue intenzioni ma ha fatto di più e si è unita a Chiara Ferragni e a sua sorella Valentina nella lotta che da qualche settimana hanno intrapreso contro il body shaming, pratica sempre più frequente.

Le parole di Alessia Marcuzzi, ormai conduttrice di lungo corso, sono state molto dure: “Alcuni commenti mi fanno davvero ridere per la loro assurdità. Ma io sono grande, grossa e strutturata. Pensate però a chi è più giovane e vuole sentirsi libero di postare sui propri social senza dover pensare se si è troppo magri o troppo grassi o sufficientemente belli. Ma che cosa assurda è? Ma che goduria si prova nell'insultare???” La Marcuzzi poi continua rivolgendosi direttamente alle donne, facendo un appello per un clima di maggiore solidarietà: “E poi noi donne, noi che siamo delle creature meravigliose... Ma quanto potremmo essere più belle e più sicure di noi se imparassimo a supportarci e a tenderci la mano?” Anche la conduttrice nel suo post utilizza l'hashtag #bodyshamingisforloosers, diventato un emblema di questo che sta assumendo tutti i contorni di un movimento social.