Gli studenti britannici contro Kant e Voltaire: "Bianchi e colonialisti"

Un sindacato universitario vorrebbe toglierli dai programmi, a favore di africani e asiatici

Immanuel Kant, si scopre oggi, aveva un difetto: era bianco. Anche Cartesio era bianco. Anche Platone, se qualcuno non ci avesse pensato prima. E Voltaire, padre dell'Illuminismo in un mondo di colonizzatori (bianchi). È un modo, giusto per rimanere nello schema di ragionamento del politically correct, discriminatorio di considerare i filosofi? No. È un modo innovativo, è l'approccio di studenti che «tengono davvero» ai loro studi, alla loro preparazione, al nutrimento delle loro menti (che in effetti sembrano avere bisogno di un po' di foraggiamento, su questo non hanno torto). Gli studenti in questione, gli scopritori dell'indole bianca e colonizzatrice di Kant, Voltaire e di tutti i pilastri della filosofia occidentale, sono quelli che frequentano la Soas, School of Oriental e African Studies, una università di Londra. Il loro sindacato ha promosso una campagna per chiedere che i suddetti pensatori non siano più di rigore nei loro curriculum. O meglio, che siano studiati solo quando «necessario» (ma quando è «necessario» leggere un filosofo, e in relazione a quale obiettivo? E sono gli studenti a stabilirlo?) e, in quel caso, «da un punto di vista critico», per esempio approfondendo «il contesto colonialista in cui i filosofi del cosiddetto Illuminismo scrivevano» («cosiddetto»?); e che, in ogni caso, la «maggior parte dei filosofi» affrontati nei loro corsi siano originari dell'Africa o dell'Asia. Che non siano bianchi. Che non appartengano a quella cultura colonizzatrice che il sindacato ha nel mirino, perché il progetto, ben più ampio rispetto a svicolare banalmente dalla lettura della Critica del giudizio, che comunque non è un impegno da poco, è di «decolonizzare» l'ateneo e «affrontare l'eredità strutturale ed epistemologica del colonialismo» (ma non è che l'aggettivo «epistemologica» appartiene a una tradizione di pensiero bianca e colonizzatrice?).

I quotidiani britannici si sono scandalizzati. E questo, secondo il Guardian è colpa della visione ristretta della «stampa di destra», che se l'è subito presa con i giovani, la generazione snowflake, cioè i «fiocchi di neve» che sono molto correttamente sensibili, che si offendono facilmente, si scontentano ancora prima, e imparano... vabbè, questo è un altro discorso. Di questo si sta già occupando il Governo, con un progetto di legge per l'istruzione superiore che prevede nuovi standard di valutazione degli istituti: al primo posto, la soddisfazione degli alunni. In pratica, le scuole superiori e le università dovranno rispondere alle richieste dei ragazzi, per quanto assurde possano sembrare. E in questo gli studenti della Soas non è che volessero sfigurare, quindi hanno pensato di assestare un bel colpo alla concorrenza, prima ancora di cominciare la gara. Secondo il Guardian, però, gli studenti hanno le loro ragioni: visto che studiano il mondo orientale e africano, «ha veramente senso» che vogliano studiare il pensiero africano e orientale, e non quello europeo. Anzi, «non è chiaro quanto sarebbe perso» (non è chiaro al commentatore, Tom Whyman). Tutto questo «scandalo» sarebbe stato prodotto da «studenti che sono profondamente interessati ai loro corsi e si preoccupano con passione di quello che studiano». Conclusione: «Come educatori abbiamo il dovere di rispondere e nutrire questa passione».

Roger Scruton, il filosofo (bianco, occidentale e pure conservatore, assolutamente non da curriculum della Soas) sul Mail on Sunday ha detto che le richieste degli studenti indicano «ignoranza»: «Non puoi escludere un intero ambito di sforzi intellettuali senza averlo studiato e, chiaramente, loro non hanno studiato quella che chiamano filosofia bianca». Forse un ragionamento troppo (filosoficamente) bianco; la direttrice del dipartimento di studi religiosi e filosofici della stessa Soas ha detto che il punto di vista del sindacato studentesco è «abbastanza ridicolo». Invece una delle vicedirettrici della Scuola ha difeso la discussione «informata e critica» sui programmi, come «parte sana e appropriata dell'impresa accademica». Si dice che uno dei motti di Kant fosse: «Dico solo ciò che penso; ma non dico tutto ciò che penso». Chissà che cosa penserebbe, a questo punto.

Commenti
Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 12/01/2017 - 08:24

trovate un filosofo africano dopo avicenna ed averroe', se ne siete capaci.

Ritratto di centocinque

centocinque

Gio, 12/01/2017 - 08:50

imbecilli! leggete "the burden of the white man" di Kipling e imparate qualche cosa.

cgf

Gio, 12/01/2017 - 08:58

Conoscendo come sono nella maggioranza gli studenti inglesi, i quali già faticano ad esprimersi in lingua madre e poca voglia di studiare, ancor meno che altrove, mi sembra più una scusa. Ma vogliono davvero rinnegare le origini, pardon, cambiare? Well, così come Shakespeare lo si apprezza al meglio in inglese [arcaico] ed i padri della filosofia ellenica in greco [antico] anche Confucio e Siddhārtha Gautama (filosofo e fondatore del buddismo) dovrebbero essere letti in lingua originale.

chebarba

Gio, 12/01/2017 - 09:16

con questa storia dei bianchi si stanno fumando il cerbvello. il pensiero umano l'interrogarsi sull'infinito e sull'uomo prescindendo da spiegazioni unicamente religiose e ricorendo all'etica, alla ragione e al senso dell'uomo sono caratteristiche nate con il pensiero ellenico, romano e poi rinata con antropocentrismo rinascimentale fino ai lumi all'etica hegeliana, all'essere e il no essere per arrivare alla psicoanalisi ecc ecc. ora questo sviluppo di pensiero è tipico occidentale e dell'oriente estremo (giappone e cina) cosa centri l'africa lo sanno solo questi studenti politicamente corretti che per quanto la filosofoa possa sembrare inutile avrebbero proprio bisogno di rileggere tutti i classici latini e greci per capire cosa sono da dove arrivano e interrogarsi su dove vanno da qui possono ricomprendere e comprendere anche l'africa nera, l'animismo, credenze tribali, maori, indios ecc ecc

cecco61

Gio, 12/01/2017 - 09:57

La distruzione di una cultura millenaria prosegue, grazie alle sinistre mondiali, che vogliono il mondo intero nella completa ignoranza in modo da poterlo controllare come meglio credono. Non sorprende quindi che anche la filosofia venga presa di mira. Uno degli esempi più eclatanti è la musica: oggi sei "in" se ascolti musica tribale, che fa schifo, è monotona e alienante, è un ripetersi infinito di bum, bum e ancora bum. I cosiddetti "alternativi" vanno in estasi (spesso però con l'aiuto di qualche additivo chimico) ed è inutile ricordargli che anche i nostri antenati hanno fatto le stesse cose, diverse migliaia di anni fa, ma che poi ci siamo evoluti e abbiamo partorito le Sinfonie. Niente da fare: non capiscono.

Lapecheronza

Gio, 12/01/2017 - 11:25

Scusate ma quali sono i filosofi africani oltre Avicenna che nella faceva il medico e non il filosofo.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 12/01/2017 - 11:32

@mvasconi 8:24:....concordo!!Con il rogo dei libri di Averroè nel XII secolo,l'ISLAM ha "suicidato l'intelletto",ha effettuato la cosiddetta "de-ellenizzazione",si è distaccato dalla relazione "causa-effetto",sostituito "Giustizia e Ragione",con "Volontà e Potere",...Chiaro che in questo "contesto",Kant e Voltaire,stanno loro "stretti"(diciamo che fanno a pugni...)....Sono indietro di 800 anni!!!Poi i "progressisti" parlano di "integrazione",di "multiculturalismo",di "belinate" del genere!!!....La strada di LONDONISTAN è ormai aperta,ed il "nulla" avanza!!!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 12/01/2017 - 11:39

@cecco61:concordo!....Si,non capiscono,e.... purtroppo,il fenomeno coinvolge la stragrande maggioranza degli europei!!!

rocky999

Gio, 12/01/2017 - 11:43

"CAPRE, CAPRE, CAPRE!" cit.

routier

Gio, 12/01/2017 - 13:09

Le cronache antiche ci raccontano che intorno alla metà del primo millennio il Califfo Omar III° a proposito della biblioteca di Alessandria (ricca di oltre settecentomila scritti afferenti la quasi totalità delle civiltà pregresse), disse: "Se quei libri sono in accordo con il Corano , non abbiamo bisogno di loro ; e se questi si oppongono al Corano , dobbiamo distruggerli, pertanto vanno comunque bruciati". Gli studenti inglesi che non amano Kant e Voltaire sono serviti!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 12/01/2017 - 14:40

@routier:mi fa piacere che sia d'accordo!!