Umberto Tozzi: "Voglio un mondo gestito dalle donne"

Umberto Tozzi si racconta in un'intervista a Radio Club 91: parla di donne, delle sue origini, del nuovo disco, ma non dimentica il collega scomparso Pino Daniele

Prima le ha cantate - e le canta ancora - attraverso l'amore, il rispetto, la passione. Oggi le mette su un piedistallo per la loro forza. In un'intervista per Radio Club 91, il cantautore Umberto Tozzi si è raccontato attraverso una serie di pensieri e dettagli inediti sulla sua vita. Primo tra tutti il desiderio che il mondo venga gestito dalle donne.

"Voglio un mondo gestito dalle donne, quello degli uomini ha fallito e non mi piace più. Chi partorisce ha rispetto degli altri - ha detto l'autore di Gloria - Le donne hanno un'umanità che travalica quella degli uomini. Le donne che hanno la facoltà di partorire conoscono il valore di avere un figlio e credo che abbiano più rispetto agli altri. Sono più vicine alla pace che alla guerra".

Il cantautore è reduce dall'Australia ed è tornato a fare musica dopo tre anni di silenzio. Il nuovo album si intitola "Ma che spettacolo". Tuttavia, i fan dovranno attendere per il suo tour la prossima primavera: ci sono scalette da riordinare ma anche nuovi pezzi che si avviano a diventare nuovi classici della canzone italiana che vale la pena inserire, oltre agli immancabili evergreen che hanno reso Tozzi un pezzo fondamentale del cuore degli italiani.

Tozzi ha raccontato anche delle sue origini: nato a Torino da madre beneventana e padre pugliese, si sente più del sud che del nord, e si sente anche un po' superstizioso. Ma quando pensa a Napoli, la mente corre al collega scomparso Pino Daniele. "Pino Daniele - ha aggiunto - ha scritto le canzoni più belle di sempre e penso che lui abbia avuto il cuore e la sensibilità più vicina alla città."

Commenti
Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Gio, 26/11/2015 - 14:54

Mancava ,ma adesso abbiamo anche quello: il "Tozzi pensiero" . S'è stancato di cantare !!

filger

Gio, 26/11/2015 - 15:16

grandissimo artista e nuovo cd stupendo. grande Tozzi!

Malacappa

Gio, 26/11/2015 - 21:50

Anch'io sopratutto se sono buone.

giovauriem

Ven, 27/11/2015 - 08:07

io no !

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Ven, 27/11/2015 - 11:08

E noi un mondo senza dementi.

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 27/11/2015 - 11:17

Da donne tipo Camusso, Boldrini e Rosi Bindi?

flashpaul

Ven, 27/11/2015 - 17:16

Un mondo gestito dalle donne? Se sono donne come la Boldrini, la Kyenge, la Morgherini, la Boschi, la Serracchiani, la Lorenzin e tutte le donne di sinistra, o democratiche in USA, Dio ce ne scampi. Sono ubriache di ideologia, non hanno il senso della realtà e trattano la vita come se fosse un fatto meramente materialistica. Peggio degli uomini. Ma non si può dire di volere un mondo governato da persone libere da ideologie politiche e religione ma che si distinguono per saggezza, umanità e lungimiranza?

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 27/11/2015 - 22:28

Bravo cantante e compositore pop, figlio di uno dei massimi tenori della lirica italiana.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Ven, 27/11/2015 - 22:36

@flashpaul- Sono d'accordo con lei. E ribadisco che oggi le donne che si danno alla politica sono le peggiori.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Sab, 28/11/2015 - 10:30

Euterpe - Per forza, quelle oneste stanno alla larga da certi giochetti di palazzo.

Luigi Farinelli

Sab, 28/11/2015 - 11:23

Ecco un altro tipico prodotto delle ideologie "progressiste" che hanno infettato la società: appartiene alla categoria "maschi pentiti", poveri diavoli convinti a suon di cifre taroccate, leggende metropolitane e manipolazioni storiche che il maschio occidentale sia il prototipo della violenza (favorendo così anche le tesi terzomondiste che hanno messo già in crisi Paesi come quelli scandinavi e che ora minacciano l'intera Europa). Atteggiamenti cresciuti all'ombra di ideologie create a tavolino come quella radical-femminista anti-famiglia, anti-natalista, abortista e anti-maschio e, da ultimo, il gender, la più infame, per innescare una rivoluzione antropologica dove sarà il cervello maschile soprattutto ad essere schiacciato per arrivare all'aberrante androgino previsto per la futura società di imbelli eunuchi schiavi del sistema.

Ritratto di Giano

Giano

Sab, 28/11/2015 - 12:39

Bravo Farinelli, perfetto.

gurgone giuseppe

Sab, 28/11/2015 - 12:55

Sicuramente è vero che le donne non hanno niente da invidiare agli uomini in fatto d'intelligenza e capacità professionali. La parità di diritti che ne ha permesso l'inserimento in tutti gangli delle strutture politiche e sociali, prima appannaggio degli uomini, ha fatto sì che ne assumessero anche i difetti. Personalmente ho sperimentato che una donna di potere può essere anche enormemente peggiore di un uomo con lo stesso potere. Quindi ridicola la sviolinata di Tozzi alle donne.

SiamologiciPerdiana

Sab, 28/11/2015 - 13:05

Bravo Umbertein, Tuo cugino Franco

Maver

Sab, 28/11/2015 - 17:58

E' la parola voglio che stona. Un conto è augurarsi che il tal evento si verifichi, un conto sono i toni autoritari. Il mondo, egregio Sig.Tozzi non è mica suo.

Ritratto di magicmirror

magicmirror

Dom, 29/11/2015 - 09:10

non ha torto.

Ritratto di Giano

Anonimo (non verificato)