Formula 1, Vettel: possibile e inaspettato ritiro a fine 2019?

Secondo voci raccolte dalla stampa inglese nel paddock di Monte Carlo, il campione tedesco potrebbe lasciare a fine anno: scatta il toto-nomi ripescando da piloti già menzionati in passato

Sebastian Vettel non ha iniziato il campionato 2019 nella maniera auspicata: lasciato alle spalle il sesto gran premio stagionale, il bottino recuperato finora è risultato piuttosto magro.

L’inatteso secondo posto ritrovato a Monaco è il miglior risultato di un’annata che lo ha visto sul podio tre sole volte, sempre alle spalle almeno delle Mercedes. Al quinto anno di permanenza a Maranello, dopo due secondi posti mondiali e gli apparentemente ottimi test pre-stagionali di Barcellona, l’umore era alle stelle: auto “quasi perfetta”, così era da lui stesso stata etichettata la SF90.

Nella sua mente, si era materializzato probabilmente il ricordo delle gesta di Michael Schumacher: quattro anni di sofferenze, poi la marcia trionfale. Ma la speranza di emulare le imprese del connazionale è naufragata quando si è iniziato a fare sul serio, con l’inizio della stagione.

Così in questi mesi le voci nel paddock hanno cominciato a circolare, mentre il campione tedesco per sua stessa ammissione si è giustificato: “Non sto guidando al mio meglio, me ne rendo conto. Bisogna avere fiducia nella monoposto, e io ancora non ce l’ho”.

Parole di un mese fa circa, dopo il Gran Premio di Baku: da quel momento in pratica, si sono susseguite due correnti di pensiero.
La prima, vede un possibile scambio di volanti tra Hamilton e Vettel: il campione tedesco guiderebbe una vettura nazionale, con grande attesa da parte del suo pubblico.
La scuderia Mercedes infatti, sembra non venir percepita dai suoi connazionali come tedesca: le due sedi inglesi, Hamilton, l’austriaco Toto Wolff, non aiuterebbero. Il ritorno di un pilota germanico, come Rosberg anni fa, sarebbe una panacea mediatica: dal lato personale Vettel più volte è stato visto in sintono con Wolff e riprenderebbe fiducia e autostima.
Hamilton coronerebbe quello che inevitabilmente è un sogno per tutti i piloti: guidare una Rossa di Maranello e magari vincere.

La seconda voce che circolava nel paddock a Monaco, raccolta dalla stampa inglese in particolare, è ancora più incredibile: Vettel starebbe pensando di ritirarsi a fine 2019, chiudendo la sua carriera anticipatamente.

Il pensiero sarebbe nato come conseguenza degli eventi: l’impossibilità attuale di vincere un campionato, la pressione mediatica nel correre con la Ferrari, la concorrenza agguerrita di Leclerc. Come per Rosberg prima di lui, sarebbe inutile andare avanti.

Uno scenario simile per certi versi a quello di Fernando Alonso, dopo le delusioni di Ferrari e McLaren: di certo non sarebbe lusinghiero per Maranello, vedere due pluricampioni del mondo andarsene senza aver potuto conquistare un titolo con la monoposto del Cavallino Rampante.

Sempre restando nel campo delle ipotesi, ha cominciato quindi a riproporsi il fantamercato sui possibili sostituti: Sergio Perez, Kevin Magnussen, Romain Grosjean e Valtteri Bottas sono quelli attualmente citati, con il messicano più volte nel corso degli anni accostato alla Ferrari.

I prossimi mesi e risultati probabilmente delineeranno i pensieri e le scelte di Vettel: per ora l’unica certezza, è quello che lo vede prima guida di Maranello senza troppi giri di parole. Con buona pace di Leclerc, il cui box comincia a sembrare stretto. Sempre secondo il brusio dei box.

Commenti

agosvac

Mar, 28/05/2019 - 15:14

Parlare di queste cose con ancora ben 15 GP da disputare mi sembra solo inconcludente. Certo la Ferrari non è dove sperava di essere, ma ancora si può recuperare. In fondo Vettel ha 55 punti meno di Hamilton , differenza che più di una volta è stata recuperata anche con meno gare di fronte. Aspetterei ancora qualche GP prima di sparare sentenze!

machimo

Mar, 28/05/2019 - 21:37

È meglio se se ne va subitooooo. Sto bidone