Pallone d'Oro, frecciata di Modric a Ronaldo: ''Bisogna esserci anche quando non si vince''

Il campione croato punge Ronaldo: ''Quando non vinci per rispetto devi comunque essere qui, perchè una notte come questa è una celebrazione del calcio''

''Il calcio è rispetto. Bisogna esserci anche quando non si vince'' le parole di Luka Modric indirizzate all'ex compagno di squadra Cristiano Ronaldo, assente alla premiazione del Pallone d'Oro.

Si parla sempre di Ronaldo, che ha disertato la kermesse parigina ed è stato premiato miglior giocatore della Serie A al Gran Galà del Calcio Aic. Nella notte di Parigi che incorona Leo Messi, è Luka Modric a lanciare una frecciatina al grande assente. Come riporta Marca, a precisa domanda riguardo la mancata presenza del sette bianconero, il calciatore del Real Madrid ha dichiarato: ''Io parlo solo di me stesso. Sono felice di essere qui e credo che quando si parli di calcio si tratta di rispetto. Quando non vinci, per rispetto, devi comunque essere qui, perchè una notte come questa è una celebrazione del calcio stesso. Ecco perchè sono qui, per mostrare rispetto. È molto semplice"​.

Per mostrare rispetto e per festeggiare il calcio, Modric ha consegnato lui stesso il premio alla Pulce come Pallone d’Oro uscente. Un qualcosa che lo scorso anno non è avvenuto, visto che anche nel 2018 Cristiano Ronaldo era assente alla premiazione, dopo aver trionfato sia nel 2016 e nel 2017. E anche quando si parla riguardo la possibile tradizione del passaggio di consegne, il campione di Zara non risparmia un'altra stoccata al portoghese: ''Sono qui per festeggiare il calcio, gli ho dato il premio e mi sono congratulato con lui. Sono felice di essere qui. Può essere una buona tradizione per il vincitore venire ogni anno per consegnare il premio al nuovo vincitore. Siamo rivali ma prima di tutto c'è rispetto. Devi goderti il calcio e basta, come in altri sport in cui ci sono grandi atleti e mostrano rispetto. Dobbiamo seguire la sua linea nel calcio".

Intanto la Vecchia Signora si schiera compatta a difesa del suo fuoriclasse. Se il direttore sportivo Fabio Paratici aveva scelto una linea morbida: ''Ronaldo per noi meritava di vincere il Pallone d’Oro, poi questi sono premi con classifiche opinabili'', Giorgio Chiellini picchia duro: ''Il furto del Pallone d’Oro è stato l’anno scorso. Non doveva vincerlo Modric, al massimo Pogba o Griezmann''. Non ha dubbi il capitano bianconero che a margine del Gran Galà del Calcio Aic ha dichiarato: ''Lo hanno dato a lui solo perché il Real non voleva che andasse a Ronaldo. Quest’anno doveva vincere uno del Liverpool, scegliere tra Messi e Ronaldo è come scegliere tra Federer e Nadal''. In attesa di ritrovare il vero Ronaldo in campo, magari già dalla trasferta dell'Olimpico alla Lazio, quello sì che serve davvero alla Juve.

Segui già la nuova pagina sport de IlGiornale.it?

Commenti

Giorgio5819

Mar, 03/12/2019 - 18:11

Non é automatico che uno bravo coi piedi sia anche un uomo... Il commento di Modric é sacrosanto.