Sputa contro La Russa, da un senatore del Pdl pugno a un anarchico

Un anarchico spagnolo ha tentato di aggredire il ministro della Difesa durante una passeggiata elettorale per i carrugi del capoluogo ligure, ma è stato bloccato dal senatore Giorgio Bornacin

Genova - Parapiglia nei carrugi del centro storico di Genova. Nel tentativo di difendere il ministro della Difesa Ignazio La Russa dall’aggressione di un giovane contestatore, durante la passeggiata elettorale, il senatore Giorgio Bornacin ha sferrato un pugno all’aggressore, mentre gli uomini della scorta lo mettevano in un angolo contro la vetrina di un negozio. Secondo alcune fonti tutto sarebbe stato scatenato da uno sputo del contestatore rivolto al ministro e reggente del Pdl.

Anarchico spagnolo pregiudicato Nel marsupio dell’uomo i carabinieri hanno poi trovato due cacciaviti e un tronchese. L’aggressore è stato accompagnato in caserma per l’identificazione: si tratta di un anarchico spagnolo, S.J.A. sulla trentina, da anni residente in Italia, pluripregiudicato. L’uomo fu arrestato in passato per fatti analoghi a Bologna. "Nel corso del giro ci avevano avvertito che c’era uno scalmanato - ha commentato il sen. Bornacin - per questo volevo che finisse presto. E ora mi chiedo se ci sia venuto da solo o se lo abbiano mandato. Siamo in un’Italia dove un ministro della Repubblica viene aggredito in un centro storico. Questo non era avvenuto neanche negli anni più pesanti". Il ministro La Russa ha minimizzato l’episodio e già in via Prè aveva esortato gli uomini della scorta a non fare del male al contestatore.