Gli studenti del Varalli sbarcano nello spazio

Gli studenti dell’Istituto tecnico turistico Varalli volano nello spazio. I ragazzi potranno salire a bordo della navicella per fare un giro nello spazio, provare il brivido di vivere tra le stelle e condividere le difficoltà della vita in astronave. Il tutto metaforicamente s’intende, ma non del tutto. Gli allievi di via Dini, infatti, potranno parlare oggi con l’astronauta Paolo Nespoli e fargli alcune domande. Non è nemmeno la prima volta. I fortunati studenti del centro scolastico Puecher, hanno già avuto la straordinaria opportunità di collegarsi (audio e video) con la navicella di Nespoli e lo potranno fare fino al 16 maggio, quando l’astronauta milanese rientrerà dalla Missione MagISStra organizzata dall’ESA (European Space Agency). L’istituto è, infatti, l’unica scuola mialnese che ha ottenuto dalla Nasa l’autorizzazione al collegamento spaziale.
L’appuntamento con l’orbita è fissato per oggi dalle 11 alle 11,30: i ragazzi avranno a disposizione uno spazio per un colloquio con Nespoli cui potranno rivolgere una ventina di domande sull’esperienza di «navigatore» spaziale. Attenzione, il merito è anche degli studenti: sono stati loro, infatti, a realizzare la stazione radio amatoriale con cui effettueranno il collegamento grazie al progetto, sponsorizzato dall’assessorato all’Istruzione della Provincia, «Scuola chiama spazio. Spazio chiama scuola».