«Talenti per natura» in metrò Sfida tra musicisti a colpi di note

La metropolitana milanese si è trasformata in un grande palcoscenico nel quale giovani musicisti si fronteggiano tra loro «a colpi di note» in nome dell'ecologia. Fino al primo giugno l'iniziativa «Talenti per natura», organizzata dall'emittente radiofonica LifeGate, in collaborazione col Cpm, Centro professione musica, ospiterà nelle principali fermate del metrò le esibizioni di un gran numero di artisti emergenti. Una possibilità concreta di farsi conoscere e apprezzare da passanti di tute le età così come da manager e produttori discografici che quasi ogni giorno da lunedì a venerdì, esclusi i festivi nelle fasce orarie, 8,30-9,30, 13-14, e 18,30- 20 avranno l'opportunità di ascoltare melodie di ogni genere.
E questo semplicemente transitando in buona parte delle stazioni della linee rossa e verde. Da Loreto a San Babila, dalla Stazione Centrale a Porta Genova, punti della città che daranno spazio alla creatività di otto artisti al giorno. Cinque settimane di musica ed intrattenimento per un totale di seicento concerti in un'operazione che, come ha detto Franco Mussida, presidente del Cpm, «permette ai ragazzi di diventare dei protagonisti di una serie di momenti musicali di grande intensità». Cantanti e band unite in quello che, sempre Mussida, ha definito «uno sforzo gigantesco grazie al quale nelle metrò si vedrà di meno e si ascolterà di più». Tutto questo in difesa del patrimonio ambientale. Infatti la finalità alla base della rassegna è quella di sostenere il progetto «Impatto Zero» che, promosso da LifeGate, intende combattere l'inquinamento atmosferico con l'aiuto di foreste che, secondo quanto previsto, dovrebbero essere messe a punto al Parco del Ticino e in Costarica. In modo da contrastare le emissioni di anidride carbonica da parte di fabbriche e stabilimenti riducendone al minimo il danno ambientale.